“400 utenti in ogni stazione rimangono senza gas al giorno”

“400 utenti in ogni stazione rimangono senza gas al giorno”
“400 utenti in ogni stazione rimangono senza gas al giorno”

La mancanza di gas naturale compresso (GNC) colpisce circa 300 stazioni di servizio nella provincia di Córdoba. Così disse La voce Marisa Centenaro, presidente della Camera dei Commercianti di Carburanti dell’Interno di Córdoba.

Centenaro ha spiegato che mediamente queste cartolerie vendono circa 90mila metri di metano al mese (3mila al giorno) e con il taglio non arriverebbero a quella cifra.

“Non recupereremo più quei soldi”, si lamentò. E assicura che «sono circa 300 o 400 gli utenti di ogni stazione che restano senza servizio ogni giorno nell’interno della provincia».

Inoltre, ha spiegato, nessuno può vendere gas perché correrebbe il rischio che i distributori risolvano i loro contratti. “Ci sono anche sanzioni economiche. Per ogni metro di gas venduto dovremmo pagare multe equivalenti a un litro di superbenzina”, ha affermato.

Dal dipartimento di Río Segundo, dove si trova una stazione, il presidente della Camera ha sottolineato che esistono diverse categorie per commercializzare il gas. E ci sono stazioni di servizio interrompibili e fisse. “I telefoni fissi pagano una tariffa per non interromperci il servizio in caso di necessità. Le società interrompibili non pagano tale tariffa”, ha affermato. E ha detto che da diversi giorni le stazioni interrompibili erano senza gas, quindi venivano rifornite dalle compagnie.

Sono circa 900 gli utenti per stazione che stanno perdendo il servizio. (Nicolás Bravo/La Voce)

Il taglio colpisce prima l’industria, poi le stazioni interrompibili e, infine, quelle fisse”, ha detto. “Nessuno sa quando avremo di nuovo il gas. Non abbiamo alcuna informazione. Sarebbe rischioso dire una data. “C’è molta improvvisazione”, ha detto.

Centenaro ha detto che questo martedì il distributore ha affermato che la carenza di gas era dovuta a un problema tecnico alla Transportadora de Gas del Norte in due dei suoi impianti. “Inizialmente ci avevano detto che il servizio sarebbe stato ripristinato nel giro di quattro o cinque ore. Ma poi è stata aggiunta la questione della nave proveniente dal Brasile, che non ha abbassato il gas”, ha detto.

Effetti

La situazione colpisce molte persone, ma nell’interno di Cordoba colpisce direttamente le agenzie di risanamento, che utilizzano metano nei loro veicoli e ora caricano benzina.

consultato da La voce, Due agenzie della Grande Cordoba (una a Río Segundo e un’altra a Pilar) hanno riconosciuto che a partire da oggi hanno adeguato la tariffa.

“Stiamo lavorando, ma a un prezzo diverso. Siamo passati da 1.400 dollari a 1.800 dollari per un viaggio di dieci isolati”, hanno osservato. E hanno assicurato che dopo il ripristino del servizio torneranno al prezzo precedente. Secondo quanto affermato da alcuni utenti, si sarebbero lamentati della nuova tariffa.

Diversa la situazione per i tassisti della Sierras Chicas, che lavorano normalmente e non hanno modificato i prezzi.

La mancanza di metano incide anche sul lavoro dei suoi addetti alla spiaggia. “Assegneremo loro altri compiti, principalmente la pulizia”, ​​ha detto un parcheggiatore.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Una brocca è esplosa in una sala da pranzo e una donna è morta
NEXT L’accordo con il Cile per il gas naturale per il nord dell’Argentina