Lo skipper del CSK Ruturaj Gaikwad dopo la vittoria sui Rajasthan Royals

Lo skipper del CSK Ruturaj Gaikwad dopo la vittoria sui Rajasthan Royals
Lo skipper del CSK Ruturaj Gaikwad dopo la vittoria sui Rajasthan Royals
NUOVA DELHI: Il campo di Chepauk, noto per la sua natura a due ritmi in cui spesso dominano gli spinner, è stato un modello coerente per i Chennai Super Kings negli ultimi 17 anni.

L’attuale skipper Ruturaj Gaikwad non vede alcun motivo per deviare da questa strategia, soprattutto dopo una convincente vittoria a cinque wicket sui Rajasthan Royals in una partita IPL a basso punteggio a Chennai.

Nonostante avesse bisogno di vincere l’ultima trasferta per assicurarsi un posto per i playoff con 16 punti e un buon run-rate netto, Gaikwad ha espresso soddisfazione per aver terminato le partite di campionato in casa con una comoda vittoria, descrivendola come una “sensazione meravigliosa”.

“Sicuramente ci piacerebbe giocare su tali wicket. Mette in gioco i nostri spinner e con limiti enormi, c’è un certo rischio di colpire i sei”, ha detto l’astuto giovane capitano alla cerimonia di presentazione post partita.

I Rajasthan Royals si sono trovati in difficoltà nel segnare contro i Chennai Super Kings, riuscendo a registrare un totale sotto la media di 141 su cinque nei 20 over assegnati. Questa difficoltà derivava dall’efficace strategia adottata dal CSK, che prevedeva di rallentare le consegne.

“Questo è sempre il piano ogni volta che vieni qui. A volte, il wicket è più piatto e andiamo dagli Yorkers. Quando il wicket è lento e hai una squadra più grande, vuoi rallentare”, ha spiegato.

Gaikwad ha gettato l’ancora e ha battuto fino alla fine, segnando un 42 imbattuto su 41 consegne, ma quella era la necessità del momento.

“Come squadra, abbiamo giocatori di ictus, quindi il mio compito era restare lì fino alla fine”, ha parlato Gaikwad del suo ruolo.

Sentiva che il loro punteggio Powerplay rendeva tutto facile nonostante la perdita di alcuni wicket nel middle over.

“Quando eravamo 55-1, sentivo che stavamo andando in crociera. Uno o due wicket possono consentire agli avversari di tornare indietro. In generale, pensavo che stessimo andando in crociera e non c’era pressione fino alla fine”.

Il migliore in campo Simarjeet Singh, che era stato fuori campo per più di un anno prima di questo IPL, ha ringraziato il management del CSK per essersi preso cura di lui.

“Sono molto grato alla dirigenza del CSK, al fisioterapista e al mio allenatore per avermi trattato come hanno fatto quando ero infortunato. È una benedizione”.

Lo skipper del Rajasthan Royals Sanju Samson ritiene che sia molto difficile prevedere il tipo di pista che sarà offerta nelle partite in trasferta, ma capisce anche che con l’avvicinarsi dell’alta estate, le piste si usureranno e diventeranno più lente.

“Non siamo sicuri di cosa aspettarci dalle partite in trasferta. Abbiamo pensato che battere per primi fosse l’opzione migliore”, ha detto da parte sua Samson.

“Avevano un’idea migliore di cosa inseguire essendo abituati a giocare qui, pensavamo che sarebbe stato più lento nel secondo inning, ma il wicket invece era migliore.

“Quando giochi di notte, l’inseguimento è un gioco da ragazzi a causa della rugiada. Il campo si riscalda durante l’estate, quindi mi aspettavo che il wicket rallentasse nel secondo inning.”

Gli RR sono a 16 punti e con due partite rimaste, ci sono ottime possibilità che finiscano tra i primi due con due tiri per un posto agli spareggi.

(Con ingressi PTI)

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Bitcoin mostra i guadagni giornalieri più alti degli ultimi 2 mesi, Jack Dorsey afferma che il prezzo supererà il milione di dollari
NEXT Campionato Europeo 470 – Oro per gli spagnoli Jordi Xammar e Nora Brugman – Sailweb