La Giornata dell’Animazione di Cannes attira i migliori artisti al Festival

La Giornata dell’Animazione di Cannes attira i migliori artisti al Festival
La Giornata dell’Animazione di Cannes attira i migliori artisti al Festival


Il 19 maggio si terrà l’Animation Day a Cannes, con un’intera giornata di programmazione che include uno spettacolo di animazione, una tavola rotonda e altre opportunità di networking. L’evento si svolge in collaborazione con il Marché du Film.

Il clou del programma è l’Annecy Animation Showcase, che mette in luce cinque lavori in corso. I titoli scelti per l’evento vengono selezionati manualmente da un ampio gruppo di proposte internazionali.

La rassegna è iniziata nel 2016 come una piccola selezione di film pensati per concentrarsi sui lavori in corso che sarebbero stati poi proiettati altrove una volta completati. Precedentemente noto come AnnecyGoes to Cannes, ora è una parte centrale dell’Animation Day.

I film inclusi quest’anno sono “A New Dawn” di Yoshitoshi Shinomiya, “Mu-Ki-Ra” di Estefania Piñeres, “La conferenza degli uccelli”, di Atiq Rahimi e Caroline Piochon, “In Waves”, l’adattamento delle memorie di AJ Dungo diretto da Phuong Mai Nguyen e “The Language of Birds”, il film messicano diretto da Cynthia Fernandez Trejo.

“Mu-Ki-Ra” di Piñeras, coprodotto da Abano Produciones, sostenitore di “Unicorn Wars”. Il film è stato ispirato dal senso che la regista ha del suo paese. “La Colombia è un paese con una straordinaria biodiversità e questo comporta anche la guerra, il bene contro il male. Ci sono due lati e tu devi scegliere. “Tutti dobbiamo scegliere”.

Trejo ha preso ispirazione anche da lei per il mondo in cui è cresciuta. Come regista messicana, voleva esplorare una fantasia horror che si riflettesse anche sulla vita dei bambini in “Il linguaggio degli uccelli”. “Ho scritto questa sceneggiatura nel 2018 su una ragazza di nome Natalia e sua madre”, afferma Trejo. “Arrivano in una città e scoprono che lì non ci sono bambini. Quindi è una storia sulla scomparsa e una storia sull’invisibilità dei bambini”.

Ispirato al grande terremoto del Giappone orientale del 2011, “A New Dawn” di Yoshitoshi Shinomiya segue il viaggio di tre giovani mentre lottano per sopravvivere ai disastri naturali e agli eventi meteorologici che li circondano. Lungo la strada imparano a conoscere se stessi. Shinomiya è un animatore veterano i cui crediti includono i film di Makoto Shinkai “Il tuo nome”, “Il giardino delle parole” e “I bambini che inseguono le voci perdute”. Asmik Ace si occupa dei sali.

“Conference of the Birds” è co-diretto dalla creatrice del progetto Caroline Piochon e Atiq Rahimi. Realizzata in stile 2D, la storia è un adattamento dell’omonimo poema persiano di 900 anni fa di Farid al-Din Attar. Rahimi ha scritto la sceneggiatura del film insieme a Nahal Tajadod-Carrière. Le Pacte ha delle vendite.

“In Waves”, l’adattamento delle memorie di AJ Dungo, di Phuong Mai Nguyen, è realizzato in uno stile misto che combina 2D e CG. La storia si concentra su due amanti la cui storia d’amore viene distrutta quando uno di loro si ammala. Il film è prodotto da Silex Films e coprodotto da Anonymous Content, dalla belga Panique e dall’importante agenzia di vendite Charades.

“Abbiamo inviato materiali alle persone di Annecy e siamo stati così felici di essere selezionati”, ha detto Trejo. “Eravamo stati a un festival in Argentina. Il nostro film ha investitori messicani e stiamo cercando [for] alla coproduzione e alla ricerca di distributori”.

Durante l’Animation Day, ai registi vengono concessi circa 15 minuti per presentare un trailer o una breve parte del loro film nella speranza di suscitare interesse per il loro progetto. Prima che ciò accada, viene offerto loro aiuto nella progettazione della presentazione in modo che dia al pubblico un’idea del film che stanno cercando di realizzare.

