Il segretario al Commercio degli Stati Uniti afferma che il sequestro cinese di TSMC a Taiwan sarebbe “devastante” Da Reuters

Il segretario al Commercio degli Stati Uniti afferma che il sequestro cinese di TSMC a Taiwan sarebbe “devastante” Da Reuters
Il segretario al Commercio degli Stati Uniti afferma che il sequestro cinese di TSMC a Taiwan sarebbe “devastante” Da Reuters

Di David Shepardson

WASHINGTON (Reuters) – Il ministro del Commercio statunitense Gina Raimondo ha dichiarato mercoledì che un’invasione cinese di Taiwan e il sequestro del produttore di chip TSMC sarebbero “assolutamente devastanti” per l’economia statunitense.

Interrogato in un’audizione alla Camera sull’eventuale impatto, Raimondo ha detto che “sarebbe assolutamente devastante”, rifiutandosi di commentare come e se ciò accadrà, aggiungendo: “In questo momento, gli Stati Uniti acquistano il 92% dei loro chip all’avanguardia da TSMC a Taiwan”.

Il mese scorso, Raimondo ha annunciato che il Dipartimento del Commercio avrebbe concesso all’unità statunitense di TSMC un sussidio di 6,6 miliardi di dollari per la sua produzione di semiconduttori più avanzati a Phoenix, in Arizona, e fino a 5 miliardi di dollari in prestiti governativi a basso costo.

TSMC ha accettato di espandere il suo investimento pianificato da 25 a 65 miliardi di dollari e di aggiungere una terza fabbrica in Arizona entro il 2030, ha affermato il Dipartimento del Commercio nell’annunciare l’aggiudicazione preliminare.

L’azienda taiwanese produrrà la tecnologia a 2 nanometri più avanzata al mondo nel suo secondo stabilimento in Arizona, che dovrebbe iniziare la produzione nel 2028, secondo il dipartimento.

TSMC, il più grande produttore di chip a contratto del mondo e uno dei principali fornitori di Apple (NASDAQ:) e Nvidia (NASDAQ:), aveva precedentemente annunciato l’intenzione di investire 40 miliardi di dollari in Arizona. L’azienda spera di iniziare la produzione in grandi volumi nella sua prima fabbrica negli Stati Uniti nella prima metà del 2025, ha affermato Commerce.

Questa è una pubblicità di terze parti. Non si tratta di un’offerta o di una raccomandazione da parte di Investing.com. Leggi il regolamento Qui O
rimuovere la pubblicità
.

Il Congresso ha approvato il Chips and Science Act nel 2022 per incrementare la produzione nazionale di semiconduttori con 52,7 miliardi di dollari in sussidi alla ricerca e alla produzione, con l’obiettivo di impedire agli Stati Uniti di dipendere dall’Asia per la produzione di chip. I legislatori hanno inoltre approvato un prestito pubblico di 75 miliardi di dollari.

Un documento del governo statunitense del 2023 stimava che una grave interruzione della produzione a Taiwan potrebbe portare a un aumento fino al 59% del prezzo statunitense dei chip logici che i produttori nazionali dovrebbero pagare.

(Modificato in spagnolo da Carlos Serrano)

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Le azioni di Marathon Oil salgono dopo aver conosciuto lo stato di avanzamento delle trattative per il suo acquisto da parte di ConocoPhillips Da Investing.com
NEXT Sura è diventato il secondo EPS consegnato al governo a causa della crisi finanziaria