Il sospettato di omicidio Ryan Lindsey rileva ulteriori cambiamenti derivanti dalla violenza nel carcere di BC


Ryan James Lindsey di Norfork, che rischia la pena di morte per l’omicidio dell’allora 35enne Cody Stradford nel dicembre 2020, ha raccolto l’ennesima accusa derivante da comportamento violento presso il centro di detenzione della contea di Baxter.

Il 26 aprile, Lindsey ha avuto un attacco di rabbia in prigione e circa due settimane dopo ha attaccato un carceriere, colpendolo alla mascella con il pugno.

Dopo l’incidente con il carceriere, la 31enne Lindsey avrebbe affermato che il pugno era “solo una carezza d’amore”.

ULTIMO CASO

Il 15 maggio, una squadra di carcerieri si recò nella cella di Lindsey per rimuoverlo in modo che un fiduciario potesse fare le pulizie di routine. La probabile dichiarazione giurata rileva che non “ci si può fidare” di Lindsey per svolgere il lavoro da solo “a causa delle sue tendenze violente”.

Dopo che Lindsey è stata immobilizzata per le gambe e le mani, è stato portato fuori dalla cella fino al completamento della pulizia.

Quando è stato rimesso nella sua cella, le cinghie per le gambe sono state rimosse per la prima volta nel corridoio e Lindsey è entrata nella sua cella.

Un carceriere ha quindi rimosso la cintura di sicurezza dalla mano destra di Lindsey, ma prima che l’altra cintura potesse essere rimossa, Lindsey si è scagliata contro il carceriere e ha preso a pugni.

Lindsey è stato citato dicendo durante i suoi numerosi soggiorni nella prigione della contea che non ha problemi ad attaccare il personale e gli altri detenuti.

Secondo la probabile dichiarazione giurata, il carceriere è rimasto “stordito” dal colpo e ha lasciato cadere la chiave delle manette. Si presume che Lindsey abbia preso la chiave e l’abbia tenuta sopra il water nella sua cella, come se avesse intenzione di lasciarla lì.

Gli fu ordinato di consegnare la chiave e lo fece.

A questo punto, un certo numero di carcerieri puntarono le loro pistole stordenti su Lindsey e lui decise di porre fine all’incidente.

Il carceriere che è stato preso a pugni non è riuscito a finire il suo turno ed è andato al Baxter Health dove gli sono stati diagnosticati gravi contusioni e una possibile commozione cerebrale.

Durante l’incidente iniziale del 26 aprile, è stato riferito che Lindsey si trovava nella sala polivalente del carcere per condurre un incontro online con uno dei suoi avvocati nel caso di omicidio quando si è fatto esplodere, ribaltando il tavolo dove era seduto. spargendo documenti e mandando un computer portatile a schiantarsi sul pavimento.

Si presume che Lindsey abbia iniziato a urlare e camminare su e giù. A un certo punto si è fermato per lanciare una sedia pieghevole di metallo contro una finestra, provocando la rottura del vetro di sicurezza.

In quel momento, Lindsey era incatenata e indossava delle manette.

Secondo la probabile dichiarazione giurata, Lindsey ha una doppia articolazione, il che significa che può “lussare” il pollice e spostarlo in una posizione che gli permette di far scivolare la mano attraverso le restrizioni.

Si dice che si sia tolto il polsino dalla mano sinistra, abbia preso il polsino libero e lo abbia messo sulla mano destra trasformandolo in una “arma a tirapugni”.

Si dice che Lindsey abbia continuato a camminare su e giù e a urlare finché una squadra di carcerieri non è entrata nella stanza e lo ha tenuto sotto controllo. È stato riportato nella sua cella.

ADDEBITI DA ENTRAMBI GLI INCIDENTI

Le sue nuove accuse derivanti dagli incidenti di aprile e maggio sono tutti crimini, tra cui atti criminali, possesso o uso di armi da parte di una persona detenuta, batterie di secondo grado e danneggiamento delle operazioni di una struttura pubblica vitale. Lindsey ha anche una serie di procedimenti penali aperti.

IL CASO DI OMICIDIO

Lindsey è in prigione in attesa del processo per omicidio. È una delle quattro persone accusate della morte di Stradford. Il processo è fissato per ottobre.

Stradford sarebbe stato attirato in una casa lungo Cresswell Drive a Mountain Home. Secondo la probabile dichiarazione giurata, poco dopo che Stradford entrò in quello che fu descritto come un seminterrato senza uscita, Lindsey e il quarantenne Skylar Brazil iniziarono a picchiarlo.

Il suo corpo è stato trovato in un veicolo bruciato diversi giorni dopo l’incontro violento e infine mortale nella residenza di Cresswell Drive.

Oltre a Lindsey e Brazil, due donne, Allison Cunningham, 44 anni, e Ashley Hendricks, 27 anni, sarebbero state coinvolte nell’omicidio in modo molto meno attivo. È stato riferito che rimasero a guardare mentre Stradford veniva sconfitto dai due mali.

Si presume che Cunningham abbia accompagnato Lindsey in Texas dove furono arrestati e riportati a Mountain Home.

Lo Stato chiede la pena di morte per Lindsey e Cunningham nell’omicidio di Stradford.

Ad un certo punto, Lindsey ha aperto sei casi penali oltre a quello in cui è accusato di omicidio capitale.

Delle quattro persone accusate di essere coinvolte nell’omicidio di Stradford, Lindsey è quella più conosciuta dalle forze dell’ordine locali. La sua fedina penale risale al 2010, quando era adolescente.

Dopo aver scontato la pena in un precedente procedimento penale, Lindsey è stata restituita al centro di detenzione della contea di Baxter.

Le due donne accusate dell’omicidio sono detenute in altre carceri della contea. Il Brasile è un detenuto nell’Unità Varner del sistema carcerario statale.

La cauzione di Lindsey è fissata a 1 milione di dollari. Dovrà tornare in tribunale il 24 giugno.

WebprontoTM Offerto da WireReady® NSI

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Perù vs El Salvador IN DIRETTA OGGI: minuto per minuto dell’amichevole entro la data FIFA 2024
NEXT L’E-Day non funzionava in tempo reale