Ho vinto titoli con MJ, Shaq e Kobe e sono stato il primo giocatore nella storia della NBA a vincere campionati con tre franchigie, ora sono un attivista vegano, chef e imprenditore del benessere

Ho vinto titoli con MJ, Shaq e Kobe e sono stato il primo giocatore nella storia della NBA a vincere campionati con tre franchigie, ora sono un attivista vegano, chef e imprenditore del benessere
Ho vinto titoli con MJ, Shaq e Kobe e sono stato il primo giocatore nella storia della NBA a vincere campionati con tre franchigie, ora sono un attivista vegano, chef e imprenditore del benessere

John Salley è stato un creatore di storia durante la sua permanenza nella NBA.

L’ex giocatore di quasi 7 piedi è stato il primo giocatore nella storia del campionato a vincere campionati con tre diverse franchigie, nonché il primo giocatore della NBA a vincere un campionato in tre decenni diversi.

Salley vinse un titolo con Kobe e Shaq nel 2000, il suo quarto assolutoCredito: Getty

E ha vinto i suoi titoli giocando al fianco di alcuni dei grandi del calcio, mentre ha anche giocato in Europa con la squadra greca del Panathinaikos. Questo trasferimento in Europa coincise anche con l’apparizione nel successo del 1995 di Bad Boys con Will Smith.

Dopo essere stato scelto dalla Georgia Tech con l’undicesima scelta assoluta nel Draft NBA del 1986, Salley si è fatto un nome come membro dei Bad Boy Detroit Pistons.

Il potente attaccante/centro ha vinto titoli consecutivi con i Pistons guidati da Isiah Thomas nel 1989 e nel 1990 prima di unirsi agli Heat e ai Raptors.

Nella stagione 1995-1996, si unì a Michael Jordan e ai Chicago Bulls per aiutarli a vincere il terzo titolo mondiale consecutivo.

Dopo aver trascorso del tempo all’estero nel 1996, Salley è tornato alla The Association nel 1999. Si è unito ai formidabili Los Angeles Lakers guidati da Kobe Bryant e Shaquille O’Neal e allenati dal suo ex mentore dei Bulls, Phil Jackson.

Salley fu una riserva per Shaq quando i Lakers, carichi di forze, superarono i coraggiosi Pacers durante le finali NBA del 2000.

Ha messo le mani sul quarto Larry O’Brien Championship Trophy della sua carriera e ha deciso di partire alla grande.

Si è fatto un nome a Detroit e ha vinto due chips
Salley ha giocato contro MJ prima di unirsi ai Bulls e aiutarlo a vincere un campionatoCredito: X@johnsalley

L’ex difensore del basket ha avuto un bel cambiamento di carriera da quando si è ritirato.

Oggi Salley è un’attivista vegana, chef, imprenditrice del benessere e oratrice pubblica.

Vecchi filmati di NCAA March Madness rivelano dove Michael Jordan ha creato per la prima volta il suo leggendario nome NBA con un tiro vincente per la Carolina del Nord

Parlando della sua decisione di diventare vegano, una volta disse: “Ho deciso di diventare vegano nel 1991. Il mio allenatore, all’epoca, mi disse che avevo il colesterolo alto. Ero uno dei tre ragazzi più giovani della squadra, e avevo il colesterolo superiore a quello dei ragazzi più anziani della squadra.

“Prima di diventare vegano, per circa 15 anni, ero quello che definirei un vegetariano bugiardo. Mentendo, intendo dire che mangiavo tacchino il giorno del Ringraziamento e in occasioni speciali. Mangiavo gamberetti e aragosta e dicevo a me stesso che avrei potuto essere un Pescatarian. Continui a inventare tutti questi modi diversi per difendere il fatto che non sei fedele a te stesso.

“All’età di 40 anni, ho deciso di smettere di mentire a me stesso. Alla fine, a 42 anni, ho smesso di mentire sul cibo e a me stesso quando sono diventato un vegano molto concentrato. E sono 16 anni che mi concentro sul veganismo.

Parlando della sua dieta, Salley ha detto: “La mia dieta attuale è una dieta a base vegetale. Non è solo a base vegetale, è quasi cruda. Ho eliminato molti oli dalla mia dieta. Ho eliminato tanto olio d’oliva il più possibile… Per lo più il cibo vegano che mangio, il cibo cotto, sono solo verdure cotte un po’ sopra i 118 (gradi F). Sono al punto in cui preparo il mio cibo il più possibile. “

In qualità di sostenitrice del benessere, Salley è un relatore frequente al VegFest negli Stati Uniti. Secondo quanto riferito, una delle missioni di John nella vita è quella di continuare a educare le persone sui vantaggi di vivere uno stile di vita più sano attraverso migliori abitudini alimentari.

Di conseguenza, il sessantenne è un investitore in diverse aziende vegane.

Salley è appassionata di veganismo ed è coinvolta in molte aziende veganeCredito: Getty
È apparso nella pubblicità della PETACredito: X@johnsalley

“Tutto ciò che faccio, tutte le aziende con cui lavoro, tutti i piani, sono in linea mentalmente con il mio vivi e lascia vivere eco-vegano”, ha detto.

Salley è coinvolta con Mother Plucker, un concetto di pollo vegano e un ristorante fast food nell’area di Los Angeles che serve piatti di pollo a base vegetale.

“Pensavo che Madre Plucker fosse la cosa più grande”, ha detto Salley a VegNews.

Salley è appassionata del suo stile di vita ed è apparsa nei video testimonial della PETA nel corso degli anni.

È diventato anche il portavoce ufficiale di una linea di integratori naturali chiamata VirMax e ha persino incoraggiato l’ex First Lady americana Michelle Obama a diventare vegana “per il pianeta”.

Con una passione per il vero cibo, vino e liquori, Salley è partner dell’etichetta “Vegan Vine” in collaborazione con Clos LaChance Winery.

Si interessa anche all’industria della cannabis, lanciando il suo marchio di cannabis Deuces22 e acquisendo una quota di proprietà nella società di test sulla cannabis GreenSpace Labs.

È stato un percorso insolito per Salley, ma che lo ha visto raccogliere i frutti del suo duro lavoro sul campo della NBA.

Salley, però, sarà ricordato soprattutto per il suo periodo con i Bulls.

Ha fatto parte della squadra che è andata 72-10 e ha vinto il campionato in quella che probabilmente è la più grande stagione di sempre.

“Era come essere con i Beatles, Elvis Presley e Michael Jackson allo stesso tempo”, ricordavo di quel periodo.

“Ricordo che ci fermammo davanti a un hotel a New York, The Plaza. Ho fatto il giro, era proprio di fronte a Central Park. Ci fermammo da dietro, non sapevo nemmeno che ci fosse un dietro. Ci fecero entrare siamo entrati e siamo saliti di sopra ed era una disposizione incredibile. Pensavo di essere a un gala. Ci hanno consegnato le chiavi e la mia stanza, pensavo di avere una suite al piano di sopra…

Salley ha segnato una media di 2,1 punti e 2,5 rimbalzi con i Bulls.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Addio petrolio e gas, benvenuti mattoni termici
NEXT Wi Ha Joon e Jung Ryeo Won diventano intimi durante le riprese di scene di baci sul set di “The Midnight Romance In Hagwon”