La NASA vuole rimuovere tutti i detriti spaziali dall’orbita e propone un’idea per farlo

La NASA vuole rimuovere tutti i detriti spaziali dall’orbita e propone un’idea per farlo
La NASA vuole rimuovere tutti i detriti spaziali dall’orbita e propone un’idea per farlo

L’agenzia spaziale riferisce diversi metodi per affrontare un problema che comincia a causare più di un grattacapo

Ricreazione AI di detriti spaziali nell’orbita terrestre

Unisciti alla conversazione

Se le prossime missioni della NASA, oltre a quelle effettuate da altre agenzie spaziali e aziende private, vogliono avere successo quando si tratta di lasciare il pianeta, sembra che dobbiamo considerare idee per eliminare gli sprechi che si trovano intorno al pianetain un’area in cui migliaia di satelliti orbitano attorno alla Terra.

Le proposte della NASA per porre fine ai detriti spaziali

Potrebbe non essere il problema più urgente al momento, ma gli scienziati della NASA ne hanno già dato i primi indizi Possibili modi per gestire i detriti spaziali che ci circonda. Recentemente, un rapporto pubblicato sul sito della NASA ha tentato di rispondere a questa domanda, in modo interessante strategie che vale la pena controllare.

Il cosidetto Sindrome di Kessler, teorizzato dall’astrofisico Donald J. Kessler nel 1991, si riferisce al fenomeno che provocherebbe una valanga di detriti provenienti da oggetti spaziali. Al di sopra di una certa densità di oggetti, è più probabile una collisione con questi detriti, che produrrebbe più collisioni. Per evitarlo, La NASA propone quasi dieci metodi per rimuovere la spazzatura spaziale.

La ricerca si basa su una domanda interessante: “Quali sono le azioni più efficaci in termini di costi che possiamo intraprendere per affrontare il crescente problema dei detriti orbitali?”. Da un lato va sottolineato uno dei metodi più interessanti consisterebbe in riduzione del tempo che un satellite trascorre in orbita dopo la missionequalcosa che consentirebbe di liberare l’orbita a un costo relativamente basso.

Tuttavia, tengono conto anche Altre azionicome potrebbero essere armatura di aerei e satelliti, rintracciare i detriti spaziali o il disposizione dei pezzi di detriti spaziali più grandi. L’ufficio Tecnologia, Politica e Strategia della NASA ha già pubblicato un rapporto nel 2023 in cui sottolinea l’importanza di affrontare questo problema, sia da un punto di vista tecnico che da un punto di vista più economico.

Gerico Locke È un analista della NASA e ha rilasciato alcune dichiarazioni interessanti nell’articolo pubblicato sul sito dell’agenzia spaziale americana. Gerico assicura Quello:

Misurando tutto in dollari, possiamo confrontare direttamente la corazzatura degli aerei con il tracciamento di piccoli detriti o la rimozione di 50 pezzi di scarto di grandi dimensioni con la rimozione di 50.000 pezzi più piccoli.

Puoi seguire Tecno urbana su Facebook, WhatsApp, Twitter (X) oppure controlla il nostro canale Telegram per rimanere aggiornato sulle ultime novità tecnologiche.

Unisciti alla conversazione

VASO

Fondatore Dwight D.Eisenhower Data di fondazione 29-07-1958 Nome alternativo Amministrazione nazionale per l’aeronautica e lo spazio Numero di dipendenti 18000

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV I prezzi del petrolio scendono a causa dell’indebolimento della domanda dei consumatori statunitensi, dati cinesi
NEXT Dipartimento Morón vs. San Miguel dal vivo: come arrivano alla partita