Cosa succederebbe se la Cina scegliesse di bloccare Taiwan invece di invaderla?

Negli ambienti della difesa c’è un intenso dibattito su come farlo Cina prevede di andare avanti con il suo obiettivo di prendere Taiwan.

La Cina considera le opzioni per prendere Taiwan: invasione o blocco

Alcuni credono che il Repubblica Popolare Cinese si sta preparando a effettuare una massiccia invasione anfibia di Taiwan. Altri esperti, soprattutto nel Marina degli Stati Uniti, contestare questa valutazione. Pensano che i cinesi utilizzeranno un metodo più lento e metodico per riassorbire Taiwan, implementando un blocco a lungo termine. Ciò sarebbe integrato da altri approcci non cinetici come la pressione economica e la politica del rischio calcolato nel cyberspazio.

Cina sta sviluppando i mezzi per colpire Taiwan velocemente e con forza. Ne sono convinto Pechino ha le capacità per tentare uno sbarco anfibio quest’anno. Tuttavia, questo rappresenterebbe un grosso rischio per il presidente cinese Xi Jinpingche sta già avvertendo la pressione politica in patria dopo le sue politiche economiche fallite e i disastrosi protocolli di risposta al COVID.

Mentre una guerra su vasta scala unirebbe sicuramente il paese XiTuttavia, rimane una grande incognita se i cinesi riusciranno a ottenere la vittoria sull’isola, almeno prima che la gente in patria cominciasse a ribellarsi alla guerra.

Impatto culturale e familiare di un violento conflitto in Cina e Taiwan

È importante notare che, tuttavia Pechino vai a Taiwan Essendo una provincia ribelle, la maggior parte dei cinesi e dei taiwanesi si considera culturalmente cinese (in particolare, cinese Han). Inoltre, entrambi Cina COME Taiwan Apprezzano la vita dei loro figli. Se la guerra fosse così violenta come credono molti analisti, potrebbe destabilizzare la cultura familiare molto unita Cinamettendo a rischio la permanenza dell’ Xi come capo supremo della RPC.

Oltretutto, Cina ha posto l’accento sullo sviluppo e sul perfezionamento delle sue capacità di guerra asimmetrica o non convenzionale. Ciò si è manifestato in vari modi nell’ultimo decennio, dalla costruzione illegale di isole al Mar Cinese Meridionale e attacchi informatici prolungati contro l’infrastruttura di Taiwanfino allo schieramento delle navi del Guardia costiera cinese nella regione per molestare Filippine, Giappone E Taiwan.

Queste non sono dichiarazioni di guerra aperte. Ma sono tutti diretti ad un unico obiettivo: minare ed esaurire le capacità di una nazione bersaglio, come ad esempio Taiwanper resistere all’aggressione di Cina lungo termine.

Un blocco contro un’invasione anfibia

Un blocco, anche se tecnicamente è un atto di guerra, probabilmente non mobiliterebbe a ovest distratto e debole contro l’esercito di Cina, nello stesso modo in cui lo farebbe un’invasione anfibia più convenzionale. Fonti occidentali insistono sul fatto che Marina degli Stati Uniti ha le armi per devastare qualsiasi forza di blocco cinese nelle vicinanze Taiwan. Ma questo inasprirebbe la guerra. È improbabile che la leadership americana scelga questa strada a meno che ciò non accada Stati Uniti d’America è stato attaccato direttamente dalle forze cinesi.

Tuttavia, un blocco di Taiwan Avrebbe gravi conseguenze, non solo per il popolo taiwanese, ma per il mondo. Un recente rapporto che ha modellato gli impatti di un blocco cinese Taiwan ha mostrato gravi conseguenze. Secondo questo rapporto si tratterebbe di un blocco seguito dalle sanzioni occidentali Cina comporterebbe una perdita di 5mila miliardi di dollari del prodotto interno lordo globale.

