Cristina Kirchner ha criticato il governo per la crisi del gas e i “funzionari che non lavorano neanche”

Cristina Kirchner ha criticato il governo per la crisi del gas e i “funzionari che non lavorano neanche”
Cristina Kirchner ha criticato il governo per la crisi del gas e i “funzionari che non lavorano neanche”

L’ex presidente Cristina Fernández de Kirchner oggi ha criticato il governo di Javier Milei a causa della mancanza di gas che colpisce gran parte del Paese e ha citato il”funzionari che non funzionano”, assicurando che questo è uno dei problemi che ha la direzione di La Libertad Avanza.

L’ex vicepresidente ha criticato le politiche energetiche di fronte alla crisi dovuta alla mancanza di gas. «Con un surplus prelevato (nel mio quartiere la chiamano trota) e senza gas nel tubo», ha osservato in un post sul suo account X.

“Durante il governo del Frente de Todos, nell’autocritica online, ho citato come problema i funzionari che non lavoravano. Con l’attuale governo, al problema dei funzionari che non lavorano (perché non sanno o non capiscono) si è aggiunto un problema infinitamente più grave: quello dei idee che non funzionano, una combinazione letale in termini di gestione dello Stato”, ha osservato.

Fernandez de Kirchner ha criticato l’interruzione dei lavori del gasdotto Néstor Kirchner per mancanza di soldi e ha sottolineato che questa decisione rivela solo “la mancanza di conoscenza o la confusione che esiste attorno al concetto di spesa pubblica”.

“Prove di canto su funzionari e idee che non funzionano. Non trasferendo fondi agli appaltatori che eseguivano i lavori di compressione per circa 40 milioni di dollari, hanno dovuto noleggiare navi per importi molto più alti. Finora l’idea non ha funzionato, ma anche quando hanno calcolato le navi da acquistare, i funzionari hanno sbagliato i calcoli o non hanno avuto lungimiranza. Come ho detto: con i funzionari che non funzionano, più idee che non funzionano… niente può andare bene”, ha continuato.

E ha concluso: “PS: Non farò alcun commento sull’assenza del Presidente in questi momenti così complicati, dovuta ad una tournée artistica nel nord del Paese. Lo avevamo già caratterizzato il 14 febbraio nel nostro documento “L’Argentina nella sua terza crisi del debito”: un economista di spettacolo a La Rosada.

L’idea avanzata dall’amministrazione di estrema destra del “surplus fiscale o morte!”, come tutti i dogmi (eccetto quelli di fede), è destinata a fallire”, ha affermato.

E spiegava, in questo senso: “La paralisi di opere assolutamente complementari ma essenziali (leggasi compressori) al gasdotto Néstor Kirchner (autentiche opere pubbliche strutturali) sotto lo slogan delle reti del ‘non ci sono soldi’, rivela la mancanza di conoscenza o confusione che esiste attorno al concetto di spesa pubblica, soprattutto quando quella spesa è in realtà un investimento perché consente allo Stato di evitare maggiori spese successive”.

CRM

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Dipartimento Morón vs. San Miguel dal vivo: come arrivano alla partita