Cohen ammette di aver rubato e di altri aspetti positivi del 19° giorno del processo a Trump | Notizie su Donald Trump

L’avvocato radiato dall’albo Michael Cohen ha completato la sua testimonianza davanti a un tribunale penale di New York, mentre il caso contro il suo capo, l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, si avvicina alla sua probabile conclusione.

Lunedì ha segnato il quarto e ultimo giorno di Cohen sul banco dei testimoni. Le sue parole sono state l’ultima testimonianza che l’accusa ha chiamato prima di archiviare il suo caso.

Ora, il processo si sposta verso la difesa, nel tentativo di confutare le accuse secondo cui Trump avrebbe falsificato documenti aziendali per nascondere un pagamento in denaro nascosto a un’ex attrice di film per adulti – e quindi aumentare le sue possibilità nelle elezioni presidenziali del 2016.

Nell’ottobre 2016, Cohen ha trasferito $ 130.000 all’attrice di film per adulti Stormy Daniels per comprare il suo silenzio su una relazione che sosteneva di avere con l’allora candidato Trump.

Cohen ha sostenuto di aver effettuato il pagamento su ordine di Trump, e che Trump ha poi rimborsato il pagamento con mezzi clandestini, archiviandolo tra le “spese legali”.

Ma durante l’ultimo giorno di Cohen sul banco dei testimoni, la difesa ha cercato di infrangere quella narrazione, attaccando la credibilità di Cohen attirando l’attenzione sui casi in cui ha mentito e rubato.

La difesa ha costantemente sostenuto che Trump non aveva nulla a che fare con il pagamento. Lo stesso Trump ha negato qualsiasi addebito e ha confutato l’accusa di Daniels di una relazione.

Il diciannovesimo giorno del processo del silenzio di New York ha segnato anche l’inizio di una settimana breve. Non solo si prevede che la lista dei testimoni per la difesa sarà relativamente breve, ma è previsto che la corte si interrompa all’inizio di questa settimana, per accogliere la festività del Memorial Day negli Stati Uniti.

Nel caso Trump deve affrontare 34 capi di imputazione per falsificazione di documenti aziendali. Ecco i punti salienti dell’ultimo giorno di testimonianza di Cohen.

L’ex presidente Donald Trump ha detto lunedì ai giornalisti fuori dal tribunale penale di Manhattan che l’accusa “non ha alcun caso” [Sarah Yenesel/Pool via AP]

Cohen ammette di aver rubato alla Trump Organization

Prima di terminare il controinterrogatorio di Cohen lunedì, la difesa ha sferrato un duro colpo alla sua credibilità, facendogli ammettere di aver rubato 30.000 dollari dall’omonima società di Trump.

L’avvocato difensore Todd Blanche ha chiesto apertamente a Cohen: “Hai rubato alla Trump Organization, giusto?”

Cohen ha offerto la sua risposta standard: “Sì, signore”.

Il furto è avvenuto dopo che Cohen ha assunto la società tecnologica Red Finch per contribuire ad aumentare i numeri di Trump in un sondaggio online della CNBC, classificando i migliori uomini d’affari dell’ultimo mezzo secolo.

Cohen ha testimoniato che Trump era “sconvolto” per essere finito in fondo al sondaggio. Assumendo Red Finch, Cohen ha spiegato che lui e Trump avrebbero potuto manipolare il sondaggio: la società tecnologica avrebbe espresso voti falsi per conto di Trump utilizzando indirizzi IP diversi.

Inizialmente era previsto che Red Finch venisse pagato $ 50.000 per i suoi servizi, ha spiegato Cohen.

Ma ha detto alla giuria di aver invece pagato a Red Finch 20.000 dollari per “placare” il suo proprietario e poi di aver intascato il resto, dopo che Trump ha deciso di ridurre il suo bonus ferie.

“Ero arrabbiato a causa della riduzione del bonus, e quindi mi sono sentito come se fosse un atto di auto-aiuto”, ha detto Cohen.

Blanche ha insistito sulla questione durante il controinterrogatorio: “Hai restituito alla Trump Organization i soldi che le hai rubato?”

“No, signore”, disse Cohen.

L’entourage di Trump in aula ha interpretato l’ammissione come un grande colpo per la sua difesa.

“La cosa è diventata interessante: Michael Cohen ora ammette di aver rubato soldi alla nostra azienda”, ha scritto Eric, il secondo figlio di Trump, sui social media.

