La Cina ha lanciato nuove esercitazioni militari intorno a Taiwan per testare la sua capacità di “prendere il controllo” dell’isola

La Cina ha lanciato nuove esercitazioni militari intorno a Taiwan per testare la sua capacità di “prendere il controllo” dell’isola
La Cina ha lanciato nuove esercitazioni militari intorno a Taiwan per testare la sua capacità di “prendere il controllo” dell’isola

La Cina ha lanciato qualcosa di nuovo manovre militari intorno a Taiwan per cui sono progettati metti alla prova la tua capacità di “prendere il potere” sull’isola, come avvertito dall’Esercito popolare di liberazione (PLA) questo venerdì, quando le sue truppe hanno iniziato una seconda giornata di esercitazioni su larga scala nella regione.

Le manovre sono le più grandi da più di un anno e Vengono pochi giorni dopo che Lai Ching-te ha prestato giuramento come nuovo presidente di Taiwan, governato da un sistema democratico. La figura del nuovo presidente viene rifiutata da Pechino, che lo ha pubblicamente messo in discussione per aver difeso la sovranità e l’identità delle isole.

Pechino ha denunciato Lai come un “pericoloso separatista” e ha censurato il suo discorso di insediamento lunedì scorso, in cui il nuovo presidente ha chiesto alla Cina di fermare il bullismo nei confronti di Taiwan, fortemente accentuato sotto il leader Xi Jinping.

Il PLA, che supera di gran lunga l’esercito di Taipei, ha iniziato giovedì mattina due giorni di esercitazioni militari con navi da guerra e aerei da combattimento “intorno a Taiwan”, come “un “dura punizione per gli atti separatisti delle forze indipendentiste” di quel territorio.

Le aree intorno a Taiwan in cui si svolgevano le manovre militari cinesi.

“Le esercitazioni si svolgono nello stretto di Taiwan, a nord, a sud e ad est dell’isola di Taiwan, così come nelle aree intorno alle isole di Kinmen, Matsu, Wuqiu e Dongyin”, ha riferito la stampa del colosso asiatico. citando le dichiarazioni del portavoce militare dell’esercito cinese Li Xi, il quale ha anche assicurato che si tratta di un “serio avvertimento contro le interferenze e le provocazioni da parte di forze esterne”.

Per la sua parte, La Guardia costiera di Taiwan ha affermato di aver schierato le sue navi per difendere “la sovranità e la sicurezza del Paese” di fronte alle manovre militari messe in atto dall’esercito cinese, che hanno definito “provocazioni irrazionali”.

“Questa esercitazione militare non solo non aiuta la pace e la stabilità nello Stretto di Taiwan, ma evidenzia anche la mentalità militaristica del Partito Comunista Cinese (PCC), che è l’essenza dell’espansionismo e dell’egemonia militare”, ha affermato il Ministero della Difesa Nazionale di Taiwan (MDN) in un comunicato.

Venerdì, il Comando del Teatro Orientale del PLA ha dichiarato che stava continuando le esercitazioni su entrambi i lati dell’arcipelago di Taiwan per “testare la capacità di prendere congiuntamente il potere, lanciare attacchi congiunti e occupare aree chiave”.

In tale quadro, La televisione di stato cinese ha trasmesso un’animazione che simula un attacco cinese a Taiwanche mostra i missili lanciati sull’isola prima di raggiungere città come Taipei e Kaohsiung.

Le esercitazioni di due giorni, che comprendono operazioni congiunte dell’esercito, della marina, dell’aeronautica e della forza missilistica cinese, si svolgono nello stretto di Taiwan, uno stretto specchio d’acqua che separa l’isola dalla Cina continentale, così come dal nord. a sud e ad est di Taiwan, secondo il PLA.

Per la prima volta, le esercitazioni del PLA hanno visto anche la partecipazione della guardia costiera cinese, che ha operato in aree vicine alle isole periferiche taiwanesi di Kinmen, Matsu, Wuqiu e Dongyin, situate al largo della costa sud-orientale della Cina.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Dipartimento Morón vs. San Miguel dal vivo: come arrivano alla partita