I prezzi dell’energia elettrica e del gas naturale negli Stati Uniti crollano sotto lo zero

I prezzi dell’energia elettrica e del gas naturale negli Stati Uniti crollano sotto lo zero
I prezzi dell’energia elettrica e del gas naturale negli Stati Uniti crollano sotto lo zero

Martedì i prezzi spot dell’energia elettrica e del gas naturale negli Stati Uniti sono crollati in territorio negativo in Texas, California e Arizona, segnalando un surplus di produzione in un contesto di domanda contenuta e ampie riserve di energia idroelettrica.

Presso l’hub di Waha, i prezzi del gas il giorno successivo sono crollati al minimo di tre settimane di -2,72 dollari per milione di unità termiche britanniche (mmBtu) il 6 maggio. I prezzi dell’energia elettrica il giorno successivo negli hub in Arizona e California meridionale sono crollati ai minimi di una settimana .

Le dinamiche che determinano prezzi negativi suggeriscono che le aziende energetiche sono alle prese con un eccesso di produzione di energia elettrica e gas. Di conseguenza, i produttori si trovano nella posizione precaria di dover ridurre la produzione, pagare altri per assorbire l’energia in eccesso o ricorrere al flaring.

Le previsioni precedenti questo crollo avevano già accennato a potenziali ribassi dei prezzi del gas presso l’hub di Waha nel Texas occidentale. Queste previsioni si sono concretizzate quando la Kinder Morgan ha avviato la manutenzione stagionale delle condutture che collegano il Permiano alla costa del Golfo. Le riduzioni dei flussi degli oleodotti, insieme alle continue attività di manutenzione, hanno aggravato la pressione al ribasso sui prezzi.

Questi sviluppi si inseriscono nel contesto di prezzi primaverili dell’energia e del gas generalmente contenuti, alimentati dal clima mite e dal miglioramento delle forniture di energia idroelettrica.

Mentre gli operatori di mercato sono alle prese con questi sviluppi senza precedenti, l’attenzione si rivolge ora ai prossimi incontri dell’OPEC+ e della Federal Reserve. Si prevede che questi eventi cruciali forniranno approfondimenti rispettivamente sulle dinamiche dell’offerta globale di petrolio e sulle traiettorie dei tassi di interesse, modellando ulteriormente la traiettoria dei mercati energetici nei prossimi mesi.

Già a marzo si pensava che l’eccesso di offerta nel mercato statunitense del gas naturale si stesse attenuando, con gli operatori che si aspettavano di tagliare la produzione in risposta al crollo dei prezzi di febbraio quando i prezzi avevano toccato il minimo di tre decenni. Nonostante questi prezzi bassi del gas naturale da molti anni, i produttori nazionali negli Stati Uniti hanno continuato ad essere ottimisti riguardo alle prospettive a lungo termine del gas come combustibile.

Di Julianne Geiger per Oilprice.com

Altre letture principali da Oilprice.com:

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV I paesi in via di sviluppo cercano di bilanciare le opportunità di petrolio e gas con le preoccupazioni sul clima
NEXT Forti piogge prolungate che causano inondazioni e preoccupazioni per la sicurezza del bestiame