Eduardo Contreras Mella, una carriera immensa

È morto all’età di 84 anni il noto giurista, membro del Partito Comunista, difensore dei diritti umani e dedito alla ricerca della giustizia.

Hugo Guzman. Giornalista. “Il secolo”. Santiago. 27/05/2024. Provo rammarico ha suscitato la notizia della morte dell’avvocato per i diritti umani e attivista comunista Eduardo Contreras Mella, originario della sua amata Chillán, e che aveva 84 anni.

La carriera di Eduardo Francisco Contreras Mella è lunga e immensa, ricca di episodi avvincenti, lotte politiche, battaglie giudiziarie, contributi alla cultura, notevoli opere in esilio a Cuba e in Messico, lavoro legislativo e il suo eterno impegno per la difesa dei diritti umani e la ricerca e la consacrazione della giustizia.

Uno dei fatti che lo rendevano orgoglioso era quello di aver presentato, insieme alla leader del Partito Comunista Gladys Marín, la prima denuncia penale contro il dittatore Augusto Pinochet e le conseguenze nell’arresto a Londra, nel Regno Unito, dell’ex militare .

Fu deputato di Chillán, città della quale fu sindaco e consigliere. Militante fin dai primi anni Sessanta e membro del Comitato Centrale del PC per molti anni. Eminente giurista, vicedirettore dell’ Il secolo, editorialista per diversi media nazionali ed esteri. Professore universitario in Messico e Cile, membro di diverse organizzazioni per i diritti umani in Cile e in altri paesi, ambasciatore cileno in Uruguay, laureato all’Università del Cile. Nel 1976 ha conseguito la specializzazione in Teoria dello Stato presso l’Università dell’Avana, Cuba e in quel paese ha lavorato presso il Ministero della Giustizia; È stato direttore della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università delle Scienze Sociali e delle Arti (ARCIS) e direttore della Casa Chile in Messico. Nel 2022 ha pubblicato il suo libro “L’abitante di due secoli: memorie di un uomo felice”. Aveva la Medaglia Elías Lafferte, conferitagli dal Partito Comunista.

Eduardo Contreras era un amante del tango, della letteratura, degli incontri, del dibattito, con un enorme senso dell’umorismo, rigoroso e appassionato delle molteplici cause dei diritti umani che portava avanti.

Durante il periodo dittatoriale, sia in Cile che all’estero, svolse delicati compiti affidati dal suo partito. Ebbe stretti rapporti con leader politici cubani e messicani e mantenne legami di lavoro e di coordinamento con eminenti giuristi dei paesi europei e dell’America Latina.

Negli ultimi tempi ha continuato ad essere attivo nel Partito Comunista, seguendo questioni relative ai diritti umani come il Piano di ricerca dei detenuti scomparsi e prestando attenzione agli eventi internazionali e nazionali.

La veglia funebre si svolge presso la Casa Museo Michocán de los Guindos (“La Michoacana”), nel comune di La Reina, mentre vengono espresse espressioni di tristezza per la sua morte e il riconoscimento della sua eccezionale carriera di militante e avvocato comunista. Sono noti messaggi del Partito Comunista, di gruppi di parenti di prigionieri politici scomparsi e giustiziati, di organizzazioni per i diritti umani del Cile e di altre nazioni, di legislatori, giuristi, leader politici e amici in Cile, Cuba e Messico.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Dipartimento Morón vs. San Miguel dal vivo: come arrivano alla partita