La fine del processo per corruzione di Trump si avvicina. Cosa puoi aspettarti?

Il primo processo penale contro un presidente americano si conclude presso il tribunale penale di Manhattan dopo cinque settimane di testimonianze e buffonate straordinarie.

Donald Trump è accusato di 34 capi d’accusa di falsificazione illegale di documenti aziendali per nascondere un pagamento di 130.000 dollari all’attrice porno Stormy Daniels un mese prima delle elezioni presidenziali del 2016 per garantire il suo silenzio su un presunto incontro sessuale nel 2006.

Trump nega sia la relazione che le accuse contro di lui.

Dal 15 aprile, i giurati hanno ascoltato le testimonianze di una serie di personaggi pittoreschi collegati al caso, tra cui l’ex faccendiere di Trump Michael Cohen, l’ex capo dei tabloid David Pecker e la stessa Daniels.

Nel frattempo, fuori dal tribunale, il pubblico americano ha sentito ogni giorno Trump fare commenti ai giornalisti, inveendo contro il caso e le persone coinvolte.

Ma quando Trump ha avuto l’opportunità di parlare sul banco dei testimoni, si è tirato indietro.

Ora sia l’accusa che la difesa hanno concluso le loro argomentazioni e la discussione finale è prevista per martedì 28 maggio.

La giuria inizierà quindi le deliberazioni per decidere il destino dell’ex presidente.

Mentre il processo si avvicina alla fine, ecco cosa aspettarsi:

E se Trump venisse giudicato colpevole?

I pubblici ministeri hanno “elevato” i reati minori (falsificazione di documenti aziendali) allo status di crimine sulla base del fatto che aveva falsificato documenti nel tentativo di commettere o nascondere un altro crimine. Gli altri presunti crimini includono cospirazione elettorale, finanziamento di campagne elettorali e violazioni della legge fiscale.

apri l’immagine nella galleria

L’ex presidente Donald Trump apparirà in tribunale con il suo avvocato Emil Bove martedì 21 maggio 2024 (getty)

Se condannato, Trump potrebbe teoricamente rischiare più di un decennio di prigione.

La pena massima per ciascun reato di classe E imputato è di quattro anni di carcere, che equivarrebbero a 136 anni dietro le sbarre, anche se New York impone un limite di 20 anni di carcere per questo tipo di crimini. Spetterebbe al giudice anche decidere se le sentenze debbano essere eseguite contemporaneamente o consecutivamente.

Dato che Trump non ha precedenti penali e i presunti crimini non sono di natura violenta, probabilmente non dovrà affrontare il carcere. Piuttosto, il giudice di New York Juan Merchán potrebbe imporre altre sanzioni come multe, libertà vigilata o rilascio controllato invece del carcere.

Naturalmente, Trump potrebbe essere ritenuto colpevole di alcune delle 34 accuse e assolto per altre.

Anche se non dovesse finire in prigione, una dichiarazione di colpevolezza potrebbe compromettere le possibilità di Trump nelle elezioni di novembre. In un sondaggio Reuters/Ipsos condotto ad aprile, un repubblicano su quattro ha indicato che non voterebbe per il candidato del proprio partito se fosse un criminale condannato.

E se Trump venisse assolto?

Se Trump venisse giudicato non colpevole di tutte le accuse, non potrebbe essere processato nuovamente per gli stessi crimini.

Ciò è dovuto alla clausola del doppio pericolo del quinto emendamento della Costituzione degli Stati Uniti, che vieta a qualcuno di essere perseguito due volte per lo stesso reato.

E se la giuria fosse fuori?

Secondo la legge di New York, i processi penali richiedono che una giuria raggiunga un verdetto unanime per condannare un imputato.

Pertanto, sarebbe necessaria una sola opinione dissenziente tra i giurati affinché il caso venga dichiarato nullo.

apri l’immagine nella galleria

Il giudice Juan Merchán osserva l’avvocato di Trump Todd Blanche interrogare Michael Cohen lunedì 20 maggio 2024 (Jane Rosenberg/Reuters)

Se il disaccordo è dovuto a una minoranza – ad esempio, se 11 sono d’accordo e solo uno si oppone – il giudice di New York Juan Merchán li esorterebbe a riprendere le loro deliberazioni nella speranza di trovare un terreno comune.

Ma se non si raggiungesse un consenso, il giudice sarebbe costretto ad annullare il processo.

In caso di errore giudiziario, il procuratore distrettuale di Manhattan Alvin Bragg potrebbe ritentare il caso.

È anche possibile che la giuria raggiunga un consenso su alcune delle accuse, ma non su tutte, il che potrebbe portare il giudice ad accettare un verdetto parziale. In tal caso, i pubblici ministeri potrebbero anche processare nuovamente Trump con le stesse accuse.

Quando riceverai la tua sentenza?

Se Trump verrà ritenuto colpevole, il giudice Merchán potrebbe scegliere di condannarlo immediatamente o fissare un’udienza di condanna per una data successiva.

Trump potrebbe fare appello?

Sì, Trump potrebbe presentare ricorso contro il verdetto.

Qualsiasi appello iniziale verrebbe prima esaminato dal Primo Dipartimento della Divisione d’Appello della Corte Suprema di New York e, in caso di insuccesso, potrebbe essere presentato ricorso alla Corte Suprema di New York.

È improbabile che il processo di appello si concluda prima del giorno delle elezioni, il 5 novembre.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Cristiano esulta: la straziante sconfitta per 2-1 del Portogallo contro la Repubblica Ceca :: Olé
NEXT Dipartimento Morón vs. San Miguel dal vivo: come arrivano alla partita