Quanto verrà pagato per il consumo di giugno in base al livello di utenza

Quanto verrà pagato per il consumo di giugno in base al livello di utenza
Quanto verrà pagato per il consumo di giugno in base al livello di utenza

Con gli ultimi aggiornamenti, tra bollette di luce e gas Viene consumato il 5,1% del reddito familiare. Quella relazione era stretta 3% nel 2020 e fino all’anno scorso. Tuttavia, nel 2019 corrispondevano a 5,7% degli stipendi. Il livello più basso si è registrato nel 2014, quando le bollette equivalevano solo allo 0,9% del reddito familiare.

577501.jpeg

Con gli ultimi aggiornamenti, le bollette di luce e gas assorbono il 5,1% del reddito delle famiglie.

Quanto costerà l’energia elettrica a giugno?

Nell’area metropolitana di Buenos Aires (AMBA), un utente Edenor o Edesur pagherà in media la bolletta elettrica corrispondente al consumo di giugno $ 34.953 se Livello 1 (N1, reddito alto); $ 21.966 se è di Livello 2 (N2, reddito basso); o $ 26.259 se è di livello 3 (N3, reddito medio).

Stanno circa aumenti del 18%, 94% e 73%, rispettivamente, rispetto ai valori in vigore da febbraio 2024; e incrementi rispettivamente del 228%, 465% e 378%, rispetto a giugno 2023. Cioè, in questi ultimi due casi, al di sopra dell’inflazione, per recuperare il ritardo accumulato negli ultimi anni.

Misurazione dell’incidenza della bolletta dell’energia elettrica rispetto alla retribuzione, lGli utenti N1 destineranno in media il 3,1% del reddito registrato, il valore più alto degli ultimi 30 anni; mentre l’N2 utilizzerà l’1,2% e l’N3 l’1,7%, a meno che non superino i limiti di consumo sussidiabili (rispettivamente 250 e 350 kilowattora al mese).

Quanto costerà la benzina a giugno?

In caso di gas, un utente Metrogas pagherà in media $ 27.691 per la bolletta di giugno se è di Livello 1 (N1, reddito alto); $ 23.651 se è di Livello 2 (N2, reddito basso); o $ 24.968 se è di livello 3 (N3, reddito medio).

Sono incrementi rispettivamente del 6%, 19% e 9%, rispetto ai valori in vigore da aprile 2024; e aggiustamenti rispettivamente del 406%, 745% e 544% in termini interannuali.

Il confronto rispetto a La media del 2019 mostra una ritrazione del 22%, 34% e 30%, rispettivamente, in termini reali; mentre l’incidenza rispetto alle retribuzioni registrate sarà del 3,7%, 2,8% e 3,2%.

“In questo senso, la modifica e l’aggiornamento dello schema tariffario del servizio di rete gas, dopo un anno senza aggiustamenti, ha collocato il rapporto tariffa/retribuzione per le tre fasce di reddito intorno al livello massimo della serie di fine 2018 e 1 punto percentuale sopra la media degli anni ’90”, stimano gli economisti in questo documento.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Migliaia di persone voteranno in Venezuela con il desiderio di un cambiamento economico e di ricongiungimento familiare