Mancanza di metano: sarebbero interessate oltre 200 stazioni di servizio

Mancanza di metano: sarebbero interessate oltre 200 stazioni di servizio
Mancanza di metano: sarebbero interessate oltre 200 stazioni di servizio

L’ondata di freddo che sta colpendo con forza la zona centrale del Paese, oltre alla zona patagonica, ha spinto l’ consumo di gas naturale e si è cominciata a constatare una carenza di Gas Naturale Compresso che colpisce già più di 200 stazioni di servizio. Nei giorni scorsi hanno dovuto sospendere la vendita di questo carburante, mentre la priorità è garantire il rifornimento residenziale ed essenziale.

Dal settore del vending hanno spiegato che non hanno ancora una data certa di normalizzazione. “Stiamo aspettando una risposta. All’inizio le stazioni di servizio interessate erano circa 100 e oggi siamo vicini a 200. “Dipendiamo dall’ingresso delle navi per risolvere la situazione”.hanno affermato gli erogatori di metano in dialogo con il canale di informazione TN.

Il governo intende acquistare 12 spedizioni di carburante liquido per evitare tagli alle forniture

Agli autoritari questo non piace

La pratica del giornalismo professionale e critico è un pilastro fondamentale della democrazia. Ecco perché dà fastidio a coloro che credono di essere i detentori della verità.

Le zone più colpite dalla mancata vendita di metano

Il punto più critico è il provincia di Buenos Aires e la Città Autonoma di Buenos Aires, dove è ospitato il maggior numero di stazioni che riforniscono i veicoli di apparecchiature a gas.

Tuttavia, Lo riferisce l’agenzia NA Ci sono state complicazioni anche a Tucumán, Santiago del Estero, La Pampa, Río Negro, Catamarca e La Rioja.

Il settore ha attivato la fase “pre-emergenza”: di cosa si tratta

Per mitigare questo conflitto e regolamentare l’offerta di metano, NA precisa che nel settore hanno attivato quella che viene definita la fase di pre-emergenza: monitoraggio permanente e interruzione della fornitura per gli utenti con contratti interrompibili, come quelli con alcune industrie e stazioni di metano.

A questo punto di maggio, il consumo di gas raddoppia rispetto a quello registrato nella stessa data del 2023, quando le temperature erano più favorevoli.

In questo contesto, I trasportatori e i distributori di gas su tutto il territorio nazionale hanno attivato tagli agli interrompibili e hanno mantenuto l’attenzione focalizzata sull’andamento della domanda.

Questa settimana il governo ha indetto una gara d’appalto per l’acquisto di combustibili liquidi (olio combustibile e diesel) affinché i generatori elettrici “rilascino” il gas che utilizzavano fino ad ora e consentire una maggiore offerta in quelli che dovrebbero essere i picchi della domanda.

Lo riferiscono i media specializzati EconoJournal Questa settimana, la Società amministrativa del Mercato all’ingrosso dell’elettricità SA (Cammesa) ha aperto una gara per l’acquisizione di 12 spedizioni di olio combustibile e diesel con l’obiettivo di rispondere all’aumento del consumo di gas di fronte all’avanzare dell’ondata di freddo ed evitare maggiori restrizioni nel sistema, che ha già iniziato ad essere limitato nella vendita di metano.

Secondo le informazioni raccolte da EconoJournal, la società incaricata della gestione del mercato energetico intende effettuare 7 spedizioni di 50.000 m3 di gasolio ciascuna e 5 spedizioni di olio combustibile per un totale di 200.000 tonnellate. Si stima che il costo di tutte le spedizioni ammonterebbe a circa 600 milioni di dollari. Le aziende interessate a partecipare alla gara dovranno presentare le loro offerte questo mercoledì.

Secondo il rapporto gestionale del capo di stato maggiore Nicolás Posse, davanti al Senato per questo inverno era prevista l’importazione di un massimo di 30 spedizioni di gas naturale liquefatto, di cui venti sono già state bandite e aggiudicate. “Il gas proveniente dalla Bolivia ha un contratto fisso fino a 5 MMm3/giorno fino al 31 luglio. Da quel momento in poi diventerà interrompibile. Uno scambio di gas fino a 4 MM m3/giorno è stato negoziato con Petrobras per i mesi di agosto e settembre di questo anno, per soddisfare i picchi di domanda,” ha spiegato Posse.

lr

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Panico nell’SMP: un operaio perfora per errore un tubo del gas naturale e produce una forte esplosione | Video | San Martino di Porres | PRESENTE
NEXT La Madonna della Luce e i santi che si festeggiano questo 1 giugno