Lo yen giapponese balza contro il dollaro USA: livelli di trading chiave

Il tasso di cambio dello yen è salito rispetto al dollaro USA giovedì in risposta al miglioramento delle prospettive per il tasso di interesse della Federal Reserve. La coppia è scesa a 153,88.

Dopo che gli Stati Uniti hanno pubblicato i dati aggiornati sull’inflazione di aprile, la probabilità di una riduzione del costo del denaro nel paese è aumentata notevolmente. Sia l’indice generale che quello principale dei prezzi al consumo hanno rallentato in aprile, mentre le vendite al dettaglio sono rimaste stagnanti. Ipoteticamente, un taglio del tasso di interesse da parte della Federal Reserve significherebbe un divario più ristretto tra l’approccio monetario della Federal Reserve e quello della Banca del Giappone, il che è un segnale positivo per lo yen.

Le statistiche sul PIL del Giappone sono state più deboli del previsto, con l’economia giapponese in contrazione del 2,0% a/a nel primo trimestre del 2024 rispetto al calo previsto dell’1,5%. Il fattore principale è la debolezza dei consumi privati, in calo da quattro trimestri consecutivi.

Un simile rapporto complica notevolmente le operazioni della Banca del Giappone. Il regolatore deve intraprendere azioni per mantenere un equilibrio tra il sostegno all’economia e la lotta alle conseguenze dello yen debole.

Analisi tecnica USD/JPY

Sul grafico H4, la coppia USD/JPY ha completato un’onda correttiva, raggiungendo 156,76. Oggi si sta formando un altro calo verso 151,40. Dopo che il prezzo avrà raggiunto questo livello, potrebbe iniziare una correzione, puntando a 154,80 (test dal basso). Successivamente, il trend potrebbe continuare fino a 149,00 che rappresenta il primo obiettivo dell’ondata di ribasso. Questo scenario è tecnicamente confermato dall’oscillatore MACD, con la sua linea di segnale sotto il livello zero, strettamente diretta verso il basso.

Sul grafico H1, la coppia USD/JPY ha completato una struttura d’impulso, raggiungendo 154,80. Attorno a questo livello si è formato uno stretto intervallo di consolidamento. Oggi, con un breakout al ribasso, il prezzo ha raggiunto il target locale di 153,60. Successivamente, è previsto un aumento a 154,80 (test dal basso), seguito da un’altra possibile ondata di ribasso, puntando a 152,90 e potenzialmente continuando a 151,40. Tecnicamente, questo scenario è confermato dall’oscillatore stocastico, con la sua linea di segnale sopra 20, pronta a salire fino alla soglia degli 80.

A cura del dipartimento analitico di RoboForex

Disclaimer

Tutte le previsioni qui contenute si basano sull’opinione particolare dell’autore. Questa analisi non può essere trattata come un consiglio di trading. RoboForex non si assume alcuna responsabilità per i risultati di trading basati sulle raccomandazioni di trading e sulle recensioni qui contenute.

Annuncio di terze parti. Non si tratta di un’offerta o di una raccomandazione da parte di Investing.com. Vedi informativa Qui O
rimuovere gli annunci
.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il governo ha sospeso l’aumento della tariffa del gas previsto per maggio
NEXT Irrisolto: l’omicidio in cucina di Hyram