Come la terza stagione di “Only Murders in the Building” ha dato il via al musical

Per la terza stagione di “Murder in the Building” di Hulu, non è bastato che Meryl Streep e Paul Rudd si unissero al trio principale del cast composto da Steve Martin, Martin Short e Selena Gomez. Quando si è trattato di creare un musical perfettamente integrato per la stagione “Death Rattle Dazzle”, la mentalità del team di produzione sembrava essere questa: niente avrebbe funzionato meglio di due potenti duetti di cantautori.

Entrano Benj Pasek e Justin Paul (“Dear Evan Hansen”, “La La Land”) e Marc Shaiman e Scott Wittman (“Hairspray”, “Smash”), che insieme sono più vincitori di ogni premio del settore. Allora come ha fatto John Hoffman, il cantante dello show?

“Justin e io eravamo grandi fan di ‘Just Kills'”, ha detto Pasek durante una recente chiamata Zoom con i quattro scrittori. E ho detto che avremmo lavorato gratuitamente per lavorare allo show a qualsiasi titolo.

“Ci siamo detti: ‘Perché non riempire lo staff di sceneggiatori con il meglio di Broadway?’ “Aggiunse Paolo. “Così abbiamo invitato alcuni dei nostri scrittori preferiti, tra cui Mark e Scott, i nostri eroi. E non lo hanno detto”.

Molte canzoni sono emerse da questa collaborazione unica, tra cui “Which of the Pickwick Triplets Did It?”, un modo irresistibile di ascoltare e cantare insieme alla performance di Martin. È il fulcro del nuovo musical (cortometraggio) di Oliver Putman su tre bambini e una babysitter morta.

“È una canzone suonata con la batteria e pickwick “È una parola fantastica per indicare la liberazione”, ha detto Wittman. “Quindi quello è stato il punto di partenza. Ed è stata la prima volta che abbiamo scritto i testi con solo quattro persone nella stessa stanza. È stato davvero fantastico, sembrava di essere ad un quiz televisivo!

Una delle gag ricorrenti della serie è che Oliver ha una storia di produzione di polli. (Il musical è basato sul film The Piece del 1984! È solo una delle sue tante pessime idee.) “Questa è la domanda che ci siamo sempre posti: dovrebbe essere bello o un po’ fastidioso? E penso che la risposta sia che era… Ah!” Paolo ha detto.

Meryl Streep nel finale della terza stagione di Murder in the Building. (Patrick Harbron/Hulu)

Pasek ha aggiunto: “Il tema del musical è ridicolo”. “Ma abbiamo provato a scrivere una canzone che fosse il più divertente possibile; Sai, l’idea di accusare tre bambini di omicidio.”

La canzone non è solo un trionfo della scrittura, ma anche un trionfo dell’esecuzione per Martin, che prova la canzone in varie incarnazioni, non tutte riuscite, fino alle travolgenti prove di fine stagione. “È stato fantastico perché erano così assorbiti da tutti gli altri. [in the cast] ma nessuno è andato perché voleva vedere Steve”, ha detto Wittman.

“Probabilmente l’hanno fatto quattro volte”, ha detto Paul. “Quindi molto di ciò che vedi in un attore è in realtà la sua reazione. Questo è quello che è successo a vita-imitazione-arte-imitazione-vita”.

Tutti e quattro concordano sul fatto che i musical sembrano essere in TV in questo momento, con progetti recenti come “Shmigadoon!” e la leggendaria performance di Occhio di Falco da Rogers: The Musical (co-scritto da Shaiman e Wittman). Ma Shaiman non capisce perché gli esperti di marketing non dicono apertamente che la loro musica è… musica.

“È un mistero perché tutti questi film musicali usciti negli ultimi mesi avevano spot pubblicitari senza musica o canto”, ha detto. “Quindi c’è ancora il timore che la gente odierà la musica. Ma la gente ama la musica e tutti vogliono fare un episodio e tutti vogliono avere un episodio musicale. “Questa è una bella domanda a cui non conosco la risposta.”

“È un enigma”, ha detto Wittman.

Questa storia è stata pubblicata per la prima volta nel numero della serie Comedy della rivista TheWrap. Maggiori informazioni in questo numero.

Larry David fotografato da Mary Ellen Matthews
 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il primo avvocato che rappresentava la madre di Loan è morto
NEXT Lussemburgo, ultima tappa di Marta García verso i Giochi Olimpici di Parigi