Oggi, pensione CTS 2024 | Come accedere al 100% del mio CTS presso BCP, Scotiabank, Interbank e altro | RISPOSTE

Oggi, pensione CTS 2024 | Come accedere al 100% del mio CTS presso BCP, Scotiabank, Interbank e altro | RISPOSTE
Oggi, pensione CTS 2024 | Come accedere al 100% del mio CTS presso BCP, Scotiabank, Interbank e altro | RISPOSTE

Infine, la legge dell ritiro del 100% del CTS. Con le firme della presidente Dina Boluarte e del capo del PCM, Gustavo Adrianzén, è stata promulgata la legge 32027, che autorizza la cessione gratuita del 100% dell’importo della compensazione per il tempo di servizio (CTS) a tutti i lavoratori regolari e in formato foglio di calcolo. Questo ritiro è autorizzato una sola volta e durerà fino al 31 dicembre 2024.

Attualmente, la compensazione per il tempo di servizio (CTS) è un beneficio concesso ai lavoratori peruviani, come previsto dalla legislazione nazionale. Questo bonus, che viene concesso ai dipendenti due volte l’anno, ha lo scopo di aiutare se sono disoccupati.

Venerdì 17 maggio il governo ha promulgato l’autorizzazione al ritiro del 100% del fondo per la compensazione delle ore di servizio (CTS) fino al 31 dicembre 2024. La legge 32027 porta le firme della presidente Dina Boluarte e del titolare del PCM, Gustavo Adrianzen.

L’ultima disposizione complementare precisa che l’Esecutivo dispone di un termine massimo di 10 giorni di calendario per approvare le norme di questa legge, che decorreranno dalla sua entrata in vigore; cioè un giorno dopo la sua promulgazione. Questa domenica, 26 maggio, è stato riferito che il Ministero del Lavoro e della Promozione dell’Impiego ha approvato il Regolamento della Legge N° 32027 attraverso il Decreto Supremo N° 003-2024-TR, pubblicato sul quotidiano ufficiale El Peruano. Cioè il ritiro del proprio CTS potrà essere effettuato da questo lunedì 27 maggio.

Tieni presente che potrai prelevare i tuoi soldi fino al 31 dicembre 2024.

Segui queste raccomandazioni per rendere efficace il ritiro del tuo CTS. Ricorda che non è necessario presentare domanda, a differenza del ritiro AFP.

1. Contatta la banca dove il tuo datore di lavoro deposita il tuo CTS.

2. Controlla il saldo del tuo conto CTS e assicurati di conoscere l’importo esatto che hai a disposizione.

3. Scegli l’importo che desideri prelevare, che può essere totale o parziale.

È importante sapere che tutti coloro che sono interessati a ritirare il proprio CTS potranno farlo presso gli sportelli bancomat, presso la stessa banca con il proprio documento d’identità, tramite l’APP e il sito.

Con 95 voti favorevoli, nove contrari e un’astensione, il Congresso della Repubblica ha approvato il testo sostitutivo del parere dei progetti di legge 6495, 7010, 7130 e altri, che autorizza l’erogazione del 100% della Compensazione Oraria di Servizio (CTS ) dei lavoratori, fino al 31 dicembre 2024. Il testo è stato esente da una seconda votazione, ma dovrà ancora passare all’Esecutivo dove sarà osservato o definitivamente promulgato.

Di seguito riportiamo le due date in cui le aziende sono tenute ad effettuare il deposito CTS e queste sono:

  • Durante i primi 15 giorni di maggio (massimo fino al 15 maggio).
  • Durante i primi 15 giorni di novembre (massimo fino al 15 novembre).

Secondo le informazioni di Mauricio Matos, partner associato dell’Area Lavoro di EY Perù, per l’agenzia Andina, ha spiegato come calcolare il CTS in questo modo:

  • Per un lavoratore dipendente che percepisce uno stipendio principale impreciso o variabile, il CTS sarà il risultato della retribuzione media percepita dal lavoratore nei sei mesi che compongono ciascun periodo. Pertanto, la media dello stipendio è da novembre ad aprile (CTS di maggio) o da maggio a ottobre (CTS di novembre).
  • Quel dipendente che percepisce uno stipendio fisso ma ha una retribuzione complementare imprecisa o variabile, cioè fa straordinari, quindi questi importi verranno inclusi nel calcolo purché siano stati percepiti 3 o più volte nel periodo di novembre dell’anno precedente ad aprile (CTS di maggio) o nel periodo maggio-ottobre (CTS di novembre). In questo modo i concetti vengono sommati e divisi per 6.

È importante ricordare che, per calcolare l’importo, è necessario tenere conto della retribuzione mensile che percepisce il lavoratore, quindi aggiungere 1/6 del bonus (dividendo il bonus per sei). Il totale viene diviso per 360 e poi moltiplicato per i giorni lavorati (per l’intero semestre sarebbero 180 giorni).

  • Tutti i dipendenti del regime privato che lavorano, almeno, quattro ore al giorno tutti i giorni.
  • Dipendenti di piccole imprese che ricevono 15 pagamenti giornalieri per anno intero di servizio. La retribuzione massima giornaliera è pari a 90.
  • Nel caso dei lavoratori agricoli, il CTS è compreso nella retribuzione giornaliera in misura pari al 9,72% dello stipendio base. Tuttavia il lavoratore può richiedere il pagamento in maniera differenziata e semestrale, come nel regime comune del lavoro.
  • Recentemente sono stati inclusi i lavoratori domestici. A loro deve essere corrisposto il CTS alle stesse condizioni del regime comune del lavoro.

La Soprintendenza Nazionale Vigilanza del Lavoro (Sunafil) ha informato i lavoratori che il mancato deposito del CTS entro la data stabilita costituisce un reato grave per il quale potrebbero ricevere una sanzione come segue:

  • Piccola azienda: La sanzione va da 0,45 a 4,50 unità d’imposta (UIT), tra S/2.070 e S/20.700.
  • Aziende non Mype: La sanzione pecuniaria va da 1,57 a 26,12 UIT, pari ad importi compresi tra S/7.222 e S/120.152.

Il CTS, conosciuto anche come Indennità di Prestazione di Servizio, è una prestazione lavorativa istituita nel nostro Paese. Qui viene aperto un fondo di risparmio in cui i datori di lavoro devono depositare su un conto bancario a nome dei propri dipendenti affinché sia ​​garantita la loro stabilità economica sia in caso di disoccupazione che in altri casi.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Sebastián Sosa, vicino a un club argentino dopo il divieto di lasciare il Paese
NEXT Pedro Gallese si arrende ai piedi di un giocatore della Roja Sub 20: “Può dare tanto al Cile”