Sebastian Stan è un brutale Donald Trump in “The Apprentice”

Sebastian Stan è un brutale Donald Trump in “The Apprentice”
Sebastian Stan è un brutale Donald Trump in “The Apprentice”

Tuttavia, c’è molto di cui divertirsi nel film, incluso a Maria Bakalova che divora lo schermo come l’affascinante e determinata Ivana Zelníčková, una modella che entra nell’orbita di Trump e diventa rapidamente sua moglie e compagna, con grande dispiacere di Cohn. Subito dopo, gli equilibri di potere tra Cohn e Trump cominciano a vacillare. Incoraggiato dall’avvocato, il magnate va avanti con la costruzione della Trump Tower, e presto diventerà l’argomento di discussione di New York mentre Cohn, ormai pallido ed emaciato dalla sua battaglia contro l’AIDS, cammina al suo seguito da una festa all’altra, ansioso il pubblico.

È in questa parte della storia, l’ex apprendista ora diventato maestro, che Stan si lascia andare completamente. L’attore sta gradualmente acquisendo i familiari tic di Trump: mentre Cohn lo incoraggia ad abbellire i suoi successi, il suo discorso diventa più enfatico; Maggiore è la notorietà, maggiore è il vanto. Ben presto cominciano a manifestarsi la gestualità esagerata delle mani, la tensione del labbro superiore e l’enfasi su certe parole quando si pronunciano minacce.

Quanto alla questione se ci siano momenti che rivelano un altro Trump oltre a quello che vediamo in televisione, ce ne sono diversi. Particolarmente affascinante una sequenza in cui piange dopo il funerale di suo fratello: quel muro impenetrabile e invincibile di spavalderia crolla in un modo che non potremmo mai immaginare nella vita reale. C’è anche un’altra scena, subito dopo la morte di Cohn, in cui si sottopone a liposuzione e riduzione del cuoio capelluto per nascondere la caduta dei capelli, che mette in risalto la sua vanità e solipsismo.

Ma, comprensibilmente, è un’altra scena che ha dominato le conversazioni dei frequentatori del festival: quella della proiezione un brutale stupro coniugalel. A questo punto del film, Trump ne ha abbastanza di Ivana, e quando lei gli fa un regalo per riaccendere la scintilla, lui le dice che non è più attratto da lei. Poi lei lo rimprovera per il suo aspetto, lui l’afferra, litigano, poi la getta a terra e la costringe a fare sesso (la sequenza romanza un episodio registrato nella deposizione di divorzio di Ivana Trump del 1990, che lei ha poi ritrattato). “Mi sono sentita violata”, dichiarò in seguito. “L’ho definita stupro, ma non voglio che le mie parole siano interpretate in senso letterale o criminale”.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Dipartimento Morón vs. San Miguel dal vivo: come arrivano alla partita