I tori del dollaro si ritirano mentre l’economia americana si raffredda

I tori del dollaro si ritirano mentre l’economia americana si raffredda
I tori del dollaro si ritirano mentre l’economia americana si raffredda

Bloomberg — Il sentimento rialzista sul dollaro si sta rapidamente allontanando tra i segnali di un raffreddamento dell’economia statunitense e, per la prima volta in sei mesi, un gruppo di investitori detiene una posizione corta netta.

Leggi anche: Il carry trade è di moda nei mercati globali del reddito fisso e valutari

Sebbene la scorsa settimana i fondi a leva abbiano continuato a mantenere scommesse rialziste sul dollaro, secondo i dati della Commodity Futures Trading Commission, sono stati messi in ombra dall’aumento delle posizioni corte nette in dollari dei gestori patrimoniali. Insieme, hanno mantenuto a posizione corta netta con contratti per 5,36 miliardi di dollari al 21 maggio. Questa cifra contrasta con la posizione lunga netta di 2,02 miliardi di dollari della settimana precedente.

Durante questo periodo, i dati mensili sull’inflazione statunitense si sono raffreddati per la prima volta in sei mesi, mentre le vendite al dettaglio sono rimaste stagnanti in aprile, aumentando le probabilità di tagli dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve. Gli investitori rivolgeranno ora la loro attenzione al rilascio di venerdì delle spese per consumi personali – l’indicatore di inflazione preferito dalla Federal Reserve – per qualsiasi segnale che la banca centrale inizierà ad allentare la politica.

Le posizioni in euro e sterlina cambiano rispetto al dollaro Posizioni lunghe nette in dollari rispetto ad altre valute (in miliardi di dollari).(Bloomberg, Commodity Futures Tra)

“Il posizionamento sarà volatile nel breve termine, a seconda dei dati economici provenienti dagli Stati Uniti”, ha affermato Carol Kong, stratega valutaria presso la Commonwealth Bank of Australia. “Ma penso che i mercati alla fine diventeranno più ribassisti sul dollaro USA quando diventerà chiaro che il FOMC inizierà a tagliare i tassi”.

La valuta statunitense si è indebolita contro quasi tutte le valute del Gruppo delle 10 tra il 14 e il 21 maggio, provocando un Calo dello 0,4% nell’indice Bloomberg Dollar Spot. Quella settimana, gli investitori hanno aumentato le posizioni corte nette in dollari contro l’euro e hanno ridotto le posizioni rialziste contro la sterlina, contribuendo al cambiamento della posizione complessiva del dollaro. Le posizioni lunghe nette in dollari contro lo yen hanno continuato ad aumentare.

Affinché gli investitori possano prepararsi a un nuovo calo ciclico del dollaro, la Fed deve “iniziare a giocare”, ha affermato Rodrigo Catril, stratega valutario senior presso la National Australia Bank Ltd. “Quindi il PCE di questa settimana sarà importante, quindi un soft o.” La cifra in linea manterrà vive le aspettative di un taglio del tasso della Fed quest’anno”.

Maggiori informazioni su Bloomberg.com

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV #Euro2024 | Undici dati da Spagna-Italia
NEXT Quanto raggiungerà il valore di Nvidia?