Alti e bassi nel porto della Concordia. Ha superato le 13.50, è sceso di qualche cm e poi ha ripreso la risalita. E il lago? – Notizia

Alti e bassi nel porto della Concordia. Ha superato le 13.50, è sceso di qualche cm e poi ha ripreso la risalita. E il lago? – Notizia
Alti e bassi nel porto della Concordia. Ha superato le 13.50, è sceso di qualche cm e poi ha ripreso la risalita. E il lago? – Notizia
Come è noto, l’altezza del fiume Uruguay davanti al Porto di Concordia nasce da una combinazione di leggi fisiche e naturali con interventi umani, prodotto delle decisioni adottate dalla Diga del Salto Grande.

Vale la pena fare un esempio. Nella maggior parte delle città fluviali, in particolare nelle acque a nord del complesso idroelettrico, si presume che il fiume possa alzarsi durante la notte. A Concordia, invece, la diga ha cercato di stabilizzarla di notte, con l’obiettivo di non complicare ulteriormente l’impatto su chi deve evacuare.

Così, tra sabato ieri e questa domenica, si sono registrati comportamenti irregolari davanti al porto del capoluogo degli agrumi, con alti e bassi, come rivelano i dati pubblicati dalla Rete Telemetrica Salto Grande.

Qualche esempio. A partire da sabato 11 maggio l’altezza è stata di 13,11 metri. Nello stesso giorno è cresciuto fino a raggiungere i 13,54 metri alle 20:30. Da quel momento si è notato un minimo calo, tanto che alla fine di sabato la bilancia segnava 13,50.

Finora, questa domenica, il comportamento ha continuato ad essere irregolare. Si è alzato di un centimetro fino alle 3.30 del mattino. Poi è sceso leggermente alle 13.47 alle 7.45. Alla fine, alle 8 e un quarto, segnava 13,49, suggerendo il ritorno ad una curva al rialzo.

Vale la pena ricordare che nel verbale diffuso ieri sabato dalla Commissione Tecnica Mista di Salto Grande si legge che “fino alle ore 7 di domani (per oggi domenica), la portata evacuata varierà tra 22.500 e 23.500 m³/s e i livelli massimi nei porti di Concordia e Salto non supereranno rispettivamente i valori di 13,70 e 13,90 metri”.


“Tra le 7 e le 13 di domani (per oggi, domenica), la portata evacuata varierà tra 23.500 e 24.500 m³/s. I livelli massimi nei porti di Concordia e Salto non supereranno rispettivamente i valori di 13,90 e 14,10 metri.”

Il lago sta crescendo ma non ha ancora raggiunto i 34

Se si esaminano le altezze del lago di Salto Grande, è possibile vedere che il livello che ha segnato il cardine dell’operazione di “scarico” era di 31,08 metri, alle ore 17:00 di martedì 7 maggio.

Da lì è iniziata la salita. La barriera dei 32 metri è stata superata alle 12:30 di giovedì 9 maggio, mentre la barriera dei 33 metri è stata raggiunta alle 16:30 di venerdì 10 maggio.

Secondo il rapporto ufficiale della CTM, il bacino raggiungerà i 35 metri. Alle 8:30 di questa domenica ero a poco più di un metro da quel traguardo. Era arrivato a 33,95.

Vale la pena notare che, secondo la Prefettura Navale argentina, il “Salto Grande Arriba” raggiunge il livello di allerta solo a 35,80 metri e il livello di evacuazione a 36,30 metri.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Muore Bill Walton, giocatore iconico e due volte campione NBA
NEXT Questa è stata l’audizione di Farruko Pop per ‘La Academia’