Il baseball dell’Indiana chiude la stagione regolare con la vittoria in serie sul Michigan

Il baseball dell’Indiana chiude la stagione regolare con la vittoria in serie sul Michigan
Il baseball dell’Indiana chiude la stagione regolare con la vittoria in serie sul Michigan

Dopo una sconfitta per 3-2 nella partita di apertura della serie giovedì pomeriggio, il baseball dell’Indiana (30-22-1, 15-9 Big Ten) ha superato il Michigan (30-26, 14-10 Big Ten) di 13 punti nelle ultime due partite. prendi la serie con il ritorno dell’ex allenatore dell’Indiana Tracy Smith al Bart Kaufman Field di Bloomington.

Nella prima partita della serie, l’interbase Tyler Cerny e l’esterno Carter Mathison hanno entrambi colpito le palle sulla pista di avvertimento con due corridori in base, ma nessuno dei due ha portato ad alcun punteggio, il che significa che il fuoricampo in solitaria dell’ottavo inning del battitore designato del Michigan Colin Priest è rimasto vero come il colpo vincente.

Avendo bisogno di memoria corta per evitare di far cadere la serie, gli Hoosiers hanno risposto all’inizio della seconda partita del doubleheader di giovedì, tendendo un’imboscata al lanciatore titolare del Michigan Chase Allen con otto punti in due inning. Il mitigatore destro Julian Tonghini è stato fantastico nel rilievo, facendo girare quattro inning di palle da due punti e totalizzando otto strikeout, il massimo della stagione.

I lanciatori dell’Indiana sono stati bravi per tutta la serie, consentendo una media di appena quattro valide e tre punti a partita. Al termine della stagione regolare, i lanciatori dell’Indiana hanno concesso sette o meno punti in 13 partite consecutive.

L’outfielder del secondo anno Devin Taylor ha ulteriormente rafforzato la sua causa per il titolo di Big Ten Player of the Year con un fine settimana dominante nell’area di battuta, inclusa una partita 3 su 4 con tre RBI e quattro punti segnati nell’11-2 dell’Indiana, vittoria in serie di giovedì. sera. Gli interni Josh Pyne, Brock Tibbitts e Jasen Oliver hanno aggiunto prestazioni multi-hit per guidare un attacco che era stato in gran parte ostacolato nelle tre partite precedenti.

Con il finale della serie e la giornata senior spostati a venerdì sera a causa del maltempo, i pipistrelli dell’Indiana hanno ripreso esattamente da dove si erano interrotti la notte precedente. Guidati ancora undici da Taylor e Oliver, gli Hoosiers hanno segnato otto punti tra il secondo e il quinto inning e i destrimani Brayden Risedorph e Aydan Decker-Petty si sono combinati per 6 inning e 1/3, consentendo due valide e un punto guadagnato nell’8-4 Vittoria dell’Indiana.

Decker-Petty ha eliminato otto battitori, un record in carriera, mentre Risedorph non ha concesso punti guadagnati per la prima volta dal 5 aprile in Maryland. I lanciatori dell’Indiana hanno registrato 17 strikeout, il massimo della stagione, nella finale della serie contro il Michigan. Gli Hoosiers hanno segnato cinque homer nell’argomento decisivo della serie, raccogliendone un paio da Oliver, i cui quattro RBI rappresentavano la metà del punteggio dell’Indiana. Taylor ha battuto il suo 17esimo fuoricampo da leader della squadra, il suo quinto in sei partite.

Dopo aver vinto 30 partite della stagione regolare per l’undicesima volta in 12 anni, gli Hoosiers ora rivolgono la loro attenzione al Big Ten Tournament a otto squadre e a doppia eliminazione al Charles Schwab Field di Omaha, Nebraska.

Entrando nel torneo come testa di serie numero 3, l’Indiana giocherà la sua prima partita nel torneo della conferenza martedì alle 11:00 orientali contro un avversario indeterminato. Con la conclusione della stagione regolare dei Big Ten sabato, è ancora possibile che più squadre finiscano al sesto posto nella classifica del campionato. Il Big Ten Tournament si svolgerà da martedì 21 maggio, fino a domenica 26 maggio.

Segui i giornalisti Matt Press (@MattPress23) e Nick Rodecap (@nickrodecap) per gli aggiornamenti durante la stagione del baseball dell’Indiana.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Informazioni su Deathfeast Open Air 2024 in Germania ‹ Metaltrip
NEXT Cosa hanno in serbo per te le stelle?