Il 26 giugno inizia il processo contro 20 ex membri del PTD – Nigeria – The Guardian Nigeria News – Nigeria e World News

Il 26 giugno inizia il processo contro 20 ex membri del PTD – Nigeria – The Guardian Nigeria News – Nigeria e World News
Il 26 giugno inizia il processo contro 20 ex membri del PTD – Nigeria – The Guardian Nigeria News – Nigeria e World News

L’Alta Corte del Territorio della Capitale Federale (FCT) inizierà il 26 giugno il processo contro 20 ex leader del ramo Petroleum Tanker Drivers (PTD) dell’Unione nigeriana dei lavoratori del petrolio e del gas naturale (NUPENG) accusati di tentato omicidio.

Gli ex leader sindacali, tra cui un ex presidente nazionale, Lucky Osesua, sono stati accusati davanti al giudice Yusuf Halilu di tentato omicidio, violazione della pace e aggressione da parte dell’ufficio del procuratore generale della Federazione.

Sono accusati anche Dayyabu Garga, Humble Obinna, Akinolu Olabisi, Godwin Nwaka, Tiamiu Sikiru, Abdulmimin Shaibu e John Amajuoyi.

Altri sono Zaira Aregbo, Patrick Erhivwor, Stephen Ogheneruemu, Gift Ukponku e Sunday Ezeocha e altri sette.

I membri del sindacato avrebbero attaccato il presidente della NUPENG, Wiliams Akporeha; Il segretario generale, Wale Afolabi e il neoeletto presidente nazionale del ramo PTD di NUPENG, Augustine Egbon.

In particolare, i membri del NUPENG sarebbero stati accusati di aver agito “in un modo tale da causare la morte di un compagno Wiliams Akporeha e del compagno Augustine Egbon”, quando assediarono l’ufficio del PTD al numero 50 di Moses Majekodenmi Crescent, distretto di Utako ad Abuja, il novembre 1.

Nella causa, gli imputati sono stati inoltre accusati di aver causato volontariamente lesioni personali gravi al compagno Williams Akporeha, al compagno Olawale Afolabi, al compagno Solomon Kilanko e al compagno Augustine Egbon.

Essi, tuttavia, si sono dichiarati non colpevoli delle accuse.

Durante l’udienza riepilogativa della questione, l’avvocato dell’accusa D. Kaswe ha detto alla corte che avrebbe preso il posto di Frank Longe che se ne occupava in precedenza.

Ha detto alla corte che non è a suo agio con il numero degli imputati e sta lavorando per dividere le accuse.

Kaswe ha aggiunto di aver studiato il dossier e di essersi alleato con l’ex avvocato sulla revoca della cauzione degli imputati.

Rispondendo all’accusa, l’avvocato dell’imputato Christopher Oshomegie, SAN si è chiesto perché l’accusa fosse interessata alla revoca della cauzione dell’imputato.

”Perché sono interessati a mettere queste persone (imputati) in prigione piuttosto che perseguire la questione.

”Gli imputati dovevano presentarsi in tribunale e non hanno fallito. “L’accusa non ha portato alcun testimone per dimostrare le loro accuse”, ha detto.

Frank Longe aveva già chiesto la revoca della cauzione a carico degli imputati, decisione che la corte dovrà pronunciare oggi.

Il giudice si è scusato dicendo che, nonostante avesse scritto la sentenza, l’aveva dimenticata sul tavolo mentre correva fuori.

Il giudice Halilu è stato aggiornato al 26 giugno per l’inizio definitivo del processo.

Halilu ha concesso al nuovo avvocato dell’accusa, Kaswe, il tempo di esaminare il fascicolo, aggiungendo che “non importa dove gli imputati forse hanno interesse a concentrarsi sul perseguimento del caso”.

Ha aggiunto che la cauzione è un accordo contrattuale tra il tribunale e gli imputati e ha avvertito gli imputati di evitare di fare qualsiasi cosa che possa causare la revoca della loro cauzione.

Longe (ex avvocato dell’accusa) il 13 marzo ha detto alla corte che l’accusa aveva presentato una mozione il 1° marzo.

La mozione secondo la quale è contrassegnata M/4807/24 chiede alla corte che venga revocata la cauzione degli imputati e che venga emessa un’ordinanza restrittiva.

Ha aggiunto che gli imputati stanno minacciando la vita dei testimoni dell’accusa e dei loro familiari.

Longe ha affermato che fino a quando non verrà interrotto, il caso non potrà andare avanti e quindi ha chiesto alla corte di fare il necessario.

In risposta, l’avvocato difensore, Christopher Oshomegie, SAN, ha detto alla corte che i suoi clienti non si sono mai discostati da ciò che la corte aveva ordinato loro quando è stata concessa la cauzione.

Ha aggiunto che i nomi e i luoghi delle presunte persone minacciate non sono stati forniti dall’accusa.

Oshomegie ha sostenuto che l’accusa non ha mostrato alcun documento sulla minaccia.

”Chiede alla corte di togliere la libertà a questi uomini senza fornire i materiali per farlo.

Longe ha informato la corte che gli imputati stavano ancora per causare problemi nonostante fossero su cauzione.

L’avvocato difensore, Christopher Oshomegie, SAN, ha negato le accuse e ha sostenuto che i suoi clienti erano gentiluomini che non si sarebbero mai impegnati in tali atti criminali.

Tuttavia, ha esortato la corte a proteggere gli imputati da coloro che ha descritto come “mercanti di potere”.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV L’oro del bowling degli Special Olympics entra nel consiglio comunale di Swift Current – SwiftCurrentOnline.com
NEXT I giudici federali lanciano una mappa del Congresso della Louisiana, portando nuova incertezza sul futuro di un seggio alla Camera