Mickael Marin, amministratore delegato di Citia, organizzatrice di Annecy, stima che circa il 95% dei film proiettati saranno completati.

“Lo sappiamo per esperienza ora che hanno riunioni subito dopo la sessione”, ha detto Marin. “Abbiamo scambiato informazioni con le diverse squadre di tutti i film e sappiamo che ogni anno si incontrano con i distributori, con gli agenti di vendita, con i produttori, con i giornalisti. “Mostriamo loro trailer e presentazioni di film passati che sono stati in vetrina mentre si preparano per lo spettacolo in modo che possano trarre ispirazione da quello.”

Cineasti come Piñeras a volte sono nelle primissime fasi del loro progetto, ma i temi e le idee prendono piede con la presentazione.

“Penso che mostreremo la parte dell’animatic che riteniamo forte, il che è sufficiente per mostrare cosa vogliamo fare e cosa vogliamo che sia una volta finito”, ha detto Piñeras, che sta lavorando con un Una troupe di 50 persone per il suo musical animato. “Abbiamo iniziato la produzione a marzo e stiamo lavorando contemporaneamente alla preproduzione e alla produzione. Parte dell’ispirazione deriva dall’esperienza di essere cresciuto in Colombia e da tutto ciò che ciò comporta”.

Quando un film viene incluso nella vetrina, può diventare un punto di svolta per il regista, ma spesso è un gioco lungo a causa del tempo necessario per completare i progetti animati. Due film inclusi nella vetrina del 2022 stanno facendo notizia quest’anno. “Silex and the City”, che comprende la voce dell’ex presidente francese François Hollande, segue le avventure di una famiglia di dotcom ed è stato proiettato come parte del Cinéma de la Plage. “Rock Bottom”, un musical d’animazione basato sulle vite di Robert Wyatt e Alfreda Benge, diretto da Maria Trenor e realizzato in Spagna e Polonia, è in vendita al Mercato di Cannes.

“È un viaggio lungo (per i realizzatori)”, ha detto Marin. “Ci vogliono diversi anni, soprattutto per un film d’animazione indipendente, possono volerci dai cinque ai sette anni o anche di più per trovare l’idea, svilupparla e poi trovare i soldi per produrla. Può essere uno svantaggio ma può anche essere un vantaggio perché ogni anno puoi avere un traguardo diverso dove mostri quello che hai ad un pubblico, un pubblico professionale dove presenti il ​​progetto. Questo è un modo per [the showcase] promuovere e sostenere il progetto affinché trovi altri partner per chiudere il budget, oppure un coproduttore o un agente di vendita a seconda di ciò di cui ha bisogno.”

Gli organizzatori intendono mantenere a cinque l’elenco dei film proiettati in vetrina per preservare l’alta qualità delle proposte e per dare tempo agli eventi rimanenti dell’Animation Day. C’è stato solo un anno in cui non ce ne sono stati cinque. Nel 2016 erano solo quattro.

“La sessione dà speranza [to the filmmakers]”, ha affermato Peggy Zejgman-Lecarme, responsabile della divisione cultura di Citia. “Abbiamo anche molti progetti diretti da donne di tutto il mondo. Quest’anno i progetti sono diversi. Alcuni hanno budget molto piccoli e altri potrebbero essere un po’ più costosi in termini di budget, ma possiamo mantenerli sulla stessa piattaforma e trattarli con la stessa cura. “È davvero importante per noi.”

Quest’anno nei cinque film sono rappresentate quattro registe o co-registe. Sono stati prodotti in Giappone, Francia, Belgio, Spagna, Colombia e Messico.

“Abbiamo un impegno forte [to representation]”, dice Marin. “Cerchiamo film da tutto il mondo. Lavoriamo molto con le donne dell’animazione negli Stati Uniti. Vogliamo avere film provenienti da molti luoghi diversi. “Vogliamo spingerlo.”

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV I vigili del fuoco indagano sulle cause dell’esplosione che ha lasciato in gravi condizioni un dipendente del panificio di Desamparados
NEXT Emergenza sulla Stazione Spaziale Internazionale? Questo è quello che è successo