Gli scienziati della NASA scoprono un “Mini-Nettuno” nella zona abitabile di un sistema multistellare – Enséñame de Ciencia

Gli scienziati della NASA scoprono un “Mini-Nettuno” nella zona abitabile di un sistema multistellare – Enséñame de Ciencia
Gli scienziati della NASA scoprono un “Mini-Nettuno” nella zona abitabile di un sistema multistellare – Enséñame de Ciencia

La ricerca di pianeti al di fuori del nostro sistema solare non si è fermata e recentemente gli scienziati della NASA hanno fatto una scoperta impressionante, dove hanno trovato un pianeta simile a Nettuno, solo di dimensioni più piccole e qui vi raccontiamo tutti i dettagli di questa impressionante scoperta, inoltre continua a leggere .

Chi ha fatto la scoperta del mini-Nettuno?

La sorprendente scoperta di “Mini-Nettuno” è stata fatta da un gruppo di scienziati che partecipano al progetto Planet Hunters TESS guidato dalla cacciatrice di pianeti Nora L. Eisner del Flatiron Institute di New York e pubblicata alla fine del mese scorso sulla rivista scientifica Il diario astronomico.

Nell’articolo, gli scienziati spiegano che Mini-Nettuno è stato trovato in una zona abitabile del sistema chiamata TOI 4633, con temperatura potenzialmente moderata, con i dati del satellite di studio sugli esopianeti in transito, utilizzando il metodo del “transito”.

Secondo le informazioni della NASA, questo metodo consente «misurare la piccola flessione nella luce stellare quando un pianeta attraversa la faccia della sua stella», qualcosa di molto simile ad un’eclissi solare sulla Terra.

Com’è il mini-Nettuno?

Il Mini-Nettuno è stato scientificamente chiamato “pianeta TOI 4633 c” e soprannominato “Percival” (dal nome di un personaggio della serie di libri di Harry Potter), che è caratterizzato da un’orbita quasi simile a quella terrestre di 272 giorni attorno alla sua stella. che è stato considerato il più luminoso e molto simile al Sole.

Gli è stato assegnato anche il termine Mini-Nettuno, perché gli scienziati suggeriscono che non abbia una superficie solida, oltre ad un’atmosfera ampia e densa, con vapore acqueo, idrogeno e metano, una caratteristica molto simile a Nettuno.

Queste informazioni potrebbero però cambiare a causa della probabile esistenza di un satellite compagno, che lo renderebbe potenzialmente abitabile, anche se sono ancora necessarie ulteriori ricerche per verificare e corroborare le condizioni di questo enigmatico pianeta.

Crediti immagine: NASA/Ed Bell per la Simons Foundation

“Se questo pianeta avesse una luna, quella luna probabilmente avrebbe una superficie solida, che potrebbe essere un ottimo posto per trovare l’acqua”, Eisner menzionato in una dichiarazione della Fondazione Simons.

Altri fatti interessanti

Oltre al mini-Nettuno, gli scienziati prevedono anche l’esistenza di un pianeta gemello, localizzato utilizzando il metodo della velocità radiale. Questo secondo pianeta probabilmente ha un’orbita piccola, solo 34 giorni, tuttavia sono necessari ulteriori studi per confermarne l’esistenza.

Un’altra informazione di questa ricerca, che è stata ancora più scioccante per gli scienziati, è la scoperta di una seconda stella in orbita attorno alla stella principale di TOI 4633, a soli 230 anni di distanza, che lo rende un sistema stellare binario.

“Trovare pianeti in sistemi multistellari è fondamentale per comprendere come si possano creare pianeti diversi dallo stesso materiale”menzionato Eisner.

D’altra parte, la NASA ha riferito in una dichiarazione che la scoperta di questo sistema stellare binario e del pianeta c può risolvere le incognite su come si formano ed evolvono i sistemi planetari, oltre a capire se tali disposizioni possono rimanere stabili per milioni di anni.

Condividi la scienza, condividi la conoscenza.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il tempo è essenziale?: Uno studio rivela quanto durano i cileni negli incontri sessuali
NEXT Dipartimento Morón vs. San Miguel dal vivo: come arrivano alla partita