Nonostante il calo delle IPO nel Regno Unito, Londra è ancora la capitale europea delle vendite azionarie

Nonostante il calo delle IPO nel Regno Unito, Londra è ancora la capitale europea delle vendite azionarie
Nonostante il calo delle IPO nel Regno Unito, Londra è ancora la capitale europea delle vendite azionarie

Londra rimane la sede principale in Europa per la vendita di azioni di società quotate, nonostante la siccità delle offerte pubbliche iniziali nel Regno Unito.

Finora nel 2024 a Londra sono state effettuate operazioni azionarie per un valore di 11,3 miliardi di dollari, escluse le IPO, un aumento di quasi il 24% rispetto all’anno precedente, secondo i dati compilati da Bloomberg.

Sebbene tale cifra sia ben lontana dai livelli osservati nella City di Londra prima che un’impennata dell’inflazione e dei tassi di interesse a partire dal 2022 sconvolgesse il mercato, fa impallidire le cifre dei rivali europei.

“Siamo molto più avanti rispetto agli altri mercati con cui siamo spesso in contrasto, sia Amsterdam, sia Francoforte”, ha affermato Dru Danford, responsabile dell’investment banking presso l’agente di borsa londinese Liberum. “Londra supera tutti i concorrenti europei”.

Due importanti vendite di partecipazioni esistenti hanno dominato il bilancio di Londra per quest’anno. GSK Plc è uscita dal produttore di antidolorifici Panadol Haleon Plc, dopo che il colosso farmaceutico ha venduto in blocchi la sua restante quota del 12,9%, per un ricavo lordo di circa 3,9 miliardi di sterline (4,9 miliardi di dollari). Un consorzio di ex proprietari di Refinitiv, una società di dati acquisita dal London Stock Exchange Group Plc per 27 miliardi di dollari nel 2021, ha venduto l’ultima partecipazione in LSEG per 1,6 miliardi di sterline dopo un accordo di dimensioni simili all’inizio di quest’anno.

Un numero maggiore di aziende è stato attivo a Londra, tuttavia, con vendite di azioni che hanno coinvolto più di 60 aziende quest’anno, rispetto alle 12 della borsa di Parigi e solo quattro a Francoforte, mostrano i dati.

La scorecard delinea il ruolo leader di Londra nel mercato europeo dei capitali azionari durante una crisi globale nella raccolta fondi. Le aziende hanno raccolto 39,2 miliardi di sterline a Londra nel 2021, prima di un crollo del 61% l’anno successivo, mostrano i dati di Bloomberg.

Le società che raccolgono fondi attraverso le cosiddette offerte di follow-on a Londra quest’anno includono il gruppo immobiliare Segro Plc e l’utility Pennon Group Plc. Vendite di azioni sono state registrate anche nel produttore di ricambi per auto TI Fluid Systems Plc e nel rivenditore di biglietti di auguri Moonpig Group Plc. Un altro accordo interessante è stata la vendita da parte di Delivery Hero SE di una quota di 83 milioni di sterline della società di consegne da asporto Deliveroo Plc, uscendo dalla sua holding.

Parigi ha il secondo volume di raccolta fondi più alto in termini di dollari USA, con 3,4 miliardi di dollari. Ciò è stato determinato dalla vendita di azioni da 1,2 miliardi di euro (1,3 miliardi di dollari) di Sartorius Stedim Biotech e dalla società di investimento francese Wendel SE che ha venduto la sua partecipazione nella società di ispezione merci Bureau Veritas SA per circa 1,1 miliardi di euro dopo un’impennata delle sue azioni.

La scena dell’IPO di Londra, d’altra parte, è stata moribonda. La sua fetta di mercato per le nuove offerte è crollata al 2% questo mese, la più piccola degli ultimi decenni, mentre le IPO sul continente si riprendevano da una pausa.

Ci sono però segnali più promettenti riguardo alle quotazioni nella capitale del Regno Unito, con rapporti che suggeriscono che il rivenditore di moda Shein, fondato in Cina, si sta dirigendo verso un’enorme offerta a Londra. Anche il produttore britannico di personal computer Raspberry Pi ha confermato che sta prendendo in considerazione una vendita di azioni nel Regno Unito.

La borsa di Londra rimane inoltre la più trafficata d’Europa in termini di valore giornaliero scambiato. Ma la capitalizzazione di mercato delle principali quotazioni a Parigi è ora più elevata. Alcune società, tra cui il fornitore di costruzioni CRH Plc e il gruppo di gioco d’azzardo Flutter Plc, hanno scelto di spostare le loro quotazioni principali da Londra agli Stati Uniti alla ricerca di valutazioni più elevate.

“In definitiva, il mercato contro cui dobbiamo realmente confrontarci è New York”, ha affermato Danford di Liberum.

Iscriviti alla newsletter CFO Daily per rimanere aggiornato sulle tendenze, sui problemi e sui dirigenti che plasmano la finanza aziendale. Iscriviti gratis.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Snake Eater, sono aperte le prenotazioni per la Day One Edition
NEXT Alamos Gold si distingue nella competizione provinciale di salvataggio in miniera in Ontario