Trump decide di non testimoniare nel suo processo penale per falsificazione di documenti

L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump (2017-2021) ha deciso di non testimoniare questo martedì come testimone della sua difesa nel processo penale a New York, dove è accusato di aver falsificato documenti per mettere a tacere un’attrice porno e proteggere la sua carriera presidenziale nel 2016 .

L’ex presidente aveva finora lasciato aperta la possibilità di testimoniare, nonostante, secondo la stampa specializzata, i suoi legali lo sconsigliassero.

La difesa ha annunciato martedì che non intende citare altri testimoni, vanificando così l’unica possibilità per l’imputato di prendere posizione.

Trump, che è il primo ex presidente degli Stati Uniti a sottoporsi a questa procedura, è accusato in questo processo di 34 gravi reati di falsificazione di documenti commerciali e, se giudicato colpevole, potrebbe essere condannato a una pena che va dalla libertà vigilata a quattro anni di libertà vigilata prigione.

La settimana scorsa, Michael Cohen, avvocato e braccio destro dell’ex presidente, ha testimoniato che Trump gli ha ordinato di pagare 130.000 dollari per mettere a tacere Stormy Daniels, una porno star che afferma di aver avuto rapporti con Trump nel 2006, durante la campagna, e ha spiegato in dettaglio come in seguito lo ha rimborsato delle sue spese.

Potrebbe interessarti: Cohen testimonia che rubare a Trump è stato “auto-aiuto” nel processo segreto

Trump decide di non testimoniare nel suo processo penale per falsificazione di documenti

Da parte sua, Daniels ha dichiarato davanti al tribunale penale di Manhattan di aver avuto rapporti sessuali con il magnate repubblicano.

Trump, che si candida anche quest’anno alla presidenza, ha più volte negato di aver avuto rapporti sessuali con Daniels o di aver commesso qualsiasi altro crimine.

La prossima settimana, dopo la conclusione delle discussioni, la giuria composta da dodici persone dovrà concordare all’unanimità il verdetto.

Se, ad esempio, undici giurati concordano su una condanna e uno non è d’accordo, Merchan probabilmente chiederà a tutte e dodici le persone di continuare a deliberare fino a raggiungere una decisione.

Se i giurati non riescono ancora a raggiungere un consenso, Merchan potrebbe essere costretto a dichiarare un errore giudiziario, che è ciò che accade quando un processo termina prima che venga emesso un verdetto.

Con informazioni da EFE.

Piccolo testo e grandi informazioni nella nostra X, seguici!

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Recensione del film Osservato: Benvenuti al “cinema Nepo”
NEXT Muore un cubano colpito da una fuga di gas nella compagnia petrolifera di Varadero