Taiwan ha definito le esercitazioni militari cinesi una “flagrante provocazione all’ordine internazionale”

Taiwan ha definito le esercitazioni militari cinesi una “flagrante provocazione all’ordine internazionale”
Taiwan ha definito le esercitazioni militari cinesi una “flagrante provocazione all’ordine internazionale”

Un totale di 62 aerei da guerra cinesi e 27 navi sono stati rilevati nelle vicinanze di Taiwan nelle ultime 24 ore (REUTERS/Ann Wang/File)

Le manovre militari effettuate dalla Cina attorno a Taiwan sono state un “flagrante provocazione all’ordine internazionale“, ha dichiarato sabato l’esecutivo di Taipei, dopo due giorni di esercitazioni attorno a quest’isola dal governo autonomo e democratico, di cui Pechino rivendica la sovranità.

“La recente provocazione unilaterale della Cina non solo mina lo status quo di pace e stabilità nello Stretto di Taiwan, ma anche È anche una flagrante provocazione all’ordine internazionaleche ha suscitato seria preoccupazione e condanna da parte della comunità internazionale”, si legge in una dichiarazione del portavoce dell’ufficio presidenziale di Taiwan, Karen Kuo.

Un totale di 62 aerei da guerra e 27 navi cinesi sono stati rilevati nelle vicinanze di Taiwan nelle ultime 24 ore, nell’ambito del secondo giorno di Manovre militari cinesi in tutta l’isola, hanno riferito fonti ufficiali questo sabato.

Nel suo ultimo rapporto, il Ministero della Difesa Nazionale (MDN) di Taiwan ha indicato che 47 di questi aerei, inclusi Caccia SU-30 e bombardieri H-6hanno attraversato il linea mediana dello Stretto da Taiwan ed è entrato nella regione sud-ovest, sud-est e orientale del Zona di identificazione della difesa aerea (ADIZ) taiwanese.

Una foto fornita dal Ministero della Difesa Nazionale di Taiwan il 24 maggio 2024 mostra il cacciatorpediniere missilistico guidato di classe Kee Lung Ma Kong (DDG-1805) di Taiwan che manovra mentre monitora il movimento del cacciatorpediniere cinese Xi’an (DDG-153). ) in una località sconosciuta intorno alle acque di Taiwan (EFE)

Queste 47 incursioni sono le più numerose registrate dall’epoca 11 aprile l’anno scorso, quando la Cina lanciò una serie di manovre attorno a Taiwan dopo l’incontro tra l’allora presidente taiwanese, Tsai Ing-wene l’allora presidente della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, Kevin McCarthyin California.

Allo stesso modo, un numero imprecisato di questi aerei è passato a soli 72,2 chilometri dalla città settentrionale di Keelung e 76 chilometri da Capo Eluanbinella contea meridionale di Pingtung.

“Le forze armate della Repubblica di Cina (nome ufficiale di Taiwan) hanno monitorato la situazione e hanno impiegato aerei da combattimento, navi della Marina e sistemi missilistici costieri in risposta alle attività rilevate”, ha affermato l’MDN in una nota.

In totale, l’MDN trova 111 aerei da guerra -di cui 82 hanno attraversato la linea mediana dello stretto ed sono entrate nell’ADIZ taiwanese- e 53 navi della Marina e della Guardia Costiera cinese durante i due giorni di manovre, denominate Spada congiunta – 2024A (“spada unita” in inglese).

Lui Comando del teatro operativo orientale dell’Esercito popolare di liberazione (EPL) ha lanciato questa operazione giovedì mattina come “forte punizione” per “atti separatisti relativi all’indipendenza” dell’isola e come avvertimento “contro interferenze e provocazioni” da parte di forze esterne.

L’azione militare della Cina ha avuto luogo nella stessa settimana in cui ha assunto la presidenza di Taiwan Guglielmo Laiconsiderato da Pechino un “separatista” e un “piantagrane”.

Presidente William Lai (EFE/Ritchie B. Tongo)

Questo venerdì, il nuovo presidente dell’isola ha tenuto una videoconferenza con il suo ministro della Difesa, Wellington Kooe il capo di stato maggiore generale, Mei Chia-shuper valutare le attività dell’esercito cinese intorno all’isola.

L’Esercito nazionale ed io siamo pienamente consapevoli dei movimenti delle forze comuniste e disponiamo di risposte immediate e adeguate per garantire che il Paese e la popolazione siano sicuri e protetti.“, ha affermato Guglielmo Lai in un comunicato pubblicato sul suo account Facebook ufficiale, in cui chiedeva anche “unità” alla popolazione.

“L’Esercito è in prima linea per proteggere la sicurezza nazionale giorno e notte. Vorrei chiedere al popolo (taiwanese) di sostenere pienamente l’esercito nazionale; La nostra unità, cooperazione e collegamento con il mondo esterno sono il più grande sostegno dell’Esercito”, ha aggiunto.

(Con informazioni da AFP ed EFE)

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV La mappa di Assassin’s Creed Shadows sarà simile a quella di Origins
NEXT Impressionante incidente a Medellín: un abitante della strada è rimasto sotto un camion