La NASA scopre un pianeta extrasolare potenzialmente abitabile a 40 anni luce dalla Terra

La NASA scopre un pianeta extrasolare potenzialmente abitabile a 40 anni luce dalla Terra
La NASA scopre un pianeta extrasolare potenzialmente abitabile a 40 anni luce dalla Terra

Tutti a volte ci siamo chiesti se esiste nell’immensità dell’universo. un pianeta che possiamo conquistare e sul quale è possibile vivere. La nostra casa comune è sempre più colpita dai cambiamenti climatici, per questo gli scienziati si sono assunti il ​​compito di trovare un luogo che soddisfi le caratteristiche necessarie per accogliere la razza umana.

In quell’ordine di idee, un team di astronomi della NASAha scoperto un pianeta extrasolare potenzialmente abitabile. Il pianeta si chiama Gliese 12b e viene trovato 40 anni luce di distanza, esattamente nella costellazione dei Pesci. Come confermano gli scienziati, Ha le dimensioni di Venereun po’ più piccolo della terra e ha temperature tropicali e temperate.

La scoperta è stata pubblicata sulla rivista Monthly Notice della Royal Astronomical Society il 23 maggio e rappresenta un progresso significativo nella comprensione dell’abitabilità dei pianeti. Shishir Dholakia, coautore dello studioafferma che “Gliese 12b è uno dei migliori casi da studiare per vedere se pianeti delle dimensioni della Terra orbitano stelle fredde possono conservare le loro atmosfere, un passo necessario per comprendere i pianeti della nostra galassia.”

Cosa sono le stelle fredde?

Gliese 12b orbita attorno alla sua stella ospite Gliese 12, una stella fantastica, in periodi di 12,8 giorni. Queste stelle sono caratterizzate da temperature superficiali significativamente più elevate. inferiore a stelle tipiche come il Sole. Inoltre, emettono la maggior parte della loro energia nel spettro infrarossosono più longeve e hanno colori più rossastri rispetto alle stelle più calde, che tendono ad essere blu o bianche.

A causa della loro stabilità e longevità, le nane rosse, che sono stelle fredde, Sono ottimi candidati per ospitare sistemi planetari che potrebbero sostenere la vita per lunghi periodi e per questo motivo sono sempre più studiati dagli scienziati.

Anche la bassa luminosità delle stelle nane rosse Rendono più facile determinare se i pianeti che orbitano intorno a loro sono abitabili e hanno acqua liquida sulle loro superfici, secondo la NASA.

La temperatura di Gliese 12b

Il suo clima lascia molte domande aperte nella comunità scientifica poiché la temperatura di questo pianeta è di 42 gradi. Anche se per noi può sembrare un’estate insopportabile, la verità è quella questa temperatura è molto più bassa di quella della maggior parte degli esopianeti confermata finora (circa 5.000).

Qui entrano in gioco due questioni: la prima è che è possibile che Gliese 12b non hanno un’atmosfera protettiva, cosa senza dubbio necessaria per determinarne l’abitabilità; e la seconda è che, se ha un’atmosfera, ci saranno due scenari: un’atmosfera simile a quella terrestre, composto da ossigeno, azoto e altri elementi necessari all’esistenza della vita; O un’atmosfera simile a quella di Venerecon un effetto serra che porterebbe le sue temperature all’estremo.

Tuttavia, la stella ospite È povero di metalli, come confermato dagli scienziatisuggerendo che potrebbe avere campi magnetici più deboli e più vulcanismo (gas e vapore acqueo rilasciati sotto pressione) rispetto alla Terra, il che potrebbe aiutare Gliese 12 a mantenere un’atmosfera.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Celta Fortuna: riepilogo, risultato e gol
NEXT Dipartimento Morón vs. San Miguel dal vivo: come arrivano alla partita