Il Racing ha battuto l’Argentinos Juniors nel torneo di campionato e si è lasciato alle spalle la brutta serie di vittorie consecutive

Il Racing ha battuto l’Argentinos Juniors nel torneo di campionato e si è lasciato alle spalle la brutta serie di vittorie consecutive
Il Racing ha battuto l’Argentinos Juniors nel torneo di campionato e si è lasciato alle spalle la brutta serie di vittorie consecutive

Il Racing Club ha battuto l’Argentinos Juniors nel secondo appuntamento del Torneo di Lega e, sommando il secondo 3-0 ad Avellaneda in quattro giorni, si è lasciato alle spalle il periodo negativo.

Nonostante le sconfitte all’ultimo minuto di Facundo Mura (sovraccarico del bicipite femorale dell’arto inferiore sinistro), Baltasar Rodríguez (malattia febbrile) e Santiago Solari (tendinopatia inserzionale bilaterale dell’adduttore), l’Academy è riuscita a dominare la partita, alla ricerca di un risultato che le farebbe sicuramente dimenticare l’eliminazione contro il Talleres de Remedios de Escalada, per la Coppa d’Argentina, la sconfitta contro il Red Bull Bragantino, per la CONMEBOL Sudamericana, e l’insolito pareggio per 4-4 con il Belgrano.

E anche condividere il possesso palla con la squadra di Pablo Guede, Gli allievi di Gustavo Costas, verticali e profondi, hanno avuto tante occasioni da golil primo sui piedi di Agustín Almendra, che è apparso in area in un paio di occasioni e ha costretto gli interventi tremendi Rodríguez russo.

L’ex portiere dell’Independiente para ancora lo 0-1 su punizione di Maxi Salas, ma al 26′ non può nulla sul cross al volo di Gastone Martirena. Il terzino uruguaiano, spesso disapprovato dal pubblico, riceve un cross dell’altra ala, Gabriel Rojas, che realizza un uno-due con Johan Carbonero sulla fascia sinistra, e segna il suo secondo gol nel calcio argentino.

Il Racing, ferito dal colpo ricevuto a Córdoba, continua a cercare il secondo gol nonostante il vantaggio, e ci va vicino, ma il palo salva El Bicho dal tiro di Carbonero e il russo reagisce bene alla punizione di Rojas. D’altra parte, l’Academy si è esposto anche in un paio di calci da fermo, che si sono conclusi con un colpo di testa appena deviato di Alan Lescano e una brutta partenza di Gabriel Arias.

Nella ripresa, l’Argentinos prova ad avvicinarsi con il possesso palla, ma il Racing lascia intendere di nuovo con un tiro di Carbonero che fa brillare ancora una volta Rodríguez e, in un turbinio, la partita viene definita: dopo una controversa seconda ammonizione, Francisco Álvarez è stato espulso a 57 minuti e a 62′ Cinciacon un tiro da fuori area, ha realizzato il 2-0 che, sommato alla superiorità numerica della squadra locale, ha condannato le aspirazioni dei La Paternal.

L’ultima mezz’ora è servita per dosare carichi e rivedere dopo 17 giorni Juanfer Quintero, già guarito dallo stiramento all’adduttore destro riportato nella dura eliminazione della Coppa Argentina per mano del Talleres de Remedios de Escalada. E un altro degli ammessi era un suo connazionale Ruggero Martinezche mette sul tabellone cifre definitive con un colpo di testa strepitoso su cross di Martirena (84′).

Il Racing, che guida il girone della CONMEBOL Sudamericana con 12 punti su 15 possibili (giovedì scorso ha battuto 3-0 il Coquimbo Kingdom), accumula 4 unità nel Torneo di Lega, tra il pareggio con il Belgrano e la vittoria di questo lunedì, ed è già preparandosi a visitare il Tigre venerdì prossimo, alla vigilia della sua ultima presentazione da parte del gruppo della competizione continentale.

L’Argentinos, dal canto suo, deve anche chiudere la sua (terribile) Sudamericana, nella quale è stato eliminato con una data dalla fine, e a livello locale è rimasto a 3 punti, dopo la vittoria all’esordio contro il Rosario Central. Sabato riceveranno la capolista River allo Stadio Diego Armando Maradona.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Spiagge della Catalogna raggiungibili in treno
NEXT Zayed Law Offices nominato partner orgoglioso del Chicago Fire FC