Lui è Barron Trump, il figlio minore dell’ex presidente che resta lontano dalla vita pubblica

Lui è Barron Trump, il figlio minore dell’ex presidente che resta lontano dalla vita pubblica
Lui è Barron Trump, il figlio minore dell’ex presidente che resta lontano dalla vita pubblica

Il figlio più giovane di Donald Trump finalmente non parteciperà alla Convention nazionale repubblicana di luglio.

Questo giovedì era stato riferito che il giovane avrebbe partecipato come delegato all’elezione di Trump come candidato presidenziale del Partito Repubblicano alla convention che si svolgerà in Wisconsin.

Ma il giorno dopo, sua madre Melania Trump ha detto che ciò non sarebbe accaduto.

“Anche se Barron è onorato di essere stato scelto come delegato del Partito Repubblicano della Florida, purtroppo rifiuta di partecipare a causa di impegni precedenti”, ha detto in un comunicato un portavoce della famiglia.

La partecipazione di Barron, 18 anni, aveva suscitato interesse data la sua giovane età e che fino ad ora era rimasto ai margini della campagna elettorale del padre.

Vi diciamo chi è il figlio più giovane di Trump.

Il protetto di Melania

Barron Trump, nato il 20 marzo 2006, si distingue fisicamente per la sua alta statura misura 201 cm.

Finora sua madre, Melania Trump, era riuscita in gran parte a tenerlo lontano dalla vita pubblica.

Barron Trump nel 2022.

Foto:Immagini Getty

Quando suo padre ha prestato giuramento come presidente nel gennaio 2017, Barron, l’unico figlio del matrimonio quasi ventennale di Donald e Melania, non si è trasferito immediatamente a Washington.

È rimasto con sua madre nella casa della Trump Tower a New York per finire l’anno scolastico prima di trasferirsi nell’estate del 2017.

Il suo trasferimento alla Casa Bianca all’età di 11 anni lo rese il primo maschio minorenne a vivere lì dai tempi di John F. Kennedy Jr. nel 1963.

Ha frequentato una scuola privata nel Maryland e raramente è apparso in pubblico perché, secondo fonti vicine, sua madre proteggeva rigorosamente la sua privacy.

I commenti sul suo aspetto e sul comportamento da parte dei detrattori di suo padre hanno suscitato frequenti lamentele da parte dell’ufficio della first lady, così come critiche da parte di altri figli di ex presidenti, in particolare Chelsea Clinton.

La famiglia si trasferì in Florida dopo il suo mandato e Barron frequentò una scuola privata a Palm Beach.

Barron sta attualmente studiando il suo ultimo anno di liceo e si diplomerà la prossima settimana.

“Molto interessato” alla politica?

L’inclusione di Barron nella Convenzione repubblicana è stato un altro esempio dell’elevato coinvolgimento in politica della nuova generazione del clan Trump.

Include anche l’elenco dei 41 delegati della Florida i suoi fratellastri Eric, Donald Jr e Tiffany Trumpanche se non a Ivanka, che si è dissociata dalla campagna di suo padre.

Lara Trump, nuora di Donald Trump, è stata nominata copresidente del Comitato nazionale repubblicano a marzo.

Quasi tutti i figli di Trump sono coinvolti nella campagna del padre in vista delle elezioni di novembre.

Foto:Immagini Getty

Un rappresentante della campagna ha detto alla ABC News che Barron era “molto interessato al processo politico della nostra nazione.”

E il presidente del partito della Florida, Evan Power, ha dichiarato pubblicamente: “Siamo fortunati ad avere un grande gruppo di leader di base, funzionari eletti e membri della famiglia Trump che lavorano insieme come parte della delegazione della Florida”.

La Convenzione repubblicana

Alla convention del partito, che si svolgerà a Milwaukee dal 15 al 18 luglio, Trump sarà confermato come candidato repubblicano per le elezioni presidenziali di novembre.

L’ex presidente ha ottenuto la nomina vincendo le elezioni primarie a livello statale, compresa quella della Florida.

Ciascuno dei 50 stati e territori del paese invia delegati alla convenzione per votare ufficialmente il proprio candidato presidenziale.

In questo caso si tratterebbe di una mera formalità, poiché non esiste alcun contendente che abbia la possibilità di competere con Trump.

I procedimenti legali che coinvolgono Trump stanno segnando la sua campagna.

Foto:Immagini Getty

L’ex presidente ha già vinto 2.037 delegati alle primarie repubblicane, molti di più dei 1.215 necessari per ottenere la nomination.

D’altro canto, il presidente Joe Biden sarà confermato come candidato democratico alla convention del suo partito a Chicago in agosto, dando vita alla prima rivincita delle elezioni presidenziali americane dal 1956, quando il repubblicano Dwight Eisenhower sconfisse il democratico per la seconda volta Stevenson.

L’attuale campagna di Trump è segnata dalle sue battaglie legali, poiché deve affrontare dozzine di accuse penali in quattro casi separati.

Nel suo primo processo, che è in corso a New York City, il giudice gli ha concesso un permesso speciale per presenziare alla laurea di Barron la prossima settimana.

E ricorda che puoi ricevere notifiche nella nostra app. Scarica l’ultima versione e attivali.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV I Black Dahlia Murder annunciano “Servititude”, il loro primo album dopo la morte di Trevor Strnad
NEXT Tremore in Colombia oggi, 20 giugno – LIVE: ultimi terremoti con ora, epicentro e magnitudo, tramite SGC | Indagine geologica colombiana | MESCOLARE