È morto a 62 anni Francesco Petrozzi, tenore ed ex ministro della Cultura

È morto a 62 anni Francesco Petrozzi, tenore ed ex ministro della Cultura
È morto a 62 anni Francesco Petrozzi, tenore ed ex ministro della Cultura

Francesco Petrozzi è morto questo lunedì all’età di 62 anni. Diffusione.

La mattina di questo lunedì, 27 maggio, è stata comunicata la morte del politico e artista Francesco Petrozzi, che rimase nella carica di Ministro della Cultura durante il governo dell’ex presidente Martín Vizcarra. È morto anche l’ex deputato, membro del partito Fuerza Popular nel periodo 2016-2019. 62 annilasciando alle spalle una lunga carriera nel management pubblico così come nell’arte e nella musica.

-Sebbene le ragioni esatte della sua morte non siano state riportate, nell’agosto 2023, l’ex funzionario ha rivelato ai media Willax che gli era stato diagnosticato un cancro; ma che già si prendeva cura della malattia con le cure.

“Sento di aver avuto una bella vita, perché una bella vita significa fare e vivere ciò che ti piace, e posso dire di averlo fatto, ovvero cantare”, ha rivelato il musicista e tenore lirico in quell’intervista Basandosi sulla sua carriera, è stato nominato Ministro della Cultura durante l’amministrazione di Vizcarra Cornejo nel 2019.

Il Congresso invia una dichiarazione ai parenti di Francesco Petrozzi dopo averne annunciato la morte. Congresso.
Il Congresso invia una dichiarazione ai parenti di Francesco Petrozzi dopo averne annunciato la morte. Congresso.

Dopo aver appreso della sua morte, il Congresso della Repubblica ha diffuso un comunicato su tutte le sue reti sociali in cui “esprimeva le sue condoglianze alla famiglia dell’ex deputato, Francesco Petrozzi Francoper la sua morte sensibile.

“Lui Congresso della repubblica esprime le più sentite condoglianze alla famiglia e ai cari di Francisco Petrozzi Franco, ex deputato della Repubblica nel periodo 2016-2019; Possa riposare in pace”, si legge nel comunicato diffuso pochi minuti dopo la notizia della morte dell’ex parlamentare che militava nelle file della Fuerza Popular durante il suddetto periodo congressuale.

A soli 18 anni Petrozzi debutta nel Teatro Comunale di Lima come parte dell’opera Carmen. Nel 1986 vinse il primo posto nella Festival dell’Organizzazione Televisiva Iberoamericana. Secondo informazioni diffuse da vari media, Petrozzi lo era tenore solista nel Teatro dell’opera di Essen e nel opera bavarese tra il 1997 e il 2015, che ha consolidato la sua carriera internazionale.

Oltre alla sua esibizione in Germania, Petrozzi ha fatto parte del corpo docente della Facoltà di Musica dell’Università Università dell’Ontario Occidentale In Canada tra il 1994 e il 1996. Durante questo periodo ha contribuito in modo significativo alla formazione di giovani musicisti e allo sviluppo del programma musicale dell’istituzione.

Petrozzi non solo lasciò il segno sulla scena internazionale, ma fu anche un eccezionale pedagogo, operando in diversi ambiti istituzioni educative e festival musicali nel corso della sua carriera.

È così che il defunto Francesco Petrozzi si è dimesso dalla Fuerza Popular nel 2019

Francesco Petrozzi, celebre tenore peruviano ed ex Ministro della Cultura, è ricordato anche per la sua eccezionale partecipazione alla sfera politica. Come deputato della Repubblica, Petrozzi È stato eletto nel 2016 in rappresentanza di Lima per la panchina della Fuerza Popular. Nel corso del suo mandato si distinse per la promozione di progetti e leggi a favore della cultura e delle arti.

Uno degli aspetti più memorabili della sua carriera politica è stata la sua ferma presa di posizione a favore dell’etica e della lotta alla corruzione, che lo ha portato a dimettersi dal suo partito adducendo “differenze ideologiche” e a diventare un deputato indipendente. Durante la sua amministrazione, ha mostrato un particolare interesse nel promuovere l’inclusione culturale e il sostegno agli artisti nazionali.

“La mia coscienza mi chiama a fare ciò che ritengo giusto, giusto e necessario. Non possiamo permettere che il Paese continui nella situazione di polarizzazione e di crisi permanente in cui si trova. […] Sarà il popolo a giudicarci”, ha denunciato Petrozzi nella sua lettera di dimissioni dopo la partenza dalla Fuerza Popular.

Al Ministero della Cultura, incarico che ha assunto nel 2019 sotto il governo di Martin Vizcarra, Petrozzi si è impegnato a rafforzare il patrimonio culturale del Paese e a migliorare le condizioni dei lavoratori del settore culturale. Tra i suoi risultati più notevoli c’è l’attuazione di progetti di restauro e conservazione dei siti archeologici, nonché la promozione di politiche per la protezione della diversità culturale.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV “Mi ha detto che era la sua serie”
NEXT Benny Gantz si dimette dal gabinetto di guerra israeliano mentre crescono le proteste anti-Netanyahu