L’uomo accusato di tentato omicidio ha potuto fissare la propria cauzione

L’uomo accusato di tentato omicidio ha potuto fissare la propria cauzione
L’uomo accusato di tentato omicidio ha potuto fissare la propria cauzione

POUGHKEEPSIE – Mercoledì a uno dei principali sospettati del “Melee on Maple Street” del 2023, accusato di tentato omicidio, è stato permesso di fissare la propria cauzione presso il tribunale della contea di Dutchess. Rakim Paulin, 43 anni, di Beacon, è stato arrestato nell’agosto 2023 nella città di Poughkeepsie dopo aver presumibilmente tentato di usare un’accetta per uccidere un uomo in un parco di Poughkeepsie. L’evento ha innescato uno scontro su larga scala su Maple Street (arteria 44/55 in direzione ovest) il 20 agosto 2023.

Paulin fu arrestato quel giorno e accusato di tentato omicidio. Dopo la sua citazione in giudizio, è stato detenuto senza cauzione nel carcere della contea di Dutchess, dove è rimasto fino a mercoledì.

Martedì la divisione d’appello del secondo dipartimento della Corte suprema dello Stato di New York si è pronunciata a favore di Paulin, dopo che l’ufficio del procuratore distrettuale della contea di Dutchess non ha avviato un procedimento contro di lui entro 90 giorni dall’accusa di crimini.

L’avvocato assegnato all’imputato, Mara Timourian, ha presentato ricorso contro l’incarcerazione del suo cliente ai sensi delle leggi sulla riforma della cauzione dello Stato di New York. La nuova legge richiede che i pubblici ministeri procedano con un caso contro un imputato entro 90 giorni, quasi senza eccezioni. Nell’appello, Timourian ha indicato che il suo cliente era stato incarcerato dopo l’incidente e che l’ufficio del procuratore distrettuale non aveva portato avanti il ​​procedimento giudiziario. Lunedì, la Corte d’appello ha emesso una decisione, affermando in parte: “Di conseguenza, il diritto di procedura penale (CPL 30.30(2)(a) richiede che Rakim Paulin sia rilasciato su cauzione che è in grado di pagare, o dietro suo riconoscimento, e alle altre condizioni che possono sembrare giuste e appropriate”.

L’articolo del Mid-Hudson News, con i filmati della scena, può essere trovato qui.

Rakim “Rock” Paulin avrebbe dato la caccia a un uomo in un parco di Poughkeepsie mentre era armato di machete. Quando la vittima designata è fuggita, Paulin, dice la polizia, ha investito l’uomo con la sua auto a 45 miglia all’ora sull’arteria. Un secondo uomo ha picchiato la vittima con una mazza mentre la calpestava.

In seguito alla decisione della corte superiore, il giudice del tribunale della contea di Dutchess Edward McLoughlin ha fatto portare Paulin dal carcere mercoledì per chiedergli quanta cauzione poteva permettersi. A verbale, McLoughlin ha sottolineato che era “obbligato” a chiedere a Paulin lo stato dei suoi beni pur essendo in disaccordo con la direttiva. Quando Paulin ha indicato di avere 1.350 dollari nel suo conto fiduciario presso la prigione della contea di Dutchess e di non avere altri beni significativi, McLoughlin ha fissato la cauzione a 1.350 dollari in base alla decisione della Corte d’appello. Paulin è stato riportato in prigione per essere processato e rilasciato mercoledì.

Il giudice McLoughlin, notando la gravità delle accuse, ha posto ulteriori condizioni al rilascio di Paulin. L’accusato è tenuto a presentarsi al dipartimento di libertà vigilata della contea di Dutchess cinque volte alla settimana fino al processo e a sottoporsi a test antidroga ad ogni visita in libertà vigilata. All’accusato aggressore di machete è vietato lasciare la contea di Dutchess a meno che il giudice e la libertà vigilata non concedano l’approvazione, e deve consegnare la patente di guida.

Paulin dovrebbe essere processato per tentato omicidio, tentata aggressione e aggressione a partire dal 3 giugno 2024.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Un uomo dichiarato colpevole di omicidio nell’ottobre 2022. La morte di una donna è stata spinta dal ponte della Highway 63
NEXT I giudici federali lanciano una mappa del Congresso della Louisiana, portando nuova incertezza sul futuro di un seggio alla Camera