Singhiozzi in tribunale dopo il presunto omicidio della mamma

La famiglia in lutto di Tiffany Woodley è stata condannata in tribunale poiché il suo ex compagno Peter Damjanovic si è dichiarato non colpevole del suo omicidio.

Il corpo della signora Woodley è stato trovato dalla polizia insensibile e “gravemente ferito” nella sua casa nella parte orientale di Perth nell’agosto dello scorso anno.

Il signor Damjanovic è stato arrestato a casa.

Lunedì, la Corte Suprema dell’Australia Occidentale ha ascoltato un processo sulla morte della madre di tre figli e avrebbe indagato se il signor Damjanovic intendesse causare la morte della signora Woodley.

Tiffany Woodley, 35 anni, è stata trovata morta nella sua casa di Bedford il 7 agosto, con il suo ex compagno Peter Damjanovic, 37 anni, accusato del suo presunto omicidio. Immagine: volantino NewsWire
Lunedì Peter Damjanovic si è dichiarato non colpevole dell'omicidio della sua ex compagna Tiffany Woodley davanti alla Corte Suprema del WA. Immagine: NCA NewsWire / Sharon SmithLunedì Peter Damjanovic si è dichiarato non colpevole dell'omicidio della sua ex compagna Tiffany Woodley davanti alla Corte Suprema del WA. Immagine: NCA NewsWire / Sharon Smith
Lunedì Peter Damjanovic si è dichiarato non colpevole dell’omicidio della sua ex compagna Tiffany Woodley davanti alla Corte Suprema del WA. Immagine: NCA NewsWire / Sharon Smith

L’avvocato del signor Damjanovic, Simon Freitag SC, ha detto alla corte che la sua cliente aveva intrapreso delle azioni legali ed era stata coinvolta in un incidente con la defunta prima della sua morte, e che in conseguenza di ciò aveva riportato lesioni.

Ma il suo avvocato ha detto che la questione se siano state quelle azioni o qualcos’altro a causare la morte della signora Woodley, doveva essere risolta in un processo con le prove di un patologo forense.

Il giudice Joseph McGrath ha fissato due date del processo da tenersi a gennaio o ad agosto del prossimo anno, sperando che la questione venisse risolta prima.

La zia di Tiffany Woodley, Rosalie Pickett (a sinistra), parla fuori dalla corte dei magistrati di Stirling Gardens mercoledì. Immagine: NewsWire / Anthony AndersonLa zia di Tiffany Woodley, Rosalie Pickett (a sinistra), parla fuori dalla corte dei magistrati di Stirling Gardens mercoledì. Immagine: NewsWire / Anthony Anderson
La zia di Tiffany Woodley, Rosalie Pickett (a sinistra) fuori dal tribunale dei magistrati di Stirling Gardens l’anno scorso. Immagine: NewsWire / Anthony Anderson

Fuori dal tribunale, la madre della signora Woodley, Meretta Kickett, ha detto ai giornalisti che provava ancora dolore per sua figlia.

“Non è giusto che una persona si dichiari non colpevole e pensi che riceverà una tiratina d’orecchi, dov’è la giustizia in questo sistema?” lei disse.

“Sono madre da 36 anni e nessuna madre vorrebbe provare questo tipo di dolore e sofferenza che è stato imposto alla mia famiglia.

La polizia fuori dalla casa di Tiffany Woodley dove ha trovato il suo corpo insensibile e Serreley ferito nell'agosto dello scorso anno.La polizia fuori dalla casa di Tiffany Woodley dove ha trovato il suo corpo insensibile e Serreley ferito nell'agosto dello scorso anno.
La polizia fuori dalla casa di Tiffany Woodley dove ha trovato il suo corpo insensibile e Serreley ferito nell’agosto dello scorso anno.

“Una madre deve fare ciò che deve fare una madre e continuare a spingere per la giustizia e assicurarsi che la legge fornisca giustizia per me e la mia famiglia, che (siamo) in lutto.

“Vogliamo che sia fatta giustizia come parte della nostra guarigione e per andare avanti.

“Mia figlia ha dovuto sopportare così tante cose allora, che ogni madre si chiederebbe il perché.”

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Dipartimento Morón vs. San Miguel dal vivo: come arrivano alla partita