Papua Nuova Guinea: immagini della frana che ha lasciato sepolte almeno 2mila persone

Papua Nuova Guinea: immagini della frana che ha lasciato sepolte almeno 2mila persone
Papua Nuova Guinea: immagini della frana che ha lasciato sepolte almeno 2mila persone

Fonte immagine, Immagini Getty

Informazioni sull’articolo
  • Autore, Redazione
  • Ruolo, BBC Notizie Mondo
  • 27 maggio 2024

    Aggiornato 7 ore

Una frana mortale, che gli abitanti di un villaggio in Papua Nuova Guinea hanno definito come “una bomba che esplode in una frazione di secondo”, potrebbe aver seppellito vive almeno 2.000 persone, dicono le autorità.

La cifra, fornita dal direttore ad interim del National Disaster Center del Paese, è di gran lunga superiore ai 670 suggeriti dalle Nazioni Unite (ONU) nel fine settimana.

È difficile stabilire il numero esatto delle vittime del disastro che ha devastato questa cittadina nelle prime ore di venerdì.

I tentativi disperati di salvare i sopravvissuti o di rimuovere i corpi sono stati ostacolati dalla sporcizia e dal fango profondi 10 metri in alcuni punti, dall’accesso bloccato e dalla mancanza di attrezzature adeguate.

Sul campo, però, le speranze per gli abitanti delle montagne travolti dal disastro nella provincia di Enga si stanno spegnendo.

Foto aerea della frana in Papua Nuova Guinea.

Fonte immagine, Immagini Getty

Didascalia, Secondo un’agenzia governativa, una frana su una montagna in un villaggio nella zona rurale di Maip Mulitaka ha lasciato sepolte vive almeno 2.000 persone.
Squadra di soccorso con cibo per i sopravvissuti alla frana in Papua Nuova Guinea.

Fonte immagine, Reuters

Didascalia, Il primo ministro James Marape ha espresso le sue condoglianze e ha ordinato alle forze di difesa e alle agenzie di emergenza del Paese di recarsi nella zona, a circa 600 chilometri a nord-ovest della capitale Port Moresby.
La gente del posto e i membri delle Nazioni Unite partecipano alle operazioni di ricerca e salvataggio, guidate dalle forze di difesa della Papua Nuova Guinea, dopo che un'enorme frana ha colpito un villaggio nella provincia di Enga il 26 maggio 2024.

Fonte immagine, Immagini Getty

Didascalia, Prima del disastro vivevano nella zona circa 3.800 persone.
Immagine satellitare del 23 maggio, prima della frana.

Fonte immagine, Reuters

Didascalia, Immagine satellitare del 23 maggio, prima della frana.
Immagine satellitare del 26 maggio, dopo la frana.

Fonte immagine, Reuters

Didascalia, Immagine satellitare del 26 maggio, dopo la frana.
Mappa della Papua Nuova Guinea
Uomini alla ricerca e soccorso dei sopravvissuti dopo la frana.

Fonte immagine, Immagini Getty

Didascalia, I residenti del villaggio colpito di Kaokalam hanno detto che stanno aspettando che le autorità intervengano con operazioni di salvataggio più ampie.
Uomini alla ricerca e soccorso dei sopravvissuti dopo la frana.

Fonte immagine, Immagini Getty

Didascalia, Un leader della comunità che ha visitato il sito ha detto alla BBC che la gente del posto si sentiva lasciata a se stessa.
Una folla sul luogo della frana in un villaggio della Papua Nuova Guinea.

Fonte immagine, Reuters

Didascalia, “Scavare è molto difficile in questo momento perché siamo preoccupati per ulteriori frane e morti, quindi la popolazione locale scava solo dove può vedere che è sicuro”, ha detto il comandante ad interim della polizia provinciale Martin Kelei.
Una donna dell’Unicef ​​rimuove da un furgone le scatole di viveri per i sopravvissuti colpiti dalla frana in Papua Nuova Guinea.

Fonte immagine, Immagini Getty

Didascalia, L’Unicef ​​ha portato rifornimenti nella zona colpita.
Due bambini posano per la macchina fotografica nella zona della frana in Papua Nuova Guinea.

Fonte immagine, Immagini Getty

Didascalia, Serhan Aktoprak dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni ha affermato che ci sono una serie di sfide che devono affrontare le squadre che cercano di recuperare i corpi, inclusa la riluttanza di alcuni parenti in lutto a lasciare che macchinari pesanti si avvicinino ai loro cari.
Un uomo indica l'altura geografica crollata sopra il villaggio in Papua Nuova Guinea.

Fonte immagine, Immagini Getty

Didascalia, I residenti vengono evacuati poiché la regione rimane ad alto rischio a causa delle previsioni di ulteriori piogge.
Uomini armati di pale cercano corpi o possibili superstiti della frana in Papua Nuova Guinea.

Fonte immagine, Immagini Getty

Didascalia, La gente del posto usava pale e mani nude per cercare di tirare fuori le persone.
Veduta aerea del villaggio coperto dopo una frana in Papua Nuova Guinea.

Fonte immagine, Immagini Getty

Didascalia, Kelei ha visitato il sito diverse volte dopo il crollo di venerdì e ha detto che si potevano ancora sentire i sopravvissuti che chiedevano aiuto sotto le macerie.
Una folla si è preparata per le operazioni di soccorso in Papua Nuova Guinea dopo la frana.

Fonte immagine, Immagini Getty

Didascalia, Kelei ha descritto gli sforzi come precari, poiché la rimozione di rocce grandi quanto un’auto e di altre grandi barriere avrebbe comportato il rischio di ulteriori cadute di massi.
linea di separazione

E ricorda che puoi ricevere notifiche nella nostra app. Scarica l’ultima versione e attivali.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Dipartimento Morón vs. San Miguel dal vivo: come arrivano alla partita