‘The Apprentice’, ecco il film che Trump non vuole vedere al cinema: stupro, corruzione e anfetamine

‘The Apprentice’, ecco il film che Trump non vuole vedere al cinema: stupro, corruzione e anfetamine
‘The Apprentice’, ecco il film che Trump non vuole vedere al cinema: stupro, corruzione e anfetamine

L’apprendistail controverso film biografico dell’iraniano Ali Abbasi (Confine, Santo Spider) sull’origine come magnate di Donald Trump presentato con grande entusiasmo al Festival di Cannes, incontra ostacoli alla sua distribuzione negli Stati Uniti.

Lo hanno affermato gli avvocati dell’ex presidente e candidato repubblicano alle elezioni del 2024 negli Stati Uniti ha inviato una lettera di diffida al regista e ai produttori del film per impedire la vendita dei diritti di distribuzione e l’uscita nelle sale, come riportato da Variety.

“Il film è un ritratto corretto ed equilibrato dell’ex presidente”, hanno affermato i produttori del film in una nota. “Vogliamo che tutti lo vedano e poi decidano“.

[Todo lo que sabemos de ‘The Acolyte’: la serie del universo Star Wars ambientada en la Alta República]

Le star del film prodotte in modo indipendente Sebastiano Stan come Trump durante i suoi primi giorni da magnate immobiliare negli anni ’80, mentre sale al potere sotto la guida dell’avvocato e manipolatore politico Roy Cohninterpretato da Jeremy Strong, da Successione.

Mostra la sua evoluzione nel magnate negoziatore e vincitore che ha avuto un tale impatto sulla società, dipingendo quello che è stato descritto come “un ritratto molto umano, anche se poco lusinghiero” del magnate degli affari. Le sue piccole strategie commerciali legali, l’abuso di pillole dimagranti, liposuzioni e… stupro della prima moglie Ivana (Maria Bakalova) sono alcuni dei dettagli ritratti nel film.

“Questo ‘film’ è pura calunnia, non dovrebbe vedere la luce e non merita nemmeno un posto nella sezione DVD di un negozio di film scontati che chiuderà presto. Appartiene a un contenitore della spazzatura“Lo ha detto in un comunicato Steven Cheung, direttore delle comunicazioni della campagna Trump.

Alla conferenza stampa di presentazione L’apprendista a Cannes Abbasi ha risposto alle prime minacce legali di Trump, arrivate ancor prima della proiezione. “Tutti parlano di come abbia fatto causa a molte persone, ma non parlano del suo tasso di successo, sai”, ha detto. Si è anche offerto di proiettare il film per Trump, dicendo: “Non penso necessariamente che sia un film che non mi piace.“.

La sceneggiatura è firmata dal giornalista Gabriele Sherman e ci si aspettava sempre che il film fosse controverso, poiché arriva nel bel mezzo della campagna elettorale presidenziale e nel mezzo di un processo storico che segna la prima volta che un ex presidente degli Stati Uniti viene accusato a livello statale o federale.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Germania vs Scozia: data e ora in Messico da guardare dal vivo | EURO 2024
NEXT Taiwan e Messico, uniti per uno scopo sostenibile – El Financiero