Gli avvocati di Donald Trump non lo hanno chiamato a testimoniare per difendersi nel processo per il pagamento all’attrice porno Stormy Daniels

Gli avvocati di Donald Trump non lo hanno chiamato a testimoniare per difendersi nel processo per il pagamento all’attrice porno Stormy Daniels
Gli avvocati di Donald Trump non lo hanno chiamato a testimoniare per difendersi nel processo per il pagamento all’attrice porno Stormy Daniels

L’ex presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante il processo penale a New York (USA) EFE/EPA/MARK PETERSON / POOL

Martedì mattina la difesa ha concluso il caso nel processo segreto di Donald Trump senza che l’ex presidente prendesse posizione per testimoniare, portando il procedimento un passo avanti verso la conclusione delle argomentazioni.

L’ex presidente ha lasciato l’aula dove si sta svolgendo il processo penale senza parlare con i giornalisti. Ha ignorato una domanda sul perché non avrebbe testimoniato nel caso del silenzio.

“Vostro Onore, la difesa riposa.”Lo ha detto al giudice l’avvocato di Trump, Todd Blanche.

Dopo più di quattro settimane di testimonianze, i giurati sono stati rimandati a casa e il giudice Juan M. Merchán ha detto che non sarebbero stati necessari in tribunale fino alla conclusione delle argomentazioni martedì prossimo. Merchan ha suggerito che la sessione del tribunale potrebbe essere prolungata più tardi nel corso della giornata per accogliere i riassunti di entrambe le parti: la difesa e l’accusa. Merchan ha detto ai giurati che si aspetta che le sue istruzioni richiedano circa un’ora.

Robert Costello viene interrogato dal pubblico ministero Susan Hoffinger davanti al giudice Juan Merchan, mentre l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump assiste durante il processo penale di Trump accusato di aver falsificato documenti aziendali per nascondere i soldi pagati per mettere a tacere la porno star Stormy Daniels nel 2016, presso il tribunale dello stato di Manhattan a New York Città, USA, 21 maggio 2024 in questo schizzo dell’aula di tribunale. REUTERS/Jane Rosenberg

Merchan ha osservato che normalmente i riassunti verrebbero redatti immediatamente dopo che la difesa ha presentato la sua causa, ma si aspetta che i riassunti in questo caso richiedano almeno un giorno e, data l’imminente festa del Memorial Day, “non c’è modo di fare tutto ciò che è necessario”. da fare” prima di allora.

“Ci vediamo tra una settimana”, disse Merchan.

IL Le giurie potrebbero iniziare a deliberare la prossima settimana per decidere se Trump è colpevole di 34 reati di falsificazione di documenti aziendali.

I pubblici ministeri hanno accusato Trump di un piano per seppellire storie negative e spesso salaci che avrebbero potuto silurare la sua campagna presidenziale del 2016 e poi di aver falsificato i registri aziendali interni per coprire i pagamenti segreti associati al presunto piano. Ha negato le accuse.

Michael Cohen, ex avvocato del candidato repubblicano alle presidenziali ed ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, lascia la sua casa di Manhattan per testimoniare nel processo penale di Trump con l’accusa di aver falsificato documenti aziendali per nascondere il denaro pagato per mettere a tacere la porno star Stormy Daniels nel 2016, a New York. Città, Stati Uniti, 20 maggio 2024. REUTERS/Eduardo Muñoz

I pubblici ministeri hanno chiuso il caso lunedì dopo che il testimone principale Michael Cohen ha concluso la sua testimonianza. Cohen ha trascorso quasi quattro giorni interi sul banco dei testimoni, ponendo l’ex presidente esattamente al centro del presunto complotto. La difesa ha chiamato solo due testimoni dopo la conclusione della testimonianza di Cohen: l’assistente legale Daniel Sitko e l’avvocato Robert Costello.

Il processo è giunto al ventesimo giorno.

Trump si è dichiarato non colpevole di 34 accuse di crimini.

Il caso è il primo processo penale contro un ex presidente degli Stati Uniti e il primo di quattro atti d’accusa contro Trump a raggiungere una giuria.

La rappresentante Maria Elvira Salazar (R-FL) parla ad una conferenza stampa dei sostenitori dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump dopo aver assistito al suo processo per aver presumibilmente nascosto pagamenti di denaro nascosti relativi a una relazione extraconiugale con Stormy Daniels, a Manhattan, New York, Stati Uniti maggio 21, 2024. REUTERS/David ‘Dee’ Delgado

Un gruppo di alleati dell’ex presidente, tra cui leader statali repubblicani, legislatori, procuratori generali statali e suo figlio Donald Trump Jr., ha tenuto una conferenza stampa martedì mattina vicino al tribunale di Manhattan.

“Siamo qui perché siamo amici di Donald Trump, il presidente degli Stati Uniti, e quando un amico ha problemi, i suoi amici lo sostengono”ha detto il vicegovernatore del Texas Dan Patrick. “Se riescono a perseguire l’ex presidente degli Stati Uniti d’America, che ha la capacità e le risorse finanziarie per difendersi, cosa accadrà all’americano medio?”

Il rappresentante degli Stati Uniti Troy Nehls del Texas indossava una cravatta su cui erano impresse le foto di Trump che abbraccia la bandiera americana.

“Non lo vogliono al ballottaggio”Ha detto Nehls, prima di paragonare la capacità di Trump di attirare folle a quella del Papa. “Sono cinque settimane in tribunale in cui dovresti contattare il popolo americano e dire loro cosa vorresti fare per questo Paese.”

Donald Trump Jr. partecipa a una conferenza stampa dei sostenitori dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump. REUTERS/David ‘Dee’ Delgado

Dopo la conferenza stampa, a Donald Trump Jr. è stato chiesto perché suo padre non avesse testimoniato.

“Non ci sarebbe assolutamente alcuna ragione, nessuna giustificazione per farlo”, ha detto. “Tutti la vedono come una farsa.”

(con informazioni da AP)

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Chi è Marta Peñate, concorrente di ‘Survivientes: All Stars’ su Telecinco?
NEXT L’ultima versione di Jim Cramer su ConocoPhillips (NYSE:COP)