La popolazione musulmana dell’India è davvero esplosa? | Notizie sulle elezioni indiane 2024

La popolazione musulmana dell’India è davvero esplosa? | Notizie sulle elezioni indiane 2024
La popolazione musulmana dell’India è davvero esplosa? | Notizie sulle elezioni indiane 2024

Nuova Delhi, India – La quota di musulmani indiani nella popolazione del paese è aumentata di oltre il 43% dal 1950: questo è il risultato chiave di un nuovo documento di lavoro pubblicato dall’Economic Advisory Council (EAC) del primo ministro Narendra Modi.

Nel mezzo dell’accesa campagna elettorale nazionale dell’India, mentre Modi dipinge sempre più scenari spaventosi in cui i musulmani sostenuti dai partiti di opposizione si impadroniscono delle risorse della nazione, il rapporto ha suscitato critiche sulla sua tempistica. Settori del Bharatiya Janata Party (BJP) al governo di Modi hanno amplificato i risultati del documento per enfatizzare una narrazione a lungo diffusa dalla destra indù secondo cui la maggioranza religiosa della comunità nel paese è in pericolo.

Allora, cosa sostiene il documento e cosa dicono i fatti? La popolazione musulmana dell’India sta effettivamente crescendo in modo esponenziale più velocemente di quella di altre comunità, compresi gli indù? E perché il rapporto è oggetto di critiche?

Cosa dice il documento di lavoro?

Il rapporto esamina le tendenze demografiche globali tra il 1950 e il 2015. Si basa sulle statistiche dell’Association of Religion Data Archive (ARDA), un database online gratuito di dati religiosi globali.

La conclusione è che nel periodo studiato la percentuale della popolazione musulmana in India è aumentata del 43,15%, dal 9,84% al 14,09%. Al contrario, tra il 1950 e il 2015 la percentuale della popolazione a maggioranza indù è diminuita del 7,82%, passando dall’84,68% al 78,06%.

La percentuale della popolazione cristiana dell’India è passata dal 2,24% al 2,36% – un aumento del 5,38%; e la popolazione sikh del 6,58%, dall’1,74% nel 1950 all’1,85% nel 2015. Il rapporto menziona che la percentuale della popolazione buddista indiana è cresciuta dallo 0,05% allo 0,81%, ma ignora l’aumento percentuale – quasi 1.600%, secondo questo metodologia – per la comunità.

Lo studio conclude che nella maggior parte dei 167 paesi studiati, la quota di popolazione della fede religiosa maggioritaria è diminuita – con alcuni nei vicini dell’India, tra cui Pakistan, Bangladesh e Afghanistan a maggioranza musulmana, e Sri Lanka e Bhutan a maggioranza buddista, in controtendenza rispetto a tale tendenza. .

Nel caso dell’India, afferma il rapporto, l’aumento della popolazione di numerose minoranze religiose è il riflesso di una “misura cumulativa del loro benessere”. I dati mostrano, secondo il documento, che in India “le minoranze non sono solo protette ma prosperano” – anche numerosi rapporti e classifiche internazionali mettono in guardia dal declino della libertà religiosa nel paese.

Tuttavia, il documento manca di un contesto critico e la sua tempistica – nel mezzo delle elezioni – solleva dubbi sulla sua motivazione, suggeriscono alcuni economisti.

“Il documento serve allo scopo del regime e non alla ‘ricerca'”, ha affermato Santosh Mehrotra, economista dello sviluppo e professore in visita presso l’Università di Bath nel Regno Unito.

Questi numeri mancano di contesto?

Il rapporto si basa sui dati di un sondaggio, non sul censimento nazionale decennale condotto l’ultima volta nel 2011. Il censimento del 2021 è stato rinviato a causa del COVID-19, ma il governo Modi deve ancora annunciare una tempistica per l’esercizio ritardato. I demografi in genere considerano i dati più affidabili, poiché il risultato delle indagini censimentari, con campioni di dimensioni inferiori, può dipendere dalla selezione dei partecipanti.