Kash Patel, un funzionario dell’amministrazione Trump, ha detto ai giornalisti fuori dall’aula che “finalmente abbiamo un crimine”.

“Abbiamo anche una vittima”, ha aggiunto. “Quella vittima è Donald J Trump.”

Kash Patel ha detto ai giornalisti che la testimonianza di Cohen mostra che Trump è una “vittima” nel caso [Seth Wenig/AP]

La difesa sostiene da tempo che lo stesso Trump non è colpevole di falsificazione di documenti aziendali, ma che figure come Cohen e l’ex direttore finanziario della Trump Organization, Allen Weisselberg, erano responsabili di eventuali misfatti.

Mentre la squadra di difesa concludeva il controinterrogatorio di Cohen, cercava di dipingere un ritratto della presunta avidità di Cohen, evidenziando i modi in cui traeva profitto dalla sua associazione con Trump.

Cohen ha testimoniato che, dopo essere stato eletto presidente nel 2016, Trump ha guadagnato circa 4 milioni di dollari da contratti di consulenza, anche con AT&T, una società di telecomunicazioni che all’epoca cercava una fusione.

Nel 2018, tuttavia, Cohen si è dichiarato colpevole di violazioni del finanziamento della campagna elettorale e di altri crimini federali, inclusa la menzogna al Congresso. Di conseguenza è stato condannato al carcere.

Ma quando è stato trasferito in isolamento nel 2020, ha assunto un ruolo sempre più pubblico come critico di Trump. Cohen ha testimoniato che, a partire dal 2020, ha guadagnato circa 4,4 milioni di dollari da libri rivelatori e apparizioni in podcast.

La difesa ha anche chiesto a Cohen di un reality show chiamato The Fixer che aveva venduto alle reti, anche se ha detto che nessuno studio lo ha ancora ripreso.

Michael Cohen, con indosso un abito e una cravatta rosa, esce fuori dal suo condominio a New York.
Lunedì Michael Cohen lascia la sua casa di New York per partecipare al suo quarto giorno di testimonianza presso il tribunale penale di Manhattan [Eduardo Munoz/Reuters]

Il controinterrogatorio di Cohen finisce, l’accusa resta

Nei minuti finali del controinterrogatorio di Cohen, la difesa ha cercato di far capire alla giuria che c’erano dei buchi nella testimonianza dell’ex avvocato.

Mentre Cohen ha sostenuto che i pagamenti segreti sono stati falsamente registrati come “spese legali”, la difesa ha sostenuto che l’etichetta è corretta, poiché Cohen era in realtà l’avvocato personale di Trump.

La difesa si è anche chiesta se Cohen potesse ricordare accuratamente le sue conversazioni con Trump a partire dall’ottobre 2016, il mese in cui è stato effettuato il pagamento del silenzio.

“Nonostante tutto quello che hai detto nel corso degli anni, ricordi specificamente di aver avuto conversazioni con l’allora candidato Donald J Trump sulla questione Stormy Daniels?” ha chiesto Blanche, l’avvocato difensore.

Cohen ha risposto al suo solito “sì, signore”.

“Nessun dubbio nella tua mente?” chiese ancora Blanche. “Senza dubbio”, ha risposto Cohen.

Il controinterrogatorio si concluse poco dopo e l’accusa si fermò brevemente per interrogare Cohen un’ultima volta.

Il procuratore Susan Hoffinger ha colto l’occasione per sottolineare che le azioni di Trump erano sotto processo, non quelle di Cohen.

“So che potresti sentirti come se fossi sotto processo qui dopo il controinterrogatorio, ma sei davvero sotto processo qui?” chiese a Cohen.

“No, signora”, rispose.

L’accusa ha anche chiesto a Cohen di riflettere su quanto gli è costato parlare apertamente contro Trump.

“La mia intera vita è stata sconvolta come conseguenza diretta”, ha risposto Cohen, citando un declino del benessere della sua famiglia e delle sue prospettive professionali.

“Ho perso la mia licenza legale, i miei affari, la mia sicurezza finanziaria, che fortunatamente ho potuto ottenere abbastanza presto.”

Con ciò l’accusa ha archiviato il caso.

Un manifestante a New York mostra un cartello con la scritta:
Lunedì un manifestante mostra un cartello che denuncia il comportamento di Donald Trump durante le elezioni del 2016 [Andrew Kelly/Reuters]

La difesa chiama i suoi primi testimoni, tra cui Feisty Costello

Con la conclusione del caso dell’accusa, era giunto il momento per la difesa di chiamare i testimoni.

