Festa della mamma 2024 in Perù: com’era la maternità ai tempi degli Inca | tdpe | RISPOSTE

Festa della mamma 2024 in Perù: com’era la maternità ai tempi degli Inca | tdpe | RISPOSTE
Festa della mamma 2024 in Perù: com’era la maternità ai tempi degli Inca | tdpe | RISPOSTE

La madre è sempre stata una figura importante in tutte le culture e società del mondo. Persino il Festa della mamma che celebriamo ogni seconda domenica di maggio in Perù è un esempio di come viene valorizzata la maternità nella società di oggi. In questo senso è interessante pensare a come era il rapporto tra madri e figli in epoca antica Impero Inca. Dopotutto, il passare del tempo cambia tutto. Vediamo allora come erano le madri degli Inca secoli fa.

Come alcune usanze che si mantengono ancora oggi, a Tahuantinsuyo le madri ricorrevano ad alcuni rituali di carattere religioso o spirituale quando scoprivano di essere rimaste incinte. Ad esempio, potevano fare offerte alla Pachamama o affidarsi a una huaca per assicurarsi che la gravidanza continuasse senza problemi.

Dopo nove mesi, le donne erano in grado di partorire completamente da sole, praticamente in qualsiasi momento e luogo. “Ogni mattina che lo fasciavano dovevano lavarlo con acqua fredda, e le volte che lo mettevano di notte… dicevano che facevano questo più per abituarli al freddo e a lavorare e anche per irrobustire le loro membra “si legge in una delle cronache di Garcilaso de la Vega. “Non hanno liberato le loro braccia dalle bende perché hanno detto che liberarle prima le avrebbe rese deboli nelle braccia”..

Quando i bambini erano piccoli, le madri evitavano di portarli a tutti i costi. Qualcosa che oggi potrebbe sembrare inaccettabile allora era quasi la norma. Lo hanno fatto in questo modo credendo che ciò avrebbe forgiato in loro un carattere migliore. Le mamme potevano anche allattare i propri figli semplicemente avvicinandosi a loro, senza bisogno di prenderli in braccio. Inoltre lo facevano solo tre volte al giorno, non importa quanto si lamentassero.

Man mano che crescevano e cominciavano a muovere i primi passi, le mamme scavavano delle buche nel terreno, dove mettevano i piccoli insieme ai giocattoli. In questo modo si divertivano e non si allontanavano da loro. Come se ciò non bastasse, questo metodo aiuta anche a tenerli tra le tue braccia per il minor tempo possibile.}

A questo punto potrebbe sembrare che le madri dell’Impero Inca non fossero così attaccate ai propri figli. Tuttavia, ovviamente da allora hanno stretto un grande legame con loro Erano gli unici capaci di allevarli. Indipendentemente dallo strato familiare, la madre era l’unica responsabile dell’educazione dei figli. L’unica ragione per cui potevano delegare momentaneamente la genitorialità a qualcun altro era la malattia.

Così, i bambini Inca raggiunsero l’età in cui lasciarono il seno della madre e solo in quel momento ricevettero il loro nome. Tuttavia, ne hanno ricevuto uno ufficiale durante la cerimonia della pubertà. ‘Waracikoy’ nel caso degli uomini, che veniva festeggiato al compimento dei 14 anni e ‘Quicuchicoy’ per le donne, nel qual caso veniva festeggiato dopo la prima mestruazione.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Donna di Carbondale accusata di omicidio e incendio doloso a seguito di un recente incendio in South Rawlings Street | Notizia
NEXT I giudici federali lanciano una mappa del Congresso della Louisiana, portando nuova incertezza sul futuro di un seggio alla Camera