“Non esiste alcun sostituto per il censimento – e non si può fare nulla per la politica senza questi dati mancanti”, ha affermato Aashish Gupta, demografo e Marie Skłodowska-Curie Fellow presso l’Università di Oxford. “Ciò sta attualmente avendo implicazioni diffuse dallo stanziamento di fondi alla formazione delle politiche: nessuno dei cambiamenti avvenuti in India negli ultimi 14 anni è stato preso in considerazione”.

Il giornale, dicono i suoi critici, trascura l’effettivo aumento della popolazione indù in questo periodo – e come questo si confronta con l’aumento della popolazione musulmana in questo periodo. Tra il 1951 e il 2011 la popolazione musulmana è passata da 35,4 milioni a 172 milioni. Nello stesso periodo la popolazione indù è passata da 303 milioni a 966 milioni, un aumento cinque volte maggiore.

Tutto ciò mina la credibilità del giornale, ha affermato Gupta. “Questo documento fa di un granello di sabbia una montagna”, ha detto. “È un esercizio di propaganda e politica e non dovrebbe essere visto come accademico”.

Mito del boom demografico musulmano

La destra maggioritaria indù dell’India promuove da tempo una teoria del complotto, la “jihad della popolazione”, secondo la quale i musulmani indiani si riproducono più velocemente, con l’intento di superare in numero gli indù.

In realtà, tuttavia, secondo i dati del governo, i tassi di fertilità musulmani stanno diminuendo più rapidamente tra tutti i principali gruppi religiosi in India. Il tasso di fertilità – il numero medio di bambini che una donna dà alla luce – tra i musulmani è sceso da 4,41 a 2,36 tra il 1992 e il 2021, mentre è sceso da 3,3 a 1,94 per gli indù.

Il rapporto ignora questo cambiamento, ha affermato Gupta.

I critici del nuovo documento governativo affermano che finisce per dare credibilità a una narrazione sfatata. Quando i politici diffondono teorie del complotto anti-musulmano, ha detto Mehrotra, possono essere spacciate per fischietti – ma un “documento controverso che porta il nome di EAC è credibile”.

“Questo governo sta utilizzando in modo improprio le proprie risorse per favorire i propri scopi politici”, ha affermato Mehrotra. “Negli ultimi 100 anni, la destra indù ha instillato paura nei confronti della popolazione musulmana, e questo documento contribuisce a quella storia senza essere critico”.

Perché il rapporto è importante

Mentre la campagna per la rielezione procede, Modi ha raddoppiato la sua retorica contro i 200 milioni di musulmani indiani, chiamandoli apparentemente “infiltrati” e riferendosi a loro come “coloro che generano più figli”, anche se sembra prendere le distanze da quei commenti in un colloquio successivo.

Il nuovo rapporto del governo ha offerto nuovo carburante alle infondate affermazioni del partito del Primo Ministro secondo cui la maggioranza indù dell’India era in pericolo.

Amit Malviya, responsabile del dipartimento nazionale d’informazione del BJP, ha citato il rapporto pubblicato su X secondo cui se il paese fosse lasciato al partito d’opposizione Congress, “non ci sarebbe nessun paese per gli indù”. Un altro ministro del gabinetto di Modi, Smriti Irani, ha affermato che il rapporto è “una prova del danno causato agli indù” e che l’eredità del Congresso è di “tortura e mancanza di rispetto nei confronti della comunità indù”.

Il nuovo documento dell’EAC “gioca sulle paure utilizzate per demonizzare le comunità minoritarie dell’India”, ha affermato Gupta. “In un certo senso, è un esercizio strategico – farlo per propaganda”.

Mentre alcuni media indiani amplificavano le conclusioni del rapporto, la Population Foundation of India, un think tank indipendente, ha espresso preoccupazione, accusandoli di “diffondere allarme riguardo alla crescita della popolazione musulmana”, definendo le interpretazioni “non solo imprecise ma anche fuorviante e infondato”.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV La NASA lancerà una “stella artificiale” per confrontare la sua luminosità con quella reale
NEXT José Alperovich è stato condannato a 16 anni di carcere per abusi sessuali e va in prigione