A causa dell’ondata di freddo e della carenza di gas, quasi 200 stazioni di metano rimangono senza rifornimento

A causa dell’ondata di freddo e della carenza di gas, quasi 200 stazioni di metano rimangono senza rifornimento
A causa dell’ondata di freddo e della carenza di gas, quasi 200 stazioni di metano rimangono senza rifornimento

Il consumo domestico di gas è salito alle stelle e la fornitura di metano ha dovuto essere interrotta in alcune parti del Paese. (D&N)

L’estensione del ondata di freddo il consumo di energia è salito alle stelle e alcuni distributori di gas naturale La settimana scorsa hanno dovuto interrompere la fornitura considerata “interrompibile” a quasi 200 stazioni di servizio del Paese che riforniscono Gas naturale compresso (GNC) ai veicoli secondo un’indagine effettuata Infobae nel settore privato. Per garantire l’offerta alla domanda residenziale, considerata “prioritaria”, in questi giorni si è protratta questa situazione che, viste le previsioni delle onde polari per il fine settimana, potrebbe peggiorare.

Il Governo parla già di “pre-emergenza” di fronte a quelli che saranno i minimi storici delle temperature e ha messo in guardia le ditte incaricate della distribuzione del fluido. Inoltre, Cammesa è uscita urgentemente questa settimana per organizzare spedizioni di combustibile liquido che costeranno circa 500 milioni di dollari per il Tesorouna spesa che non era stata originariamente prevista.

La zona del Paese più colpita dai tagli del metano è la provincia di Buenos Aires e il Capitale federale, poiché è lì che si trovano il maggior numero di stazioni che riforniscono i veicoli di apparecchiature a gas. In ogni caso, complicazioni si sono registrate nelle città di Tucumán, Santiago del Estero, Catamarca, La Riojatra gli altri.

Il Governo cerca di garantire che la fornitura di gas residenziale non subisca tagli. (Informazioni immagine illustrativa)

Le complicazioni si verificano per gli utenti che hanno contratti di “servizio interrompibile” che, a differenza di quelli “fissi”, sono più economici ma anche suscettibili di interruzioni. Sono colpiti anche alcuni settori e altri grandi utilizzatori.

Per quanto riguarda il metano, Camuzzi ha riferito di avere circa 132 utenti interrotti tra la provincia di Buenos Aires, la stragrande maggioranza, e la Patagonia. Da Metrogas Hanno spiegato che sono circa 30 le stazioni che hanno questo tipo di contratti. In caso di Gasnor Ha circa 9 interrompibili. Fonti di mercato hanno indicato a questo mezzo che in totale ce ne sarebbero circa 200 che hanno problemi di approvvigionamento.

Uno dei fattori che spiegano questa situazione del mercato locale è il ritardo nell’avvio “pieno” del gasdotto Néstor Kirchner, che attualmente funziona a metà della sua capacità a causa dei ritardi del governo precedente e dei freni del sistema gestione corrente alle immobilizzazioni destinate ai lavori pubblici.

A questo punto si aggiungono due questioni: l’approvvigionamento locale con navi GNL importate e la politica di sussidi che il Governo ha deciso di sostenere il suo obiettivo di sostenere il surplus fiscale e risparmiare dollari alla Banca Centrale. Il gas che arriva nel Paese via nave costa circa 13 dollari per milione di BTU, mentre il metano nelle stazioni di servizio viene venduto a 4 dollari per milione di BTU.

I distributori si rivolgono ai parcheggiatori che preferiscono assumere il “servizio interrompibile” per acquistare il fluido a un prezzo inferiore. I dettaglianti si difendono dicendo che non possono acquistare al triplo del prezzo di vendita alla pompa.

Cammesa è uscito per mettere in mare un tender di emergenza per carburante liquido. REUTERS/Issei Kato

Con le temperature che si ritiene abbiano toccato i minimi record per il mese in questi giorni, Infobae Ha annunciato oggi che il governo ha inviato una lettera alle aziende del settore del gas per metterle in allerta. È l’allarme di un forte aumento della domanda, che è già previsto, e richiede alcuni dettagli per l’operazione dei prossimi giorni.

La lettera è datata ieri, la firma Carlos Alberto Casaresrevisore dei conti di Enargas, e ha una copia del Segretario dell’Energia, Eduardo Rodríguez Chirillo. Si rivolge ai principali trasportatori e distributori di gas del Paese: TGN, TGS, Metrogas, Litoral Gas, Naturgy, Gas Nea, Gasnor, Camuzzi Gas Pampeana, Camuzzi Gas del Sur, Distribuidora de Gas del Centro, Distribuidora de Gas Cuyana e Redengas.

In questo senso, la lettera chiede “l’individuazione e la quantificazione dei contratti di trasporto interrompibili (TI) che potrebbero essere suscettibili di tagli, al fine di accelerare il processo decisionale in una situazione operativa in cui è a rischio la normale fornitura di gas naturale. ” Parlare di stato di “pre-emergenza”., Anche. È un termine protocollo e amministrativo, un modo metodologico per dire “sta succedendo qualcosa” e mettere la questione al centro del settore.

La mancanza di infrastrutture mette in dubbio la fornitura di gas per quest’inverno. REUTERS/Martin Cossarini

Questa situazione solleva la questione se l’Argentina avrà un’offerta sufficiente per la sua domanda energetica in inverno. Ad esempio, il progetto di invertire il Gasdotto Nord per invertire il flusso di gas che proviene dalla Bolivia da cui trasportare il fluido Mucca morta A Córdoba, Tucumán, La Rioja, Catamarca, Santiago del Estero, Salta e Jujuynon sarà completamente completato entro l’inizio del periodo invernale, come previsto nel 2023.

Ciò implica la necessità di importare gas affinché il nord del paese non soffra di carenze, poiché da luglio la Bolivia, per contratto, potrebbe tagliare le spedizioni a causa del calo di produzione subito dal paese vicino.

Il governo sottolinea che il principale problema attuale nell’approvvigionamento di gas naturale del paese è che il sistema dei trasporti sta affrontando un forte disinvestimento a seguito di anni di congelamento delle tariffe. Ecco perché, dicono, i gasdotti non supportano il gas di cui la domanda ha bisogno.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Una società ha annunciato il primo investimento in attesa del RIGI: ha proposto di contribuire con 700 milioni di dollari per espandere le reti e sostituire le importazioni di gas
NEXT Preghiera potente a San Luigi Gonzaga per ottenere da Dio ciò di cui più hai bisogno