Mercoledì 29 maggio il dollaro colombiano ha registrato un trend ribassista: è scambiato a 3.849 dollari

Il dollaro ha iniziato le negoziazioni il 29 maggio al prezzo di 3.849 dollari, il che significa una diminuzione di 4 dollari rispetto al tasso rappresentativo di mercato definito dalla Superfinanza per oggi, che si trova a 3.853 dollari

Per quanto riguarda le transazioni in dollari, il volume scambiato Finora si attesta a 85,87 milioni, registrando anche un volume medio di 359,28 milioni.

A livello globale, l’indice del dollaro, che confronta la valuta americana con un paniere di altre sei valute, ha registrato questo mercoledì un trend al ribasso, registrando una variazione dello 0,20%, raggiungendo 104.740 unità.

La banconota da tenere nel portafoglio come portafortuna è quella da due dollari. | Foto: Immagini Getty

Come si stanno muovendo i mercati questo mercoledì?

Mercoledì la Borsa di New York ha aperto in ribasso poiché gli investitori temevano che i tassi di interesse potessero rimanere alti per molto tempo.

Nelle prime operazioni, l’indice Dow Jones ha perso lo 0,80%, l’indice tecnologico Nasdaq ha perso lo 0,76% e l’S&P 500 ha perso lo 0,76%.

Martedì Wall Street ha chiuso con risultati contrastanti, con le aziende tecnologiche che hanno spinto l’indice Nasdaq verso nuovi massimi e in attesa di nuovi dati sull’inflazione statunitense alla fine di questa settimana.

Il Nasdaq ha superato per la prima volta i 17.000 punti (+0,59%) e ha battuto un nuovo record dopo quello registrato venerdì. Il Dow Jones, dal canto suo, ha ceduto lo 0,55% e l’S&P 500 è rimasto stabile (+0,02%).

Questo è l’ultimo annuncio di una serie di grandi acquisizioni nel settore petrolifero statunitense, che si scontrano con le richieste di transizione verso l’energia verde.

In precedenza, ExxonMobil e Pioneer Natural Resources avevano annunciato accordi di acquisto per 60 miliardi di dollari, Chevron e Hess per 53 miliardi di dollari, e Occidental Petroleum e CrownRock per 12 miliardi di dollari.

MARCAIBO, VENEZUELA – 2 APRILE: Torri petrolifere e piattaforme appartenenti a Petróleos de Venezuela, SA, la compagnia statale di petrolio e gas, sono viste vicino alla riva del lago Maracaibo. Il 2 aprile 2019 a Marcaibo, Venezuela. (Il credito fotografico dovrebbe andare a José Isaac Bula Urrutia/ Eyepix/Future Publishing tramite Getty Images) | Foto: Pubblicazione futura tramite Getty Imag

Questa operazione consentirà a ConocoPhillips di rafforzare la propria posizione in aree ricche di shale oil e gas, come il bacino del Bakken a nord e il bacino del Permiano a sud.

La fusione offrirà “un potenziale significativo per le sinergie”, ha affermato Ryan Lance, CEO di ConocoPhillips.

Questo acquisto consentirà di “aggiungere superfici molto complementari al portafoglio onshore di ConocoPhillips negli Stati Uniti, con 2 miliardi di barili di riserve aggiuntive”, hanno indicato in una nota le società con sede in Texas.

L’indice dei prezzi, che per la prima volta in sei mesi ha accelerato, è stato influenzato dall’aumento dei trasporti pubblici.

D’altro canto, era anche noto che la Commissione europea, il braccio esecutivo dell’UE, ha annunciato mercoledì la creazione di un ufficio di esperti, economisti e avvocati per regolamentare l’uso dell’intelligenza artificiale nei paesi del blocco.

Questo ufficio mira a incoraggiare “lo sviluppo, l’implementazione e l’uso futuro dell’intelligenza artificiale in modo da favorire l’innovazione e i benefici sociali ed economici”, ha annunciato la Commissione.

Mercato azionario
Dopo l’aumento dei tassi di interesse negli Stati Uniti, diverse banche centrali in Europa sono state incoraggiate a prendere la stessa decisione. | Foto: Immagini Getty
 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Dipartimento Morón vs. San Miguel dal vivo: come arrivano alla partita