Il consigliere di Kirkuk afferma che l’incendio in un mercato storico è stato intenzionale

Il consigliere di Kirkuk afferma che l’incendio in un mercato storico è stato intenzionale
Il consigliere di Kirkuk afferma che l’incendio in un mercato storico è stato intenzionale

Shafaq News/ Un membro del consiglio di Kirkuk domenica ha affermato che un incendio che ha devastato lo storico bazar Khan Bayraktar, distruggendo 166 negozi, è stato un atto doloso, promettendo di sostenere presto le sue affermazioni con prove.

Ahmed Ramzi, membro del Consiglio del Governatorato di Kirkuk, ha detto all’agenzia di stampa Shafaq che l’incendio è stato un atto deliberato. Le riprese di sicurezza del sistema di telecamere del bazar, che secondo Ramzi sono state disabilitate dagli autori del reato, sono in fase di revisione per aiutare le indagini.

Il governatore di Kirkuk Rakan Saeed al-Jubouri ha visitato la scena dopo una riunione di emergenza e si è impegnato a risarcire i negozianti colpiti. Ha anche invitato il primo ministro iracheno Mohammed Shia al-Sudani a garantire che le persone colpite ricevano sostegno, soprattutto alla luce dell’imminente festa dell’Eid al-Adha.

Il Fronte turkmeno iracheno ha fatto eco all’appello del governatore per un’indagine rapida e trasparente.

Khan Bayraktar è uno dei tanti khan storici di Kirkuk, che un tempo fungevano da scali essenziali per viaggiatori e commercianti, offrendo cibo, alloggio e un centro per condurre affari. Queste strutture hanno svolto un ruolo significativo nello sviluppo commerciale e agricolo della città.

Dei 21 khan originali, alcuni sono andati perduti nel tempo, mentre Khan Bayraktar e altri testimoniano la ricca storia e il patrimonio architettonico di Kirkuk.

Il mese scorso, un gruppo a Turkiye ha rivendicato la responsabilità di un incendio che ha danneggiato il mercato Langa a Erbil, affermando di aver compiuto azioni simili nel nord della Siria e a Kirkuk.

Il gruppo sostiene che città come Mosul, Kirkuk, Aleppo ed Erbil fanno parte di diritto della Turchia, secondo le dichiarazioni sul loro sito web, “ahdi milli teskilati” o “Organizzazione del Patto Nazionale”.

L’organizzazione, che afferma di essere anche responsabile dell’incendio del mercato a Kirkuk nell’ottobre 2023 e nel gennaio 2024, ha affermato di aver orchestrato il recente incendio in 18 località all’interno del Langa Market di Erbil. L’organizzazione potrebbe riferirsi a un incendio avvenuto il 10 ottobre 2023 nel mercato di vestiti di seconda mano di Ras al-Jisr a Kirkuk. L’incendio ha distrutto negozi e magazzini. La protezione civile ha chiesto alla polizia di aprire un’indagine per determinare le cause dell’incendio.

Le affermazioni fatte non hanno potuto essere verificate in modo indipendente.

Il sito web dell’organizzazione presenta una mappa nera della Turchia con un lupo grigio al centro. Il simbolo del lupo grigio è significativo nella politica turca, poiché rappresenta il movimento ultranazionalista dei Lupi Grigi.

In una dichiarazione pubblicata, il gruppo ha espresso: “ci congratuliamo con il coraggio del nostro esercito per le sue azioni contro i terroristi nel nord dell’Iraq, con l’efficacia delle nostre forze nel nord della Siria e con gli sforzi della nostra organizzazione a Kirkuk e ora a Erbil”.

Ha continuato: “secondo i nostri principi, coloro che si trovano all’interno dei nostri confini nazionali devono allinearsi con gli interessi turchi”.

“Ieri alle 19 abbiamo avviato le operazioni in 18 punti all’interno del Mercato di Langa, sottolineando la vulnerabilità del mercato nonostante la prevista protezione del governo. Su 2.315 negozi, affermiamo di averne distrutti 1.315”, si legge.

La dichiarazione ha anche lanciato un avvertimento ai leader dell’Iraq settentrionale e di Erbil, suggerendo che il mancato rispetto delle loro richieste potrebbe portare a maggiori sforzi di sabotaggio.

L’organizzazione ha riaffermato le sue rivendicazioni su Mosul, Kirkuk, Aleppo ed Erbil, chiedendo la reintegrazione di queste città nella Turchia e chiedendo l’abolizione del Ministero dei Peshmerga della regione del Kurdistan.

Nell’ottobre 2023, il gruppo ha avvertito di potenziali attività di sabotaggio da parte dei suoi affiliati, prendendo di mira vari interessi infrastrutturali ed economici nell’Iraq settentrionale.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Argentina contro Guatemala, live: come vedere online l’amichevole negli Stati Uniti
NEXT Dipartimento Morón vs. San Miguel dal vivo: come arrivano alla partita