Lui PIL degli Stati Uniti diminuirebbe di circa il 3,3%, mentre quello del Cina diminuirebbe dell’8,9%. Naturalmente, una società autoritaria piace Cina non deve preoccuparsi tanto del dolore economico, dal momento che i governanti Cina Non devono occuparsi delle elezioni. Tuttavia, i leader cinesi possono essere rovesciati. E se Xi sopravvaluta le sue possibilità e nel frattempo rovina la sua economia, potrebbe essere rimosso dal potere. Ma Cina ha sopportato molto in nome di obiettivi politici.

Il ruolo cruciale dei semiconduttori taiwanesi nell’economia globale

Taiwan produce circa il 46% dei semiconduttori mondiali. Questi sono i chip dei computer che alimentano la tecnologia più moderna. Un blocco di Taiwan spezzerebbe la catena di fornitura dei semiconduttori, con impatti negativi su quasi tutti i settori, compreso quello automobilistico. Ciò potrebbe mandare le economie occidentali in recessione. Cina Lo sai.

Gli strateghi di Pechino vedrebbero il blocco come un rischio calcolato. I suoi avversari sarebbero costretti a inchinarsi come gli antichi affluenti davanti al nuovo imperatore cinese, Xi Jinping. Altrimenti, il loro accesso ai dispositivi ad alta tecnologia verrebbe decimato e le loro economie impiegherebbero anni per riprendersi.

L’obiettivo di Cina sarebbe quello di mantenere le ostilità tra sé e ovest appena sotto la soglia della guerra totale, pur raggiungendo l’obiettivo di far crollare il governo democraticamente eletto Taiwan e riassorbire completamente l’isola nel RPC senza grandi sfide militari da parte dei sostenitori di Taiwan.

Confronto con il blocco di Cuba durante la crisi missilistica del 1962

Sì, un blocco è tecnicamente un atto di guerra secondo il diritto internazionale. Ma ciò non ha fermato l’amministrazione John F. Kennedy imporne uno in giro Cuba durante Crisi missilistica del 1962. Il mondo si è messo in fila per paura di cosa sarebbe potuto accadere se non lo avessero fatto. Allo stesso modo, indipendentemente da ciò che il mondo dice sui blocchi come atti di guerra, le maggiori potenze rischieranno ritorsioni Cina? Oppure proveranno soluzioni diplomatiche con incentivi economici?

Quest’ultimo è più probabile. Questo è proprio il motivo Pechino Potrei preferire lo strozzamento lento di Taiwan invece di un attacco improvviso e fulminante. Per quanto riguarda la ritorsione dell’alleanza occidentale, è vero Stati Uniti d’America potrebbe (e dovrebbe) collaborare con i suoi alleati per bloccare ulteriormente il Stretto di Malaccaattraverso il quale molti dei beni di Cina in viaggio verso i porti cinesi.

Tuttavia, nel corso degli ultimi anni, Xi ha provato a fare Cina essere resilienti alle sanzioni e ai blocchi. Per questo motivo i parchi di alcune importanti città d Cina Sono stati convertiti in terreni agricoli. Ecco perché il governo di Xi ha adottato misure per consolidare il controllo statale sulle aziende cinesi strategiche, anche se le misure sono economicamente dannose.

Alleanze strategiche e resilienza di fronte a blocchi e sanzioni

Ciò spiega anche la crescente alleanza commerciale tra Cina E Russiaun importante esportatore di materie prime e un’altra nazione sotto pressione ovest. Ovviamente bloccando Taiwan Non sarà la fine dei problemi. L’obiettivo finale di Pechino sarà quello di invadere, ma solo dopo aver indebolito il paese e reso la popolazione così disperata da accogliere con favore qualsiasi sollievo dal brutale blocco.

Tali strategie, pur essendo rischiose, sono da tenere d’occhio. Portano in primo piano tutte le tecniche di guerra ibrida Cina. ovest potrebbe trovarsi ad affrontare una crisi prolungata, che ostacola la sua capacità di rispondere con una forza schiacciante e di perseguire metodicamente la vittoria cinese.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Dipartimento Morón vs. San Miguel dal vivo: come arrivano alla partita