I democratici al Senato del Missouri forzano i negoziati su un piano per indebolire la democrazia diretta

I democratici al Senato del Missouri forzano i negoziati su un piano per indebolire la democrazia diretta
I democratici al Senato del Missouri forzano i negoziati su un piano per indebolire la democrazia diretta

L’ostruzionismo da record dei democratici si è finalmente concluso mercoledì, quando il Senato del Missouri ha votato per negoziare ulteriormente con la Camera una misura che indebolirebbe la democrazia diretta.

La mozione, approvata dai senatori con un voto di 18 a 13, consente ai legislatori della Camera e del Senato di discutere se rimuovere dalla misura il linguaggio ingannevole inteso ad invogliare gli elettori.

Il voto di mercoledì ha segnato una vittoria per i democratici del Senato che avevano trascorso più di 50 ore a bloccare la legislazione. I democratici avevano promesso di mantenere la parola fino alla fine della sessione legislativa, venerdì, a meno che i repubblicani non accettassero di eliminare le disposizioni non correlate chiamate “ballot candy”.

Il promotore del provvedimento, il sen. Maria Elisabetta Colemanun repubblicano di Arnold, ha presentato la mozione e ha segnalato che i repubblicani non avevano voti sufficienti per interrompere l’ostruzionismo democratico.

“Questa è davvero l’unica strada che mantiene viva la questione”, ha detto Coleman, candidato alla carica di segretario di stato del Missouri. In seguito ha aggiunto che “queste politiche sono troppo importanti per giocare a giochi politici”.

La legislazione in questione revisionerebbe il secolare processo di petizione di iniziativa statale alzando la soglia per l’approvazione degli emendamenti costituzionali al ballottaggio.

Democratici e sostenitori dei diritti di voto hanno denunciato l’intera misura come un attacco alla democrazia. Ma il nucleo dell’ostruzionismo democratico era incentrato sulle disposizioni “ballot candy” allegate alla legislazione.

La versione del quesito elettorale che verrebbe posta di fronte agli elettori chiederebbe agli abitanti del Missouri se vogliono vietare l’interferenza straniera nelle misure elettorali guidate dai cittadini e consentire solo ai cittadini statunitensi di votare sugli emendamenti costituzionali.

Entrambi sono già illegali.

Il leader della minoranza al Senato John Rizzo, un democratico indipendentista, ha detto mercoledì che il voto indicava che i repubblicani erano favorevoli alla rimozione delle disposizioni sulle “caramelle elettorali”.

“Teneremo una conferenza e toglieremo il voto favorevole e le persone potranno, a quel punto, sapere su cosa stanno votando invece di inserire ridondanze nella costituzione”, ha detto Rizzo.

La mozione di mercoledì chiede che la Camera approvi la versione del provvedimento del Senato senza le disposizioni aggiuntive o si rivolga a una commissione per discutere se rimuoverle.

I membri dell’estrema destra Missouri Freedom Caucus si sono scagliati contro la mozione, sostenendo che i repubblicani si stavano effettivamente allineando con i democratici.

Il presidente del gruppo, sen. Rick Brattin, repubblicano di Harrisonville, ha legato direttamente lo sforzo di aumentare la soglia di approvazione a un potenziale voto sul diritto all’aborto a novembre. Brattin ha urlato ai suoi colleghi repubblicani di votare contro la mozione.

“Questo Partito Repubblicano non ha la spina dorsale per lottare per ciò che è giusto e per la vita”, ha detto. “Avranno il sangue degli innocenti sulle loro mani.”

Alcuni repubblicani del Missouri hanno sentito una rinnovata energia per rivedere il processo di petizione dell’iniziativa mentre i sostenitori del diritto all’aborto lanciano una campagna per revocare il divieto di aborto nello stato.

I repubblicani anti-aborto sperano di inserire la modifica della petizione di iniziativa nel ballottaggio di agosto come un modo per aumentare la soglia di approvazione prima del potenziale voto sul diritto all’aborto di novembre.

Il caucus dell’estrema destra ha spinto i repubblicani a mettere in atto una manovra raramente utilizzata che avrebbe interrotto l’ostruzionismo democratico e costretto a votare la misura. Una mossa del genere sarebbe stata vista come un segno di mancanza di rispetto e quasi certamente avrebbe scatenato ostruzionismo da parte dei democratici nella prossima sessione.

“Sembra che la maggioranza del partito di maggioranza abbia deciso che gli piacerebbe vedere una funzione del Senato e non usare quello che sappiamo tutti sarebbe uno strumento piuttosto distruttivo per chiudere il dibattito”, ha detto Sen. Lauren Arthur, una democratica di Kansas City.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Lo splendido look di Kim Ji Won ruba i riflettori al recente evento di lancio
NEXT Jurgen Klopp incolpa Virgil van Dijk per il crollo tardivo del Liverpool contro l’Aston Villa