Prodotti cinesi scadenti di peperoncino essiccato sequestrati al confine di Taiwan

Prodotti cinesi scadenti di peperoncino essiccato sequestrati al confine di Taiwan
Prodotti cinesi scadenti di peperoncino essiccato sequestrati al confine di Taiwan

Taipei, 14 maggio (CNA) Due spedizioni di prodotti a base di peperoncino essiccato importati dalla Cina per un totale di 19.930 chilogrammi sono state recentemente intercettate al confine di Taiwan dopo essere state trovate contenenti eccessivi residui di pesticidi, ha detto martedì la Food and Drug Administration (TFDA) di Taiwan.

Si è scoperto che una spedizione di 3.980 chilogrammi di fette di peperoncino essiccato e una spedizione di 15.950 chilogrammi di scaglie di peperoncino essiccato contenevano clormequat, un pesticida che può essere utilizzato come regolatore della crescita delle piante, a concentrazioni di 0,17 e 0,07 parti per milione (ppm). ), rispettivamente, superando il limite non rilevabile, ha affermato il vicedirettore generale della TFDA Lin Chin-fu (林金富).

Accettate per l’ispezione il 23 aprile e successivamente distrutte o restituite al paese d’origine, le due spedizioni di prodotti a base di peperoncino essiccato contaminati sono state entrambe importate dalla società cinese Tianjin Yongsheng Agricultural Product First Making Co., Ltd. da Sin Chon Food Co. Ltd. nella contea di Yunlin, secondo le informazioni fornite dalla TFDA.

Dal 6 novembre 2023 al 6 maggio 2024, sono state ispezionate al confine 120 spedizioni di prodotti correlati al peperoncino in polvere importati dalla Cina. Di queste, 24 spedizioni non hanno superato i test di sicurezza alimentare, principalmente a causa della presenza di coloranti sudanesi e dei pesticidi clormequat e clotianidina, ha aggiunto Lin.

Secondo Lin, i prodotti legati al peperoncino, indipendentemente dal loro Paese di origine, saranno soggetti a ispezioni alle frontiere spedizione per spedizione fino al 5 marzo 2025.

La misura è stata attuata a seguito di un incidente che ha fatto notizia tra febbraio e marzo e che ha comportato l’uso diffuso di peperoncino cinese in polvere contaminato con colorante rosso sudanese a Taiwan.

Secondo il rapporto settimanale, oltre alle due ultime spedizioni di prodotti a base di peperoncino essiccato contaminati, al confine sono state intercettate anche altre 16 spedizioni di cibi e bevande.

Di queste 16 spedizioni sequestrate, cinque spedizioni di vino analcolico spagnolo con il marchio “Bodega Win” sono risultate positive al biossido di zolfo, un agente sbiancante di cui è vietato l’uso nelle bevande. È stato scoperto che due spedizioni di broccoli freschi dal Vietnam contenevano quantità eccessive del pesticida flonicamid.

La TFDA ha inoltre affermato che anche una spedizione di gelato durian importato da Singapore è finita nell’elenco dei prodotti sequestrati a causa dell’elevata carica batterica.

È stata rilevata una concentrazione di 21.000 unità formanti colonie per grammo (CFU/g) di Enterobacteriaceae, una famiglia di batteri, alcuni dei quali causano malattie.

Alla domanda su cosa potrebbe causare l’elevata concentrazione di enterobatteriacee, che supera significativamente il limite di 10 CFU/g, Lin ha detto alla CNA che questa spedizione da 1.296 chilogrammi sarebbe stata contaminata a causa di standard igienici inferiori agli standard durante il processo di produzione.

Lin ha affermato che gli individui con un sistema gastrointestinale relativamente debole potrebbero manifestare sintomi dopo aver consumato il gelato.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il debito societario sale alle stelle a 2.734 trilioni di won, crescendo a un tasso annuo dell’8%
NEXT Crollo del ponte di Baltimora: 20 indiani a bordo affrontano momenti “difficili” a Dali, affermano che “la situazione sta peggiorando”