Il pianeta Vulcano non esiste: lo conferma la NASA

Il pianeta Vulcano non esiste: lo conferma la NASA
Il pianeta Vulcano non esiste: lo conferma la NASA

Il pianeta Vulcano, reso famoso dalla serie “Star Trek”, è stato sfatato da un nuovo studio della NASA che rivela fluttuazioni stellari invece che un pianeta extrasolare.

Nel 2018 la possibile scoperta di un pianeta in orbita attorno alla stella 40 Eridani A, famosa per Star Trek, ha suscitato grande entusiasmo tra i fan della saga. Tuttavia, cinque anni dopo, l’esistenza del pianeta fu messa in discussione mentre i ricercatori ne discutevano la realtà.

Ora, un nuovo studio della NASA ha sfatato l’esistenza del pianeta Vulcano, famoso per essere la casa del signor Spock. La stella 40 Eridani A, presunto ospite di questo esopianeta, presentava solo un’illusione astronomica causata dai suoi impulsi e vibrazioni stellari.

Il rilevamento iniziale del pianeta nel 2018 ha suscitato grande entusiasmo; Tuttavia, la NASA ha pubblicato che le misurazioni precise dello strumento NEID, installato presso l’Osservatorio nazionale di Kitt Peak, hanno confermato che i segnali osservati erano semplicemente fluttuazioni stellari.

La NASA utilizza due metodi principali per rilevare gli esopianeti: il metodo del transito e il metodo della velocità radiale. Quest’ultimo, che traccia i sottili cambiamenti nella luce stellare causati dalla gravità di un pianeta, è cruciale per i sistemi in cui i pianeti non attraversano le stelle dalla nostra prospettiva. Misurazioni recenti, utilizzando l’effetto Doppler, ha rivelato che i segnali attribuibili a Vulcano erano in realtà il prodotto dell’attività stellare.

Anche se questa rivelazione smentisce l’esistenza del pianeta, le misurazioni precise del NEID promettono di migliorare la capacità di distinguere tra pianeti reali e fenomeni stellari nella ricerca futura.

*La scrittura di questo contenuto è stata assistita dall’intelligenza artificiale.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Dipartimento Morón vs. San Miguel dal vivo: come arrivano alla partita