Romney dice che se fosse presidente avrebbe immediatamente graziato Trump

Romney dice che se fosse presidente avrebbe immediatamente graziato Trump
Romney dice che se fosse presidente avrebbe immediatamente graziato Trump

cnn

Il senatore repubblicano dello Utah Mitt Romney ha affermato che se fosse stato il presidente Joe Biden avrebbe “perdonato immediatamente” l’ex presidente Donald Trump.

“Se fossi stato il presidente Biden, quando il Dipartimento di Giustizia ha presentato le accuse, lo avrei immediatamente graziato”, ha detto Romney al programma “The 11th Hour with Stephanie Ruhle” di MSNBC in un’intervista che andrà in onda mercoledì. “Avrei perdonato il presidente Trump. Perché? Bene, perché rende me, il presidente Biden, il pezzo grosso e la persona che ho perdonato un ragazzino.

Trump, il presunto candidato repubblicano alle presidenziali, affronta 88 capi d’imputazione su quattro atti penali in Georgia; New York; Washington DC.; e Florida, con gli ultimi due casi federali perseguiti dal procuratore speciale Jack Smith.

Mentre il critico di lunga data di Trump non è d’accordo con la gestione dei casi federali da parte di Biden, Romney ha anche criticato gli attacchi di Trump ai tribunali e ha chiamato in causa i repubblicani che stanno cercando di ingraziarsi l’ex presidente durante il suo processo segreto a Manhattan.

L’ex presidente, che si è dichiarato non colpevole di tutte le accuse, ha ripetuto l’affermazione infondata secondo cui Biden avrebbe utilizzato come arma il Dipartimento di Giustizia contro il suo rivale per le elezioni presidenziali del 2024. Ha inoltre attaccato continuamente i giudici che supervisionavano i suoi casi, dando origine a problemi di sicurezza e alcuni hanno ricevuto minacce.

“Penso che sia una colpa terribile per il nostro Paese vedere persone che attaccano il nostro sistema legale, è un errore enorme”, ha affermato Romney.

Gli alleati dell’ex presidente si sono riversati nel tribunale penale di Manhattan per mostrare il loro sostegno a Trump, incluso il governatore del North Dakota. Doug Burgum e il senatore dell’Ohio. JD Vance, entrambi presi in considerazione per essere il candidato alla corsa di Trump.

“Penso che sia anche umiliante per le persone cercare apparentemente di candidarsi alla vicepresidenza indossando una cravatta rossa e stando fuori dal tribunale. È giusto, mi sarei sentito a disagio”, ha detto Romney.

I politici che sono venuti in difesa dell’ex presidente – tra cui anche i rappresentanti della Florida. Byron Donalds e Cory Mills e l’ex candidato presidenziale repubblicano Vivek Ramaswamy – stanno attaccando le persone di cui a Trump è vietato parlare pubblicamente a causa di un ordine di silenzio emesso dal giudice nel processo in corso per il silenzio di Manhattan.

Romney è da tempo un critico di Trump e ha spesso criticato i suoi colleghi repubblicani per la loro continua lealtà verso l’ex presidente. Ha ritenuto Trump colpevole di abuso di potere durante il primo processo di impeachment di Trump al Senato, diventando il primo senatore nella storia degli Stati Uniti a votare per rimuovere un presidente dallo stesso partito. E un anno dopo, ha votato insieme ad altri sei repubblicani per condannare Trump per incitamento all’insurrezione al Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio durante il secondo processo di impeachment dell’ex presidente. Romney ha detto di non aver votato per Trump, il candidato del suo partito, nel 2020 e ha detto che non voterà per lui nel 2024.

Il senatore 77enne è stato candidato al Partito Repubblicano nella corsa presidenziale del 2012, perdendo contro il democratico in carica Barack Obama. Romney, noto per la sua voce distintiva al Senato come deputato disposto ad affrontare il proprio partito, ha annunciato l’anno scorso che non avrebbe cercato la rielezione al suo posto.

Clare Foran e Morgan Rimmer della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Jonquel Jones guida Liberty alla vittoria di apertura della stagione sui Mystics
NEXT Tavares segna all’OT, il Canada vince 7-6 sull’Austria