Esplosione nel VMT: Osinergmin sospende le attività del rubinetto danneggiato e il premier Adrianzén ne chiede la chiusura definitiva

Esplosione nel VMT: Osinergmin sospende le attività del rubinetto danneggiato e il premier Adrianzén ne chiede la chiusura definitiva
Esplosione nel VMT: Osinergmin sospende le attività del rubinetto danneggiato e il premier Adrianzén ne chiede la chiusura definitiva

Esplosione al VMT il giorno dopo (Andina)

Un’esplosione meccanica registrata al rubinetto Primax Espinoza nel distretto di Villa Maria del Triunfo Ha lasciato 54 persone ferite e una persona morta. In risposta a questo sfortunato evento, il Ha disposto l’Organismo di Vigilanza per gli Investimenti nel settore Energetico e Minerario (Osinergmin). la sospensione delle attività dello stabilimento interessato.

Gustavo Adrianzenpresidente del Consiglio dei ministri, ha informato che la licenza d’esercizio del rubinetto è stata sospesa ed ha espresso la sua opinione sul futuro del locale: “Mi risulta che la licenza d’esercizio è sospesa e la sorte di questo rubinetto, a quanto ho capito, chiunque parli , deve trattarsi della chiusura definitiva di tutte le operazioni che si stanno realizzando”, ha affermato in una conferenza stampa.

In questa linea, il sindaco di Villa María del Triunfo, Eloy Chávez, ha spiegato che con la sospensione della registrazione e dell’autorizzazione rilasciata da Osinergmin, “la licenza viene automaticamente sospesa”. Ha sottolineato che inizierà la procedura per la chiusura definitiva del rubinetto di Espinoza, aggiungendo che “questo è ciò che chiedono i nostri vicini per la loro sicurezza”.

Come ricorderete, nelle ore mattutine, il comune di Villa Maria del Triunfo ha emesso un comunicato in cui chiede al Gruppo Primax, proprietario dei locali danneggiati, di attivare un’assicurazione contro i danni provocati dall’esplosione di martedì notte.

Ugualmente, ha aggiunto che “una volta completati i lavori per controllare la fuga di gas e garantire spazi sicuri per i residenti, la suddetta stazione di servizio sarà definitivamente chiusa”.

D’altro canto, l’amministrazione della presidente Dina Boluarte ha riferito martedì che quattro distretti saranno dichiarati in stato di emergenza dopo “l’esplosione meccanica” avvenuta in una stazione di servizio a Villa Maria del Triunfoche ha provocato un morto e 54 feriti, oltre a causare ingenti danni materiali ad abitazioni, veicoli e ad un vicino centro commerciale.

Secondo il capo di stato maggiore, Gustavo Adrianzén, il decreto di emergenza necessario per far fronte alla situazione è nella fase finale di preparazione e sarà immediatamente presentato al Consiglio Consiglio del Ministro per la vostra approvazione. “Questa è una condizione legale che richiediamo affinché il Istituto Nazionale della Protezione Civile (Indeci) può fare il passo successivo dopo la prima risposta”, ha detto Adrianzén durante una conferenza stampa.

L’incidente è avvenuto intorno alle 17 di lunedì scorso, durante le operazioni di caricamento del gas naturale compresso (GNC) in un’autocisterna. Lui Organismo di Vigilanza sugli Investimenti Energetici e Minerari Ha spiegato che l’esplosione ha danneggiato gravemente la stazione di servizio e ha causato la distruzione delle zone circostanti.

D’altra parte, Adrianzen Ha chiarito che la situazione nella zona interessata resta pericolosa a causa di una fuga di gas controllata che, su segnalazione dei vigili del fuoco, non ha ancora consentito il completo intervento nella zona. «C’è una zona sulla quale, su indicazione dei vigili del fuoco, non è ancora possibile intervenire, visto che esiste ancora una fuga di gas controllata».

Esplosione al VMT il giorno dopo (Andina)

Il funzionario ha inoltre sottolineato che non si è trattato di una deflagrazione, ma di un’esplosione meccanica, e ha invitato ad attendere i risultati delle indagini prima di avanzare ipotesi sulle cause. “Non facciamo ipotesi […] Ci auguriamo che le indagini si concludano per determinare le modalità, le circostanze e i responsabili”, ha affermato Adrianzén, che ha insistito sul fatto che tutte le azioni successive saranno coordinate con la polizia. Ministero pubblico.

Per quanto riguarda la situazione giuridica, il capo di gabinetto ha dichiarato che il progetto di decreto di emergenza sta per essere inserito all’ordine del giorno della Consiglio del Ministro per la tua considerazione immediata. “La bozza del decreto emergenza è in fase di definizione e andrà subito all’ordine del giorno del Consiglio dei ministri”, ha ribadito.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Biden usa Juneteenth per fare appello al voto alle elezioni presidenziali
NEXT L’Hard Rock Stadium riceve la certificazione LEED Gold