Il primo era un assistente legale di nome Daniel Sitko, che lavora per Blanche, l’avvocato difensore.

Sitko ha presentato un grafico che fornisce una panoramica delle telefonate tra Cohen e Robert Costello, un avvocato che in precedenza si era offerto di trasmettere messaggi tra Cohen e Trump.

La difesa ha interrogato Sitko solo il tempo necessario per stabilire che le comunicazioni di Cohen con Costello erano frequenti, in particolare nel 2018, quando ha dovuto affrontare problemi legali.

Poi è salito al banco il secondo testimone della difesa: lo stesso Costello.

La decisione di chiamare Costello non è stata priva di polemiche. L’accusa si è opposta alla sua inclusione: Cohen ha ammesso di aver mentito a Costello e, da parte sua, Costello ha assunto un ruolo pubblico di primo piano nel mettere in dubbio la credibilità di Cohen.

Costello fu anche un’aggiunta tardiva all’elenco dei possibili testimoni della difesa, e il giudice Juan Merchan fu costretto a decidere rapidamente quanta testimonianza di Costello avrebbe consentito.

Merchan ha detto che Costello potrebbe “offrire qualche confutazione” alla testimonianza di Cohen, ma il giudice ha aggiunto che non permetterà che la situazione diventi un “processo nel processo”.

Ma subito l’apparizione di Costello sul banco dei testimoni è stata tesa: l’avvocato ha reagito in modo udibile quando l’accusa ha sollevato obiezioni alla sua testimonianza, dicendo “cavolo” e definendo la situazione “ridicola”.

Tanto è bastato per guadagnarsi un severo rimprovero da parte del giudice Merchan, che ha sgombrato brevemente l’aula per rivolgersi direttamente a Costello.

“Signor Costello, voglio discutere del decoro nella mia aula. Quando c’è un testimone sul banco dei testimoni, se non ti piace la mia sentenza, non dici ‘cavolo'”, ha detto Merchan. “Non mi guardi di traverso e non alzi gli occhi al cielo.”

Alla fine a Costello è stato permesso di riassumere la sua testimonianza, incentrata sulle accuse secondo cui Cohen avrebbe mentito sulla conoscenza di Trump dei pagamenti in denaro nascosto.

“Michael Cohen ha detto numerose volte che il presidente Trump non sapeva nulla di quei pagamenti, che lo faceva da solo, e lo ha ripetuto numerose volte”, ha detto Costello.

La rappresentante dell'Illinois Mary Miller parla alla stampa in una conferenza stampa all'aperto a New York, mentre un sostenitore di Trump sventola una bandiera con la scritta:
La deputata dell’Illinois Mary Miller si unisce ai sostenitori di Trump fuori dal tribunale penale di Manhattan il 20 maggio per parlare alla stampa [Seth Wenig/AP Photo]

L’entourage di corte di Trump include gli Hells Angels

La giornata si è conclusa con l’infuocata apparizione di Costello sul banco dei testimoni e la prospettiva di ulteriori interrogatori da parte dei pubblici ministeri martedì.

Mentre gran parte dell’attenzione della corte si è concentrata sugli ultimi testimoni del processo, anche i membri dell’entourage di Trump hanno attirato l’attenzione dei media.

Seduto nella cerchia ristretta di Trump c’era Chuck Zito, l’ex presidente della sezione newyorkese del club di motociclisti Hells Angels.

Ora attore, Zito ha dovuto affrontare le proprie accuse penali e ha scontato una pena detentiva dal 1985 al 1991.

Tra il pubblico c’erano anche membri del Congresso come il deputato Andrew Clyde della Georgia.

“Ciò che deve succedere è che questo particolare sistema di tipo giudiziario debba essere tagliato”, ha detto Clyde, chiedendo il taglio dei finanziamenti federali ai tribunali di Manhattan.

Lo stesso Trump ha parlato alla stampa fuori dall’aula, rivisitando temi familiari secondo cui l’accusa era politicamente motivata e lamentandosi dell’ambiente “gelido”.

“Non hanno alcun caso. Non hanno alcun crimine”, ha detto Trump, aggiungendo che il giudice era “corrotto” e “interferiva con le elezioni”.

Si prevede che Trump affronterà il presidente Joe Biden, un democratico, nella corsa presidenziale di novembre.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Dipartimento Morón vs. San Miguel dal vivo: come arrivano alla partita