Netanyahu definisce l’attacco di Rafah un “incidente grave”

Netanyahu definisce l’attacco di Rafah un “incidente grave”
Netanyahu definisce l’attacco di Rafah un “incidente grave”

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, durante il suo discorso alla Knesset, tra i fischi e le proteste delle famiglie, ha definito un “incidente grave” il bombardamento da parte dell’esercito della città di Rafah del giorno prima, che ha provocato almeno 45 morti degli ostaggi lì presenti.

“Stiamo indagando sul caso, questa è la nostra politica. Per noi, ogni danno ai civili non coinvolti è una tragedia”, ha detto Netanyahu in un’audizione alla Knesset (Parlamento israeliano) con le famiglie degli ostaggi sulla guerra nella Striscia, che ammonta a più di 36.000 morti, più del 70% civili.

Netanyahu ha assicurato che quanto accaduto domenica “è una tragedia per Israele”, ma una “strategia per Hamas” e ha insistito sul fatto che non ha intenzione di porre fine alla guerra nella Striscia di Gaza, riferisce I tempi di Israele.

“Coloro che dicono di non essere preparati a resistere alla pressione alzano la bandiera della sconfitta (…) Continuerò a combattere finché non sarà issata la bandiera della vittoria. Non ho intenzione di porre fine alla guerra prima che tutto sia stato raggiunto. gli obiettivi “, ha sottolineato.

“Se cediamo, il massacro tornerà. Se cediamo, daremo una grande vittoria al terrorismo, all’Iran”, ha aggiunto, tra le critiche dei parenti degli ostaggi di Hamas, che hanno rimproverato lui e il suo governo di boicottare un accordo per dichiarare un cessate il fuoco e riportare indietro i prigionieri.

Egli ha quindi definito le ultime indiscrezioni apparse sulla stampa secondo cui il governo non avrebbe collaborato in questo senso come “bugie che danneggiano solo le famiglie” e si è lamentato del fatto che l’attenzione è tutta su di lui e sul suo gabinetto e non sui leader di Hamas.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Tragico incidente sulla North Highway: morto un motociclista
NEXT Il nuovo Forum sulla Sicurezza si è riunito per la prima volta