La Cina inizia il secondo giorno di esercitazioni di guerra intorno a Taiwan: le Nazioni Unite hanno esortato Pechino e Taipei a evitare l’escalation del conflitto

La Cina inizia il secondo giorno di esercitazioni di guerra intorno a Taiwan: le Nazioni Unite hanno esortato Pechino e Taipei a evitare l’escalation del conflitto
La Cina inizia il secondo giorno di esercitazioni di guerra intorno a Taiwan: le Nazioni Unite hanno esortato Pechino e Taipei a evitare l’escalation del conflitto

L’esercito cinese ha iniziato questo venerdì il suo secondo giorno di manovre di guerra intorno a Taiwan, con esercitazioni per testare la sua capacità di “prendere il potere” e controllare aree chiave, esercitazioni che, ha detto, hanno deciso di punire il nuovo presidente taiwanese Lai Ching-te per i suoi “atti separatisti”, mentre l’ONU ha esortato entrambe le parti a evitare un’escalation del conflitto.

Il portavoce del segretario generale delle Nazioni Unite, Stéphane Dujarric, ha affermato che “per quanto riguarda la Cina, posso dirvi che stiamo seguendo da vicino lo sviluppo degli eventi nello Stretto di Taiwan. Invitiamo le parti coinvolte a farlo astenersi da azioni che possano aggravare le tensioni nella regione. (…) Sulla questione della Cina, siamo guidati dalla risoluzione dell’Assemblea Generale del 1971.”

La norma a cui fa riferimento Dujarric è la risoluzione 2758 della XXVI Assemblea Generale, del 1971, con la quale la Repubblica Cinese, con capitale a Taiwan, è stata sostituita dalla Repubblica Popolare Cinese, con capitale a Pechino, come unica legittimazione cinese rappresentante nell’organismo.

I due giorni di esercitazioni nello Stretto di Taiwan e attorno a gruppi di isole controllate da Taiwan vicino alla costa cinese Cominciarono appena tre giorni dopo l’insediamento di Lai.

La Cina, che considera Taiwan un proprio territorio e denuncia Lai come “separatista”, lunedì ha censurato il suo discorso di insediamento, in cui ha esortato Pechino a porre fine alle sue minacce e ha affermato che entrambi i lati dello stretto “Non sono subordinati l’uno all’altro.”

Il Comando del Teatro Orientale dell’Esercito Popolare di Liberazione ha dichiarato in un breve comunicato che le sue forze hanno continuato ad operare anche questo venerdì esercizi, chiamati “Spada Congiunta”.

L’obiettivo delle esercitazioni è “mettere alla prova la capacità di prendere congiuntamente il potere, lanciare attacchi congiunti e occupare aree chiave”.

Nel frattempo Lai si è più volte offerto di avviare colloqui con la Cina, ma è stato rifiutato. Lo afferma solo il popolo di Taiwan può decidere del proprio futuro e respinge le pretese di sovranità di Pechino.

Le autorità cinesi hanno ribadito in numerose occasioni che l’indipendenza di Taiwan non sarà tollerata Non escluderanno l’uso della forza per impedire la secessione.

I legami tra la Cina e l’isola di Taiwan, che considera un’altra provincia sotto la sua sovranità, furono interrotti nel 1949, dopo che le forze del partito nazionalista Kuomintang furono sconfitte nella guerra civile contro il Partito comunista e si trasferirono nell’arcipelago. I rapporti furono ristabiliti solo a livello aziendale e informale alla fine degli anni ’80.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Stonehenge intatto dopo essere stato spruzzato di vernice dai manifestanti per il clima
NEXT Il petrolio mantiene i guadagni mentre l’ottimismo degli investitori eclissa la costruzione delle scorte statunitensi