La giuria del processo penale di Trump non riesce a raggiungere il verdetto nel primo giorno di deliberazione

La giuria del processo penale di Trump non riesce a raggiungere il verdetto nel primo giorno di deliberazione
La giuria del processo penale di Trump non riesce a raggiungere il verdetto nel primo giorno di deliberazione

New York, 29 maggio (EFE).- La giuria del processo penale contro Donald Trump per pagamenti irregolari all’attrice porno Stormy Daniels, che sta emettendo un verdetto, ha chiesto di esaminare le testimonianze del suo ex avvocato Michael Cohen e di un ex editore che ha contribuito a diffondere storie negative sul magnate David Pecker.

La giuria, composta da sette uomini e cinque donne, ha avanzato quattro richieste: tre riguardano la testimonianza di Pecker, ex direttore del tabloid The National Enquirer, che, secondo l’accusa, ha avuto un ruolo chiave nel seppellire notizie che avrebbero potuto danneggiare Trump le elezioni del 2016.

La quarta, invece, riguarda le dichiarazioni di Michael Cohen, ex avvocato e braccio destro di Trump, che nel 2016 pagò complessivamente 130mila dollari a Daniels per mettere a tacere una presunta relazione sessuale con il magnate nel 2006.

Nello specifico, i giurati vogliono la testimonianza di Pecker su una conversazione telefonica con Trump nel giugno 2016, in cui Trump ha riconosciuto di conoscere Karen McDougal, un’ex modella di Playboy che avrebbe avuto una relazione con Trump.

Vogliono anche le sue dichiarazioni su come ha deciso di non accusare Trump per il suo accordo di silenzio con McDougal e su un incontro alla Trump Tower.

La testimonianza di Cohen richiesta dalla giuria riguarda lo stesso incontro sulla Fifth Avenue a New York con l’ex presidente.

Oggi, dopo aver ricevuto istruzioni dal giudice per più di un’ora, la giuria ha iniziato a deliberare, un processo che potrebbe durare diversi giorni poiché tutti i membri devono concordare all’unanimità sul verdetto di “colpevole” o “non colpevole”.

Oltre a ciò, la giuria ha anche chiesto chiarimenti sulle istruzioni.

Questo mercoledì, la giuria delibererà fino alle 16:30 ora locale (20:30 GMT) in una stanza dove non avranno accesso ai propri telefoni.

Se almeno uno dei membri non è d’accordo, il giudice Juan Merchan chiederà ai dodici membri di continuare a deliberare fino a raggiungere una decisione congiunta e, nel caso peggiore – di mancanza di consenso – potrà dichiarare nullo tutto o parte dell’accordo e giudizio nullo.

Trump deve affrontare 34 capi di imputazione per falsificazione di documenti aziendali, tutti legati al rimborso al suo avvocato per aver pagato 130.000 dollari a Daniels nel 2016 per mettere a tacere una presunta relazione sessuale nel 2006, ma ciascuna delle accuse riguarda documenti indipendenti, come assegni e fatture.

Affinché i giurati ritengano Trump “colpevole” su tutti i 34 capi di imputazione, devono concludere non solo che Trump ha falsificato o organizzato la falsificazione di documenti aziendali “con l’intento di frodare”, ma anche che lo ha fatto con l’intento di nascondere un altro crimine. , quello di intervenire nelle elezioni presidenziali del 2016 in suo favore.

Se ritenuto colpevole, il magnate potrebbe essere condannato alla libertà vigilata o fino a quattro anni di prigione. Questo sarebbe lo scenario peggiore per Trump, che diventerebbe il primo candidato di un grande partito a candidarsi alla presidenza essendo dichiarato criminale. Inoltre non potrà votare alle elezioni.

In ogni caso, se Trump venisse giudicato colpevole, ci vorranno probabilmente diverse settimane o mesi prima che venga condannato dal giudice, periodo durante il quale verrebbe probabilmente rilasciato su cauzione, dal momento che sarebbe il primo delinquente nei confronti di un non- crimine violento.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Dopo la confessione di Hugo Bustamante: Confermano il ritrovamento di due cadaveri in casa sua
NEXT Scopri come funzionerà il commercio questa domenica 9 per le elezioni primarie del 2024